Product by:
David Icke

Reviewed by:
Rating:
3
On 15 Aprile 2009
Last modified:15 Dicembre 2015

Summary:

Oggi recensisco un libro non da poco, un testo molto discusso che, già a partire dal suo titolo, promette la sua esplosività: Il segreto più nascosto.

Il segreto più nascosto - David IckeTitolo: Il segreto più nascosto – Il libro che può cambiare il mondo (The biggest secret).
Autore: David Icke.
Argomenti: cospirazionismo.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 1999.
Voto: 7.5.
Dove lo trovi: Macrolibrarsi, Il giardinoAmazon.

 

Oggi recensisco un libro non da poco, un testo molto discusso che, già a partire dal suo titolo, promette la sua esplosività: Il segreto più nascosto.
Se poi ci si aggiunge il sottotitolo Il libro che cambierà il mondo, allora le promesse sono veramente cospicue.

Vediamo se questo librone di 600 pagine fitte fitte le mantiene.

Ovviamente il suo autore, per chi non lo sapesse, è David Icke, uno dei più noti giornalisti cospirazionisti al mondo.
E, per chi non sapesse cosa sia un “giornalista cospirazionista”, aggiungo che si tratta di quei ricercatori che, spesso rischiando “incidenti” o problemi personali di vario tipo, scavano e scavano nella politica, nella mondo della comunicazione, dell’economia, etc.

Icke, in particolare, ha unito alla componente “ricerca della verità” una componente più sottile, di tipo spirituale-esoterico, che in sostanza ne ha fatto un personaggio controverso e spesso scomodo.

Difatti, egli non limita affatto la sua sfera d’azione, e nel suo libro (nei suoi libri, in realtà, visto che ne ha scritto parecchi; uno dei più noti è il precedente Figli di Matrix) confluiscono storia, politica, alieni, satanismo, nuovo ordine mondiale, energia, astrologia, famiglie che detengono il potere da millenni, guerre e violenze di ogni tipo, inganni nel campo del denaro, della comunicazione di massa, dell’industria farmaceutica, dell’industria militare.

Insomma, per dirla tutta Il segreto più nascosto non è un libro per tutti, e di sicuro non è un libro per chi ha lo stomaco debole… o lo spirito debole…

E qui entra in gioco proprio il punto principale: accanto a coloro che bollano tutte queste materie come ridicole paranoie di un pazzo (ma ormai i “pazzi” sono decine di milioni in tutto il mondo, e sono proprio coloro che hanno esaminato il problema, mentre gli scettici non si sono dati la pena di farlo), vi sono coloro che ritengono che si tratti di cose vere, se non in tutto perlomeno in buona parte, ma che siano cose che è bene non diffondere, perché fomenterebbero paura o tristezza, andando quindi a peggiorare la vita delle persone, e non a migliorarla.

Ed ecco due domande fondamentali:
– qualcuno ha il diritto, in virtù di una superiore consapevolezza e a fin di bene, di fare da censore?
– è giunto o no il momento di rendere pubbliche e note alle masse queste cose?

Sul primo punto, onestamente non ho un parere preciso: a livello concettuale sono restio a concedere a chicchessia il diritto di decidere cosa debbano sapere o meno gli altri. Tuttavia, è pure vero che, se si facesse il bene di qualcuno tacendogli una cosa, sarebbe probabilmente opportuno scegliere il silenzio.

Sul secondo punto, ho sentito svariate opinioni sull’argomento cospirazionismocomplotto mondialerettiliani (i cari vecchi annunaki, o anunnaki che dir si voglia), le quali tuttavia si possono racchiudere in due schieramenti.

Chi pensa: “è giusto che tutti sappiano, i tempi ora sono maturi e non interessarsi al problema è da irresponsabili”.

E chi pensa: “l’obiettivo deve essere quello di migliorare la propria vita, e pensare a satanismo, malvagità e complotti di vario tipo certo non aiuta”.
Anche qui, lascio riflettere il lettore, limitandomi a dare lo spunto.

Di mio, dico che, pur non potendo verificare di persona l’enorme, e ripeto enorme, mole di indizi, collegamenti, parentele, riferimenti e coincidenze prodotti da Icke ne Il segreto più nascosto, sono portato a pensare che molto, se non tutto, sia vero.
Anche se, ad essere sinceri, pare tutto troppo brutto per essere vero…

Di sicuro, condivido appieno la sua visione del mondo e dell’universo, che poi non è altro che ciò che negli ultimi anni si è diffuso col nome di “legge di attrazione”, ma che è stato declinato anche con i nomi di “risonanza”, “energia universale”, “vibrazione“, etc.
Insomma, il nome non è importante, ma è importante il concetto centrale: siamo tutti esseri creativi che contengono una scintilla di divinità, che creano la propria realtà e cocreano la realtà comune.

Il segreto più nascosto di David Icke è un libro difficile da valutare… e anche da consigliare.
Semplicemente, dunque, vedete voi se vi sentite attratti o meno.
Ma ricordate che, alla fine, lo scopo è sempre e solo migliorare la propria vita, mentre dobbiamo evitare di concentrarci su ciò che ci “abbassa”.

Fosco Del Nero

Share Button

RelatedPost