Product by:
Ramesh Balsekar

Reviewed by:
Rating:
4
On 29 Luglio 2014
Last modified:12 Novembre 2017

Summary:

Con la recensione di oggi fa la sua comparsa su Una vita fantastica un nuovo autore: Ramesh Balsekar, con il suo La verità definitiva.
Si tratta di un maestro dell’advaita vedanta, allievo del più famoso Sri Nisargadatta Maharaj...

La verità definitiva - Ramesh Balsekar (esistenza)Titolo: La verità definitiva.
Autore: Ramesh Balsekar.
Argomenti: esistenza, spiritualità, advaita vedanta.
Editore: Ebaldini Editore.
Anno: 1989.
Voto: 7.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Con la recensione di oggi fa la sua comparsa su Una vita fantastica un nuovo autore: Ramesh Balsekar.
Si tratta di un maestro dell’advaita vedanta, allievo del più famoso Sri Nisargadatta Maharaj, di cui tuttavia non ho mai letto niente.

Ho viceversa letto e recensito un libro delll’ancor più famoso e risalente Sri Ramana Maharshi: Sii ciò che sei.

Essenzialmente, questa seconda lettura in ambito advaita vedanta ha confermato le impressioni della prima, pur con la grande distanza temporale tra le due (Ramana Maharshi, 1879-1950; Ramesh Balsekar, 1917-2009).

In effetti, La verità definitiva è un libro relativamente recente, essendo datato 1989, tuttavia riflette in modo deciso, ed era ovvio che fosse così, gli insegnamenti dell’advaita vedanta, che in parte coincidono con quelli di altre tradizioni spirituali, e in parte no.

Il concetto centrale, su cui si punta molto, è che l’ego è una mera illusione, come un’illusione è tutto il mondo fenomenico, pura esperienza di sogno del noumeno, ossia della coscienza universale, di cui tutti facciamo parte e che alla fine sarebbe l’unica cosa che esiste.

A vantaggio di questo libro di Ramesh Balsekar, rispetto al libro di Ramana Maharshi, un linguaggio un poco più moderno, anche se non manca anche qui una certa verbosità che rende il discorso non sempre fluido e lineare, e probabilmente non troppo fruibile da chi sta iniziando un suo percorso di crescita.

E in effetti questa è una cosa che rende l’advaita vedanta per me non troppo attraente: i concetti proposti sono tutto sommato semplici, ma ci si mettono libri e libri, subordinate su subordinate, per spiegarli. Inoltre mi attira poco anche un certo fatalismo di fondo.

Il che non toglie che in entrambi i libri letti, soprattutto ne La verità definitiva,vi siano degli spunti validissimi, e che nelle 160 pagine del libro di Ramesh Balsekar troverete tanto pane per i vostri denti, da cui la buona valutazione.

Fosco Del Nero

Share Button

Altri articoli che potrebbero interessarti...