Product by:
Manfredi Toraldo, Severino Baraldi

Reviewed by:
Rating:
1
On 14 Novembre 2016
Last modified:14 Novembre 2016

Summary:

Il mazzo di tarocchi che recensisco quest’oggi: i Tarocchi dei draghi, realizzati dal duo Manfredi Toraldo e Severino Baraldi.

Tarocchi dei draghi - Manfredi Toraldo, Severino Baraldi (carte)Titolo: Tarocchi dei draghi.
Autore: Manfredi Toraldo, Severino Baraldi.
Argomenti: carte, tarocchi, divinazione.
Editore: Lo Scarabeo Edizioni.
Anno: 2006.
Voto: 4.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Si sa, non tutti i mazzi di tarocchi hanno successo, e anzi nel marasma di produzioni editoriali la gran parte si perde, senza essere mai stata conosciuta.
Uno di questi è il mazzo di tarocchi che recensisco quest’oggi: i Tarocchi dei draghi, realizzati dal duo Manfredi Toraldo e Severino Baraldi.

Il tema del mazzo è piuttosto ovvio: i draghi… e lo è in modo letterale, più letterale di quanto probabilmente sarebbe stato opportuno.
Difatti, in ogni santa carta è disegnato un drago o comunque un rettile, anche quando non ci sta a far niente (ossia quasi sempre) e sarebbe stato meglio inventarsi un escamotage.
Invece, la presenza dei draghi è piuttosto invadente, tanto che in pratica il mazzo di tarocchi è invalidato.

Con tutto che, visivamente, ha la sua da dire, e molti disegni sono davvero belli, anche se, essendo quasi monotematico, rischia di stancare ben presto.

Ma andiamo più nel dettaglio: degli arcani maggiori, solo la metà ha un senso rispetto all’iconografia tarotica, mentre l’altra metà se la gioca sul principio “facciamo vedere qualche bel drago”.

Gli arcani minori, dal canto loro, proseguono sulla stessa falsariga, anche se fanno almeno lo sforzo di ispirarsi molto alla larga alle lame minori dei Tarocchi Rider-Waite.
Tuttavia, pure qui, molto è inventato di sana pianta… e il tutto sarebbe stato forse anche passabile se gli arcani maggiori fossero stati fatti in grazia di Dio e se l’elemento dei draghi non fosse stato utilizzato in modo così pedissequo e annoiante.

Insomma, esperimento fallito, sulla scia di quei tanti mazzi di tarocchi tematici prodotti negli ultimi 10-15 anni, i quali in buona parte sono caduti nel dimenticatoio e non sono stati più stampati dall’editore.

Fosco Del Nero

Share Button