Product by:
Fosco Del Nero

Reviewed by:
Rating:
5
On 25 Luglio 2016
Last modified:29 Maggio 2017

Summary:

Implacabile come sempre, ecco che torna la rubrica dedicata ai film ispiranti consigliati...

Film o video di miglioramento personale? - 2Implacabile come sempre, ecco che torna la rubrica dedicata ai film ispiranti consigliati.
Che, lo ricordo, sono ispiranti da svariati punti di vista che spaziano dalle esperienze ultraterrene di Al di là dei sogni all’addormentamento di Matrix, dagli insegnamenti interiori di La leggenda di Bagger Vance alla figura elevata di Mary Poppins.
Ed ecco la lista completa dei suddetti film: Film che aprono la mente… o il cuore.

Quanto all’articolo odierno, ecco la sua più ristretta lista:
L’ultimo dominatore dell’aria,
Le nebbie di Avalon,
Il ladro di orchidee,
After Earth,
Chronicle.

L’ultimo dominatore dell’aria
Partiamo da un film di M. Night Shyamalan, ed essendo un film recente di Shyamalan è automaticamente un film problematico dal punto di vista della qualità cinematografica, peraltro tratto da una serie animata (intitolata Avatar – La leggenda di Aang) di gran lunga meglio riuscita rispetto al film, pur probabilmente con minori mezzi economico-tecnologici.
Ad ogni modo, il film ha almeno un punto positivo rispetto alla serie, ed è il motivo per cui l’ho inserito in lista: propone, sparsi qua e là, degli spunti di tipo esistenziale di varia natura.
Non troppo convinti, a dire il vero, e più simili per l’appunto a qualcosa di sparso piuttosto che alla struttura vera e propria della storia, ma comunque sufficienti a rendere il film potenzialmente guardabile.
Tra l’altro L’ultimo dominatore dell’aria è molto bello a vedersi (panorami, effetti speciali), ma crolla proprio nei fondamentali cinematografici… ma questa è un’altra questione.

Le nebbie di Avalon
Per la serie “conversioni cinematografiche inferiori alle opere da cui sono tratte”, ecco un eccellente rappresentante: Le nebbie di Avalon.
Eccellente perché di gran lunga inferiore al libro di Marion Zimmer Bradley, che viceversa è un capolavoro narrativo.
E si noti che il film non è un disastro, ma è solo anni luce meno bello del romanzo originario, che peraltro gli è superiore anche nel dettaglio che ci interessa in questa sede, ossia gli spunti esistenziali.
Nel film difatti non c’è molto, ma comunque qualcosa c’è; anche qui, vedete voi se vi ispira o meno.

Il ladro di orchidee
Ora alziamo un po’ la qualità con un film del 2002 diretto da Spike Jonze e con un cast discretamente prestigioso: Il ladro di orchidee, tratto anch’esso da un romanzo.
In questo caso siamo di fronte a un film narrativo, di puro intrattenimento, in cui non vi è alcuna pretesa didattico-esistenziale, per così dire… eppure qualcosa filtra, soprattutto nell’energia dei personaggi, alcuni dei quali grandemente educativi, o in senso positivo o in senso negativo.
E in generale nel film c’è una certa bellezza, per quanto insolita.

After Earth
After Earth è un film che già conoscevo e che, data la mia grande stima per Will Smith, avevo intenzione di guardare, per quanto l’aver sentito opinioni fortemente negative riguardo alla prestazione di Will e di suo figlio aveva messo in dubbio la visione.
La quale tuttavia è stata incoraggiata dal consiglio di un mio stesso lettore, che me lo aveva indicato come film non eccellente, ma con spunti interessanti.
Ed è esattamente quello che troverete in After Earth: un film di fantascienza non certo irresistibile, ma soprattutto degli spunti davvero interessanti, e anzi vere e proprie frasi da crescita personale.
Vi consiglio dunque di guardarlo.

Chronicle
Ero indeciso se includere Chronicle nella lista dei film, giacché per un verso si potrebbe liquidare come ennesimo film sui superpoteri… che peraltro non mi hanno mai appassionato troppo, tanto che non ho mai guardato i vari Spiderman e soci.
Tuttavia, Chronicle, progetto decisamente meno in grande stile, ha una particolarità: non affronta la questione in senso spettacolaristico o nel solito senso di buoni contro cattivi, ma in senso introspettivo-psicologico: ossia, le possibilità e le tentazioni di una simile situazione. Peraltro, in senso analogico, si potrebbe pure disquisire di un simile senso di responsabilità lungo il cammino evolutivo, parlando dunque di poteri-energia interiore piuttosto che di poteri esteriori.
Anche in questo caso, se vi va vedete voi stessi; il film in sé è discreto.

E anche stavolta abbiamo terminato.
Al prossimo appuntamento e buone cose a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button