Product by:
David Icke

Reviewed by:
Rating:
4
On 19 giugno 2012
Last modified:5 novembre 2018

Summary:

Eccoci qui con il consueto approfondimento tratto dai libri letti e recensiti.
O, perlomeno, da quelli che ritengo avere dei contenuti interessanti.
Come E la verità vi renderà liberi, terzo libro recensito di David Icke...

E la verità vi renderà liberi - David Icke (approfondimento)Titolo: E la verità vi renderà liberi (… And the truth shall set you free).
Autore: David Icke.
Argomenti: cospirazionismo, storia.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 1995.
Voto: 7.5.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Eccoci qui con il consueto approfondimento tratto dai libri letti e recensiti.
O, perlomeno, da quelli che ritengo avere dei contenuti interessanti.
Come E la verità vi renderà liberi, terzo libro recensito di David Icke (dopo Il segreto più nascosto e Figli di Matrix), ma il primo cui dedico un approfondimento (dal momento che quando recensii gli altri due ancora non avevo l’abitudine di scriverne).

Per circa cinquecento pagine E la verità vi renderà liberi propone il solito David Icke, tutto cospirazioni e collegamenti (e nomi e cognomi, peraltro, tanto che mi chiedo come mai sia ancora vivo o semplicemente perché non sia sommerso dalle querele), mentre nell’ultimo centinaio scarso vi è la parte del libro che potremmo definire positiva, ossia i rimedi su come migliorare la situazione nostra e dell’umanità latu sensu.

In questo articolo di approfondimento propongo un po’ e un po’, a partire dalla pagina introduttiva del libro, intitolata “Noi siamo ciò che pensiamo”.
“Viviamo in un universo multidimensionale, che è parte dei una coscienza multidimensionale e infinita che chiamiamo Dio e Creazione. Noi siamo essere multidimensionali. Pertanto, questo libro deve essere multidimensionale se vuol costituire un contributo significativo alla libertà dell’uomo.
Da un lato esso tratta della manipolazione quotidiana della nostra vita da parte di una cricca segreta, dall’altro presenta le cause e le soluzioni spirituali che porteranno la vera libertà sul pianeta Terra e per tutti quelli che vi vivono. Questo secondo aspetto è legato a ciò che pensiamo e sentiamo riguardo a noi stessi e prima che io inizi a svelare la manipolazione globale e faccia i nomi di alcune delle persone e delle organizzazioni che vi sono coinvolte, è importante delineare il contesto in cui colloco tali questioni.
L’ultima cosa che voglio è che la gente legga questo libro e provi rabbia, odio e spirito di condanna nei confronti dei manipolatori globali e di ciò che essi stanno facendo. Non scrivo questo libro per alimentare la rabbia, ma per mostrare cosa succede quando la razza umana dà via la sua mente e con quanta rapidità le cose cambieranno – stanno già cambiando – quando ce ne rimpadroniremo.
Faccio i nomi perché dobbiamo sapere chi c’è dietro la manipolazione se vogliamo descrivere cosa sta succedendo.
[…] L’innalzamento del velo di segretezza avvicinerà il momento in cui i giorni di tale dominio e manipolazione saranno finiti. Ma la cricca elitaria che controlla il mondo, l’Èlite Globale come la chiamo io, è una creazione nostra.
[…] Ciò che sta succedendo nel mondo è il riflesso qui e ora di ciò che sta accadendo dentro di noi, la razza umana. Noi abbiamo creato questa realtà. Ma come?
Contrariamente a ciò che la scienza medica va ripetendo in maniera ossessiva, il corpo fisico non rappresenta l’essere umano nella sua interezza. Esso non è che quel fantastico guscio corporeo attraverso cui il noi eterno sperimenta il mondo fisico. In noi c’è assai più di un corpo. La creazione è l’espressione di una mente infinita e tutte le forme di vita sono aspetti di quell’unica mente: ciò che molte persone chiamano Dio. Noi siamo l’un l’altro, siamo tutti Dio, se vogliamo usare questo termine.”

Segue ora un breve spunto sul tema del sistema monetario e del sistema bancario.
“Non fu senza ragione che Thomas Jefferson, uno dei padri fondatori, disse: ‘Se il popolo americano permetterà mai alle banche private di controllare l’emissione del denaro, dapprima attraverso l’inflazione e poi con la deflazione, le banche e le compagnie che vi nasceranno intorno priveranno il popolo dei suoi beni finchè i suoi figli si ritroveranno senza neanche una casa sul continente che i loro padri hanno conquistato.’
La creazione del debito attraverso l’imposizione di un interesse rende anche possibile la conquista del mondo da parte di una minoranza. Niente migliorerebbe le condizioni di vita della gente più velocemente della fine dell’imposizione di interesse sul denaro e della ripresa da parte dei governi della stampa del proprio denaro privo di interesse, o dell’imposizione alle banche del pagamento di interessi a beneficio del governo. Il presidente Abraham Lincoln si mosse in questo senso creando le banconote dette “greenbacks”, ma venne ucciso poco dopo, nel 1865, da John Wilkes Booth, un presunto agente della casa Rothschild. Anche il presidente John F. Kennedy propose la stessa soluzione e alcune delle sue banconote prive di interesse sono ancora in circolazione. Ma fu ucciso dall’Èlite a Dallas, in Texas, nel 1963.”

Ancora sulla manipolazione globale.
“Il tema costante di tutto quello che avete letto fin qui è la manipolazione della mente umana. Non si possono controllare miliardi di persone con i carri armati per le strade e i soldati sulla porta. Si può fare solo applicando la tattica del dividi et impera, e programmando la coscienza di massa (la pubblica opinione) a credere che ciò che i manipolatori vogliono fare è una buona idea o l’unica possibilità.
[…] Per esempio, volete introdurre delle telecamere nelle strade, una forza di polizia armata più autoritaria e l’erosione delle libertà personali. Non volete che il pubblico si opponga a queste misure, anzi volete sia esso stesso a richiedere la loro adozione. Cosa vi serve perché questo accada? Crimini violenti, di grande portata, che diffondano il terrore all’interno della comunità. Fate in modo che accadano queste cose, e la gente busserà alla vostra porta per chiedervi di mettere le telecamere nelle strade e di dotare la polizia di più armi e poteri.
Problema-reazione-soluzione.
E quale modo migliore di far aumentare il crimine che creare una società di ‘ricchi’ e ‘poveri’, basata sui contributi previdenziali e poi iniziare a smantellare lo stato sociale? Così si dà alla gente la possibilità di scegliere tra il non avere bisogni primari e l’appropriarsi del denaro e dei beni di qualcun altro. E quando opta per la seconda possibilità, le vittime dei crimini e la massa di gente che sente parlare di quei crimini nelle cronache televisive chiedono che ‘si faccia qualcosa’.
A tutti i livelli della società ci si adopera affinché questo colpo di stato mentale venga accettato. Il sistema scolastico non ha lo scopo di informare i bambini e i giovani, ma quello di indottrinarli; lo stesso vale per i media e per la pubblicità.”

A riguardo dell’informazione e della libertà di informazione, cosa affermano i Protocolli degli Illuminati, su sui si basa il controllo mentale dell’Èlite Globale?
“Cosa dicono i Protocolli degli Illuminati? ‘I nostri giornali saranno di tutti i possibili orientamenti – aristocratici, repubblicani, rivoluzionari, persino anarchici – fino a che, naturalmente, esisterà la costituzione. Come l’idolo indiano Vishnu, essi avranno un centinaio di mani, e ognuna di esse ounterà un dito su ognuna delle opinioni richieste. Quando il ritmo si farà più concitato, queste mani condurranno la pubblica opinione in direzione dei nostri scopi, poiché un paziente eccitato perde tutta la capacità di giudizion e cede facilmente alla suggestione. Quegli sciocchi che penseranno di ripetere l’opinione dei giornali della propria fazione, ripeteranno la nostra opinione o qualsiasi opinione che appaia desiderabile ai nostri occhi. Nella vana fiducia di seguire l’organo del proprio partito, essi seguiranno in realtà la bandiera che noi facciamo sventolare per loro’.”

Dopo la citazione di Jefferson e dei Protocolli degli Illuminati, e sempre in tema di informazione e media, veniamo ora alla citazione di un ex giornalista del New York Times, John Swinton.
“Non esiste una stampa libera. Lo sapete voi, come lo so anch’io. Non c’è uno solo di voi che avrebbe il coraggio di esprimere le sue vere opinioni. Il mestiere del giornalista è distruggere la verità, mentire completamente, distorcere, calunniare, leccare i piedi di Mammone e vendere se stesso, il proprio paese e i propri simili per il proprio pane quotidiano. Noi non siamo che strumenti e servi di uomini ricchi che stanno dietro le quinte. Siamo dei fantocci; loro muovono i fili e noi danziamo; il nostro talento, le nostre prospettive e le nostre vite appartengono a queste persone. Noi prostituiamo il nostro intelletto.”

Ma, ancora una volta, arriva il mea culpa e la responsabilizzazione generale.
“Il Nuovo Ordine Mondiale (proprio poco fa ho letto un articolo in cui un noto rappresentante del Vaticano invocava il Nuovo Ordine Mondiale, giusto per non nasconderci, ndr) è la conseguenza naturale del fatto che ogni generazione cede ad altri la propria responsabilità e il proprio potenziale. La mente collettiva della razza umana è la somma totale di tutto il pensiero umano. Qualunque cosa domini il pensiero umano, dominerà anche la mente collettiva e questo creerà una realtà magnetica globale. Se i modelli cognitivi dominanti della mente collettiva includono il desiderio che qualcun altro si accolli la responsabilità delle nostre vite e faccia tutte le cose che noi non vogliamo prenderci la briga di fare, allora il modello magnetico così prodotto creerà una versione collettiva, globale, di ciò; la rete chiamata Nuovo Ordine Mondiale. Essa fonderà insieme i campi di energia sbilanciata dell’Èlite Globale per realizzare quella realtà. L’Èlite Globale è l’equivalente, a livello collettivo, di un marito autoritario che dice alla moglie tutto quello che deve fare e pensare. Quella donna avrà attratto quell’uomo e viceversa, a causa di ciò che avviene all’interno di loro. Lo stesso succede con la mente collettiva e con il Nuovo Ordine Mondiale. Si tratta di una nostra creazione.”

Ora veniamo a cosa occorre fare per cambiare le cose in meglio.
“L’intuizione può aiutarci più di ogni altra cosa a trovare la strada tra il groviglio di messaggi fuorvianti e la manipolazione che i nostri occhi e la nostra mente si trovano ad affrontare ogni giorno. Quando questo centro delle sensazioni diventa più sensibile, sapremo istantaneamente se qualcosa è positivo o negativo. Nel momento in cui la mente si apre e non si lascia più influenzare così tanto dai dogmi e dalle banalità, ecco che la nostra intuizione diventa più potente. La mente si fa da parte, si toglie dai piedi. Continua ad avere un ruolo, naturalmente, nel mantenimento dell’equilibrio, ma non più dominante.
[…] Una volta che lasciamo che il flusso d’ispirazione dai livelli più alti raccolga le sue forze e ci guidi, l’interazione magnetica con altri campi d’energia – persone, luoghi, situazioni – ci fornirà tutto il sostegno, l’esperienza e le opportunità di cui abbiamo bisogno per evolvere sia individualmente che collettivamente. Questo flusso d’ispirazioni non implica la rinuncia alle nostre responsabilità. La guida non proviene da una forza esteriore, proviene da un livello più elevato di noi stessi.”

Amore e paura.
“Considerate il punto cruciale dell’esistenza umana, ciò che nessuno può portarci via: oggi è il primo giorno del resto della nostra eternità, e la Fonte di tutto ciò che esiste ci ama tutti di un amore uguale, ineffabile ed eterno. Riconnettendoci con i livelli di noi stessi che stanno al di fuori della vibrazione disturbata, possiamo iniziare a sentire quest’amore incredibile e a trasmetterlo in questo mondo fisico. Quando ti sintonizzi su tale amore, un amore privo di giudizi o condizionamenti, non esiste più alcuna paura o senso di colpa. Sai che non c’è nulla di cui aver paura. La paura è una nostra creazione e attraverso le nostre menti e i nostri cuori noi possiamo eliminarla. Essere senza paura non vuol dire essere privi di consapevolezza. Ho sentito dire che la paura è essenziale per sopravvivere perché ci impedisce di attraversare la strada e finire sotto una macchina o di finire dentro la gabbia del leone. Ma la paura e la consapevolezza non sono la stessa cosa. Non c’è bisogno di aver paura per sapere le conseguenze di qualcosa ed evitarlo. In realtà, la paura causa spesso eventi spiacevoli, non ci protegge da essi.
È l’uso e la manipolazione della paura che ha permesso a persone come Averell Harriman e Henry Kissinger di far credere a un paese che un altro paese aveva intenzioni aggressive (spesso inventate) nei suoi confronti, e viceversa, provocando così conflitti armati. Ogni paese attacca per paura di ciò che l’altro sta progettando, o che si dice stia progettando, di fare. La guerra è per lo più una manifestazione fisica di paura. Rappresenta il polo opposto dell’amore, della fiducia e del rispetto, che ci proteggono dalla guerra e dalla disarmonia. Se eliminiamo la nostra paura, eliminiamo il contributo che diamo alla paura del mondo. Eliminare la paura dal mondo significa eliminare la guerra. Ancora una volta dipende da noi.”

Andiamo a chiudere questo lungo articolo con due brevi spunti conclusivi e positivi.
“Non conosco la persona a cui appartengono gli occhi che stanno leggendo queste parole. Non so da dove vieni, né a quale razza appartieni, né qual è il colore della tua pelle, la tua religione o il tuo reddito. E, sinceramente, non me ne importa niente, perché questi stati temporanei sono solo veicoli dell’esperienza.
Ma sotto altri aspetti, conosco molte cose di te. So che tu sei parte di me e che io sono parte di te, perché siamo tutti aspetti della stessa infinita coscienza che chiamiamo Dio o Creazione. So che tu sei un’espressione unica di quella coscienza, come somma totale di tutte le tue esperienze. So che la tua capacità di amare e creare è senza limiti e senza fine. So queste cose, perché ogni forma di vita su questo pianeta e in qualsiasi altro luogo ha queste stesse facoltà, quello stesso potenziale illimitato. Puoi fare quello che vuoi fare ed essere quello che vuoi essere, devi solo crederci e fare in modo che accada. Quando comprenderemo completamente la nostra vera identità e metteremo fine alla limitazione, cesserà immediatamente la manipolazione che ho descritto in modo dettagliato in questo libro. Questo sta già succedendo.”
Alla faccia di chi dà del razzista a David Icke, o di chi lo vede come un cosporazionista cupo e irrimediabilmente pessimista…

Andiamo a concludere con un altro spunto positivo sulla forza attrattiva dell’amore.
“L’amore nei confronti di noi stessi trasformerà le nostre vite, anche per il modo in cui guariremo noi stessi e gli altri. Oggi, i servizi sanitari sono controllati dalle case farmaceutiche multinazionali. Il sessanta per cento del settore dell’industria farmaceutica statunitense è di proprietà dei Rockfeller. Di conseguenza, l’attuale ‘medicina‘, che pure si reputa all’avanguardia, propone il bisturi o i medicinali per curare quasi tutte le malattie. Entrambe queste misure sono motivate, ad alti livelli, dalla logica del profitto e non da quella umana. Ricchezza e non salute. Molte teorie mediche che spiegano i disturbi fisici come manifestazioni di squilibri del nostro io eterno vengono occultate dalla medicina ‘ufficiale’. L’approccio di Darwin e di altri che considerano il corpo come una macchina è ancora quello prevalente nelle scuole mediche e negli ospedali. La situazione è così farsesca che un medico ospedaliero che conosco cura le infermiere con l’omeopatia, a non può curare i pazienti allo stesso modo, se non segretamente, perché altrimenti susciterebbe le ire dell’establishment medico controllato ufficialmente dalle case farmaceutiche. Milioni di persone muioiono di cancro mentre molte cure vengono occultate. Se non possono essere venduti alle case farmaceutiche, i metodi di cura che eliminerebbero le cosiddette malattie incurabili di oggi verranno distrutti. Non esistono malattie incurabili. Ogni malattia è causata da uno squilibro energetico, uno squilibrio che può essere ricondotto all’armonia, mentre il corpo viene ricondotto in uno stato di salute. Questo sta accadendo ogni giorno fuori dell’establishment medico.
L’amore nei confronti di noi stessi ci consentirà di risssumere il controllo dei nostri corpi. Siamo dominati dalle case farmaceutiche perché la razza umana ha affidato, in gran parte, il controllo dei propri corpi ai medici e ai farmacisti. Si tratta ancora una volta di una dimostrazione del fatto che gli esseri umani cercano le risposte all’esterno. Cerchiamo all’esterno una conferma del fatto che stiamo bene; cerchiamo qualcuno con cui prendercela quando le cose vanno male; e cerchiamo le risposte al nostro sconforto quando il nostro corpo è malato. Le risposte a tutte e tre queste cose sono dentro di noi. L’odio nei confronti di se stessi e il senso di frustrazione causano il cancro e le malattia cardiache, e ogni altra malattia può essere ricondotta a uno squilibrio mentale, emozionale o spirituale, tutti peraltro curabili. Se volete avere maggiori dettagli su questo argomento posso consigliarvi un libro dal titolo You can heal yourself, scritto da Louise Hay.
Quando cominceremo ad amare noi stessi e a liberarci delle paure, dei sensi di colpa e dei risentimenti accumulati nel corso degli anni e dei secoli, le malattie diminuiranno notevolmente. Allora interpreteremo la malattia come il segno di qualcosa in disordine all’interno di noi.
L’amore non è solo una parola. È la forza che tiene insieme la creazione. È la forza che tiene insieme noi.”

Terminato con E la verità vi renderà liberi di David Icke, e con la sensazione che vi sto viziando con articoli tanto lunghi e pieni di spunti (almeno, il mio polso ha questa sensazione!), vi do appuntamento al prossimo articolo di approfondimento.

Fosco Del Nero

Share Button

Altri articoli che potrebbero interessarti...