Product by:
Louise Hay

Reviewed by:
Rating:
2
On 16 Agosto 2012
Last modified:16 Dicembre 2013

Summary:

Con l’articolo odierno vi fornisco qualche spunto tratto dal video di Louise Hay Risveglia la nuova vita che è in te, che ho recensito recentemente.

Risveglia la nuova vita che è in te - Louise Hay (approfondimento)Titolo: Risveglia la nuova vita che è in te.
Autore: Louise Hay.
Argomenti: miglioramento personale.
Editore: Edizioni My Life.
Anno: 2007.
Voto: 5.5.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Con l’articolo odierno vi fornisco qualche spunto tratto dal video di Louise Hay Risveglia la nuova vita che è in te, che ho recensito recentemente.

Partiamo senza indugio da uno spunto sul rapporto tra cambiamento, pensieri, malattie e universo.
“Sapete che cosa dice il libro Un corso in miracoli?
Che tutte le malattie derivano da uno stato di non perdono. Quando siamo malati dobbiamo guardarci attorno per vedere chi abbiamo bisogno di perdonare.
Questo naturalmente non significa che dobbiamo condonare comportamenti meschini, poiché sono d’accordo col fatto che esistono molte persone che si comportano miseramente, ma perdonare significa lasciar andare il risentimento, e permettere a noi stessi e alle persone che ci circondano di essere liberi.
Comprendiamo che anche le persone che ci hanno trattato male soffrivano, e che stavano cercando di fare del loro meglio in base alla comprensione, alla consapevolezza, alla conoscenza che avevano in quel particolare momento spazio-temporale.
Nel corso degli anni, ho imparato che c’è solo una cosa che deve essere insegnata: l’amore.
Insegno alle persone ad amarsi per quello che sono nel qui e ora. Accettarsi ora, nell’istante presente, è la chiave del cambiamento positivo. Questo significa bandire l’autocritica fine a se stessa.
Per poter cambiare la nostra vita esternamente, bisogna che prima di tutto cambiamo dall’interno: siate disposti a farlo. Non serve sapere come, è sufficiente essere disposti a volerlo.
Lavoreremo sul come, ma ricordate, non mi stancherò mai di ripeterlo, ogni pensiero e parola ottiene risposta dall’energia universale.”

Il secondo spunto è legato invece alle convinzioni negative.
“Siete in grado di capire quello in cui credete guardando semplicemente le vostre esperienze.
Se avete problemi economici, se non siete mai riusciti a mettere da parte dei soldi, significa che dentro di voi c’è una convinzione legata all’angoscia e alla morte.
Se siete soli, probabilmente avete la convinzione che nessuno al mondo vi ami, o di non poter essere amati.
Se siete molto malati, avrete pensieri paralizzanti di un certo tipo.
Potete anche non rendervene conto, ma se osservate le circostanze in cui vi trovate, inizierete a capire che tipo di pensieri fate.
Allora riflettete sugli aspetti della vostra vita che non funzionano…”

La solita vecchia storia: tutto dipende da noi e dai nostri giudizi.
“Che le convinzioni siano vere o false, dipende dal fatto che le accettiamo dentro di noi. Bisogna smettere di assorbire le limitazioni degli altri: c’è sempre un altro modo di vedere la vita.
Ci sono persone che quando si alzano la mattina e guardando fuori dalla finestra, quando scoprono che piove, esclamano: ‘Oh, che schifo di giornata!’. In verità, non si tratta di una giornata schifosa, ma di una giornata umida. Ma se ci convinciamo che sia una giornata schifosa, essa lo diventerà, perché saremo noi a crearla in questo modo. Se invece decidiamo di considerarla una semplice giornata umida, ci infileremo l’abbigliamento appropriato e faremo tutte quelle cose che si fanno nei giorni di pioggia.
Non è né giusto né sbagliato, buono o cattivo, a meno che non siamo noi ad attribuire questo valore alle cose. Ogni cultura di questo pianeta si regola in modo differente in relazione a questi aspetti, tuttavia, è quello che crediamo che rende le cose giuste o sbagliate, buone o cattive, e ancora una volta, è sempre la vecchia storia: ciò che diamo ci ritorna indietro, di solito raddoppiato.
Il punto di forza è sempre nel momento presente, e tutte queste cose, queste mancanze, queste limitazioni, queste convinzioni, possono tornare nel vuoto da cui provengono. Vengono dal nulla, e lì devono tornare.
Voi siete il potere, nessuno, sia persona o situazione o luogo, ha potere su di voi.”

Ora un breve commento sulla resistenza al cambiamento.
“Ciascuno di noi deve avere a che fare con quella che chiamo la resistenza al cambiamento.
Tutti noi facciamo resistenza, e molto spesso siamo disposti a cambiare ogni aspetto di ciò che sta fuori di noi, ma non a cambiare quello che abbiamo dentro.
E invece cambiare noi stessi è proprio la cosa che dobbiamo fare per cambiare la nostra vita. Quindi la consapevolezza è il prossimo passo: dobbiamo diventare consapevoli di quello in cui crediamo, altrimenti non sapremo che cosa cambiare.
La prima reazione a una nuova consapevolezza di sé spesso è la resistenza, ma va benissimo, perché qualsiasi reazione è un buon segno: significa che il cambiamento è già in atto.
Notate come reagite, così sarete consapevoli di quello che sta accadendo.
Le nostre lezioni non sono necessariamente semplici. Del resto, se fossero semplici, non sarebbero lezioni. Imparare ciò che abbiamo bisogno di conoscere richiedete tempo e impegno, quindi non pretendete cambiamenti istantanei. Fatelo passo dopo passo, e più andrete avanti, più sarà semplice.”

Come cominciare a cambiare se stessi e la propria realtà? Magari anche dal basso?
“Si comincia togliendo dalla nostra strada quel macigno che ci ostacola, e poi si va avanti sulle questioni minori. Iniziate a ricercare tutte le piccole cose che potete apprezzare di voi stessi. È quello che ho fatto io. All’inizio, quando difficilmente riuscivo a trovare qualcosa che potessi apprezzare di me stessa, cominciai dalle unghie e dalle orecchie, e poi passai ad alcuni organi interni.
È piuttosto difficile essere arrabbiati con il proprio fegato!
Quindi iniziate cercando le cose che potete apprezzare di voi. Iniziate ad amare voi stessi, o anche solo a piacervi, persino per qualche secondo. Anche il più piccolo inizio può aiutarvi. Anche un secondo di accettazione può determinare un movimento nella vostra coscienza con il quale potete costruire il resto. Non bisogna fare tutto in una volta: se ogni giorno riuscite ad amarvi per un minuto in più, non ci metterete tanto a creare un enorme cambiamento nella vostra vita. Questo procedimento accelera di giorno in giorno, e diventa sempre più veloce.
La salute, l’amore, la prosperità, l’espressione creativa di sé, hanno tutte inizio dall’amore per se stessi, e visto che noi impariamo di continuo ad amare e ad apprezzare noi stessi, i cambiamenti avverranno con più facilità, e faremo sempre più progressi.
Siamo in costante cambiamento, e possiamo cambiare sia positivamente, che negativamente. Se i nostri pensieri sono negativi, allora, anche i cambiamenti saranno negativi. Se invece i nostri pensieri sono positivi e pieni di amore, anche i cambiamenti saranno positivi.”

E con questo ho terminato con il dvd di Louise Hay Risveglia la nuova vita che è in te.
A presto col prossimo approfodnimento.

Fosco Del Nero

 

Share Button