Newsletter

.

Archivio post

Ultimi Commenti

Contatore

La gestione della realtà – Reality transurfing 4 – Vadim Zeland (esistenza)

17 Dic 2012 | Esistenza, Legge di attrazione, Transurfing

Product by:
Vadim Zeland

Reviewed by:
Rating:
3
On 17 Dicembre 2012
Last modified:22 Settembre 2022

Summary:

La gestione della realtà è il quarto libro del Reality Transurfing, la saga dedicata dal misterioso scrittore russo Vadim Zeland...

Le regole dello specchio - La gestione della realtà - Reality transurfing 4 - Vadim Zeland (legge di attrazione)Titolo: Le regole dello specchio – La gestione della realtà.
Autore: Vadim Zeland.
Argomenti: legge di attrazione, esistenza, esoterismo, sviluppo personale.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 2005.
Voto: 6.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiGiardino dei libriAmazon.

 

La gestione della realtà è il quarto libro del Reality Transurfing, la saga dedicata dal misterioso scrittore russo Vadim Zeland (che tra l’altro verrà in Italia il prossimo aprile per l’evento del Transurfing day) a un nuovo modo di concepire e di vivere la realtà.

Nuovo tra virgolette, visto che alla fine della fiera molti concetti, ed era ovvio che fosse così, si ritrovano in altri autori e in altre discipline del passato.
Il merito di Vadim Zeland, come sempre per casi editoriali di grande successo, è stato quello di presentare il tutto in modo accattivante da un lato e comprensibile dall’altro.
Ciò che spicca di Zeland, difatti, è lo stile espositivo, che cala il lettore letteralmente in un altro universo… magari fornendogli quella spinta emotiva al cambiamento che altri testi e autori non gli hanno saputo dare.

Attenzione, però, Zeland offre anche tecniche concrete, non solo “pennellate accattivanti”, e in questo senso è non solo piacevole alla lettura, ma anche applicabile dal lettore volenteroso.
Era già applicabile la trilogia di base del Transurfing (Lo spazio delle variantiIl fruscio delle stelle del mattino, Avanti nel passato), e va da sé che, se egli ha scritto altri libri, si presume che avesse altre cose importanti da dire.

Anche se, a dirla tutta, La gestione della realtà non le mostra, nel senso che, pur essendo stato stampato come libro singolo, pare più che altro essere da un lato un ripasso dei tre libri di base, e dall’altro l’introduzione al libro successivo, Le mele cadono in cielo, che non a caso è stato è stato distribuito con esso in un unico volumetto (intitolato Le regole dello specchio).
Qua da noi in Italia, almeno, non so nelle intenzioni originali dell’autore.

Ad ogni modo, io mi sono trovato in meno un libro a sé stante, per cui recensisco questo libro singolo, dicendovi francamente che esso in effetti non dice nulla in più dei libri precedenti, essendo un ripassone generale, peraltro un poco prolisso e poco coinvolgente all’inizio.

Forse l’unica cosa nuova è la dichiarazione d’intenzione, che però non è certo un concetto nuovo (se ne parla in quasi tutti i libri sulla legge di attrazione, e ancora prima nei libri del nuovo pensiero, e ancora prima…), mentre addirittura Zeland sembra prendere in giro il lettore quando dice che il modo per costringere i pendoli a seguirci, anziché essere noi a seguire i pendoli… è essere noi stessi.
Cosa che magari sarà anche vera, ma che non vale certo l’acquisto di un libro.

Prima di lasciare delusissimi i fan di Vadim Zeland (lo sono anch’io, peraltro), aggiungo che ho già iniziato a leggere Le mele cadono in cielo, e lì Zeland sembra cambiare passo, enunciando i sette principi dei pendoli, sottolineando i tre livelli su cui intervenire nella gestione realtà… e a tratti entusiasmando il lettore.

Insomma, proprio come mi era sembrato leggendo La gestione della realtà, si tratta di una lunga introduzione a Le mele cadono in cielo.
Tanto più che quarto e quinto libro sono molto corti presi singolarmente… e sommati vanno proprio a determinare la classica lunghezza dei libri di Vadim Zeland, ossia tra le 240 e le 260 pagine. E a questo punto torno a chiedermi perché siano stati scissi in due libretti.

Ad ogni modo, compratevi tranquillamente il cofanetto Le regole dello specchio, leggetevi La gestione della realtà come una sorta di ripasso generale della trilogia di base, e poi lanciatevi con entusiasmo su Le mele cadono in cielo.
Buona lettura.

Fosco Del Nero

 

(Visited 6 times, 1 visits today)
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo online...

4 Commenti

  1. Sergio

    Ciao Fosco.
    Saró malizioso, ma nella scissione del libro in due parti vedo una pura operazione di marketing, per poter proporre agli indecisi l’acquisto di due libri al prezzo di uno. Lo si fa anche nel campo della musica, dove a volte del materiale che potrebbe benissimo essere racchiuso in un cd, viene venduto come cd doppio a un “prezzo speciale”.
    Ci sono infatti molte persone che, nel dubbio se acquistare un prodotto o meno, si lasciano convincere da offerte di questo tipo. Tempo fa pensavo che questo discorso valesse solo per detersivi e affini, ma diverse ricerche dimostrano che non é cosí :-)

  2. Fosco Del Nero

    Ciao Sergio.
    Dunque, a prima vista (due libri in un cofanetto) si potrebbe pensare così, e magari si potrebbe pensare anche a contenuti scadenti “aiutati” dal marketing.
    Però il discorso regge poco, visto che i due libriccini sono piccoli, e se fossero stati uniti in un unico testo non sarebbe sembrato strano a nessuno.
    E’ vero che il costo del cofanetto è leggermente superiore a quello dei libri precedenti, ma è pure vero che questi due libri, sommati, sono un poco più lunghi dei singoli libri della trilogia di base.
    Conta poi che non so se questa sia stata una scelta editoriale italiana o se anche in Russia i due volumi siano usciti in cofanetto. Se fossero usciti singolarmente, ti dirò, la scelta dell’editore italiano la troverei condivisibile, visto che il quarto libro, un po’ scialbo, avrebbe dissuaso forse molti dal leggeri il quinto, che invece è uno spettacolo.
    Parer mio, ovviamente, e presto ne leggerai le recensione. :)

    Fosco Del Nero

  3. Marco

    Il cofanetto mi pare una scelta sensata, sia per le dimensioni che per il contenuto. Meglio così piuttosto che attendere altri sei mesi. La ricorsività del quarto volume secondo me non è gratuita ma una caratteristica del modo di procedere di Zeland. Infatti l’intera opera (intendo i cinque volumi) va letta più volte e assimilata bene, per impadronirsi di concetti e abitudini mentali che a prima vista sembrano ovvi e scontati, ma che invece vanno a scontrarsi con modi di relazionarsi al mondo tanto radicati da apparire come una corretta lettura del reale.
    Sono concetti chiariti bene nell’ultima opera di Joe Dispenza. Il “plus” offerto da Zeland è un sistema pratico e gestibile per scardinare modi di pensare che solitamente sono gestiti “in automatico” dal subconscio “programmato”.

  4. Fosco Del Nero

    Ciao Marco.
    Sì, meglio così piuttosto che mesi e mesi di distanza, tanto più che, come ho detto, il quarto volume forse avrebbe distolto molti dal quinto.
    Il quarto, specie all’inizio, mi ha annoiato, e inoltre come contenuti è quasi inesistente, è un ripassone dei tre libri di base: un viatico per il quinto, diciamo.
    Poi, rileggersi concetti importanti fa sempre bene, almeno fino a che non si è diventati un perfetto transurfer-attrattore-illuminato-etc.
    Rimane la domanda: non avrebbero potuto, per contenuti e dimensioni, essere accorpati in un unico volume?
    Ma alla fine poco importa: leggiamo e apprendiamo, da un unico volume o da due poco importa…
    Salutoni a tutti. :)

    Fosco Del Nero

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Logo Bellezza Amore Gioia
Banner pagina facebook
Banner "Il cammino del mago"
Banner canale youtube