Product by:
Silvia Minguzzi

Reviewed by:
Rating:
4
On 28 Gennaio 2010
Last modified:15 Dicembre 2015

Summary:

Eccoci arrivati a un nuovo appuntamento con le conversazioni audio in ambito miglioramento personale scaricate da internet: il titolo della conversazione è Cosa farò da grande.

Cosa farò da grande - Silvia MinguzziEccoci arrivati a un nuovo appuntamento con le conversazioni audio in ambito miglioramento personale scaricate da internet: come in molti casi precedenti, anche la presente fa parte del progetto di Miglioriamo.it, portale online gestito da Italo Cillo sullo sviluppo personale a 360 gradi (benessere fisico, benessere mentale, benessere finanziario).

Se l’intervistato è lo stesso Cillo, l’intervistata viceversa risponde al nome di Silvia Minguzzi, psicologa, personal trainer di crescita personale e cofondatrice dell’Accademia dell’Intelligenza Emotiva.

Il titolo della conversazione è Cosa farò da grande, titolo che poi corrisponde a quello di un libro della stessa Minguzzi.

Il punto di partenza dunque è cosa vogliamo… e conseguentemente cosa non vogliamo (anche se spesso sappiamo più la seconda cosa della prima)…

Ciò dunque ha a che fare con i nostri sogni e i nostri obiettivi, i quali si possono raggiungere solo con un adeguato livello di autostima e fiducia, fattori che a loro volta sono correlati ai modelli con cui ci confrontiamo.

L’ideale, dice Silvia Minguzzi, è avere due modelli: uno elevato per l’obiettivo di lungo periodo, e uno più “umano” per il breve-medio termine.

Gli obiettivi, inoltre, sono correlati al livello di gratificazione e di motivazione, con quest’ultima che, secondo la trainer di sviluppo personale, va impostata con un equilibrio di bastone e carota.

Altro fattore importante: le intenzioni secondarie, ossia quei vantaggi contrari ai nostri obiettivi su cui non ci soffermiamo a riflettere ma che a volte sono in noi abbastanza forti da agire come autosabotatori inconsci (ad esempio, voglio avere ottenere un bel lavoro per avere successo e soldi, ma contemporaneamente ho paura che poi non piacerò più ai miei amici).

Silvia Minguzzi dimostra di avere un approccio flessibile, passando con disinvoltura dalla programmazione neurolinguistica (per esempio parla dei metaprogrammi) alla legge di attrazione (“abbi la certezza delle cose belle che ti capiteranno, e di conseguenza l’Universo si adeguerà”).

La conversazione si conclude con una personalissima definizione di felicità (qualcosa verso cui si tende e che si percepisce già come sensazione) e con un piccolo promo all’Accademia dell’Intelligenza Emotiva, che promuove diversi corsi e percorsi a chi è interessato ad approfondire l’argomento (se siete interessati, per un primo approccio all’argomento magari potete leggervi Intelligenza emotiva di Daniel Goleman).

Come in altri casi, tanto di file audio quanto di libri o di video, non ho sentito niente che le mie orecchie non avessero già sentito… eppure la conversazione mi è piaciuta veramente tanto, per due motivi:
– fa comunque bene ripassare concetti importanti come quelli qui esposti, anche se li si conosce già,
Silvia Minguzzi ha una carica vitale e gioiosa che la rende decisamente piacevole e gradevole all’ascolto: ce ne fossero, sia nel campo del miglioramento personale sia in generale, di persone così…

Fosco Del Nero

Share Button

Altri articoli che potrebbero interessarti...