Product by:
Santa Ildegarda

Reviewed by:
Rating:
2
On 21 maggio 2013
Last modified:9 dicembre 2013

Summary:

Non ho gradito troppo Il libro delle pietre di Santa Ildegarda per i motivi illustrati in recensione, a cui nel caso vi interessi vi rimando per evitare di ripetermi qui. Ho tuttavia pensato di proporre comunque un articolo di approfondimento con un paio di spunti…

Il libro delle pietre - Santa Ildegarda (cristalli)Titolo: Il libro delle pietre (Das buch von den steinen).
Autore: Santa Ildegarda.
Argomenti: gemme, cristalli.
Editore: Centro di Benessere Psicofisico.
Anno: 1142.
Voto: 4.5.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiAmazon.

 

Non ho gradito troppo Il libro delle pietre di Santa Ildegarda per i motivi illustrati in recensione, a cui nel caso vi interessi vi rimando per evitare di ripetermi qui.

Ho tuttavia pensato di proporre comunque un articolo di approfondimento con un paio di spunti… estrapolati peraltro non da Il libro delle pietre di Santa Ildegarda, che costituisce la prima parte del volume in questione (comunque leggerissimo, benché composto da due testi diversi), bensì dalla Guida pratica all’uso dei cristalli oggi, di Cristina Aprato.

Nel primo brano l’autrice sintetizza la questione del corpo umano in relazione a chakra, energia e cristalli.
Nel secondo dice in breve come scegliere un cristallo piuttosto che un altro.
Andiamo a leggere.

“Intorno al corpo fisico di ogni creatura minerale, vegetale o animale esiste un corpo energetico, chiamato corpo di luce, corpo vibrazionale o aura, nel qual si manifestano tutti gli squilibri prima ancora che si materializzino nel corpo fisico.
L’aura è costituita – per così dire – da vari strati sovrapposti, che assumono colorazioni e forme diverse a seconda degli stati d’animo, dell’armonia e dello stato di coscienza che la persona vive in un certo momento, quindi si modificano molto frequentemente e a volte anche velocemente, presentando una gran varietà di colori.
I chakra sono vortici di energia che hanno la funziona di collegare i corpi sottili al corpo fisico e di regolare lo scambio energetico tra la creatura e l’ambiente esterno e viceversa.
Nell’essere umano ve ne sono migliaia, ma sette sono particolarmente importanti, perché sono collegati alle principali ghiandole a secrezione interna, dalle quali dipende la vita umana.
Ognuno di essi ha una potenzialità energetica specifica e un compito ben preciso, quindi vibra a una particolare frequenza che corrisponde a un determinato colore.
In base alla corrispondenza del colore è possibile stabilire quali cristalli sono adatti ad armonizzare eventuali squilibri dei chakra e degli organi o degli stati d’animo a essi collegati.”

Passiamo ora alla vexata queastio: come si scelgono i cristalli? Si deve andare per forza da un esperto cristalloterapeuta?
“Qualsiasi minerale va scelto intuitivamente, cioè per attrazione reciproca tra la persona e la pietra. In questo modo può davvero essere un potente alleato, perché orienta la persona verso l’energia corrispondente alle potenzialità che sta vivendo e sviluppando in un dato momento della sua evoluzione.”

Molto semplice dunque.
Tra l’altro, ho notato personalmente numerose volte come la tendenza individuale verso un certo colore, cristallo, cibo, mantra, libro, autore, etc, sia in linea con quanto la persona deve sviluppare.
In questo senso, abbiamo tutti una bussola interna… dobbiamo solo avere il coraggio di seguirla, che si tratti di scegliere un cristallo, un colore, una persona o un lavoro.

Bene, ho terminato con Il libro delle pietre di Santa Ildegarda.
A presto e tante belle cose a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button

Altri articoli che potrebbero interessarti...