Product by:
Osho

Reviewed by:
Rating:
5
On 7 Marzo 2019
Last modified:9 Marzo 2019

Summary:

Quando tempo fa, e ormai sono anni, recensii il video di Osho Stati di coscienza superiore, non avevo ancora preso l’abitudine di scrivere un articolo di approfondimento per ogni prodotto recensito. Rimedio adesso, approfittando di una nuova visione.

Stati di coscienza superiore - Osho (spiritualità)Titolo: Stati di coscienza superiore.
Autori: Osho.
Argomenti: esistenza, spiritualità.
Editore: Uno Editori.
Anno: 1984.
Voto: 8.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Quando tempo fa, e ormai sono anni, recensii il video di Osho Stati di coscienza superiore, non avevo ancora preso l’abitudine di scrivere un articolo di approfondimento per ogni prodotto recensito.
Né al tempo avevo ancora aperto la pagina facebook con le citazioni.

Riguardo a Stati di coscienza superiore rimedio adesso, approfittando di una nuova visione. E vado a proporre qualche brano tratto dal video in questione, girato nel 1984, sei anni prima della morte di Osho nel 1990.

La prima citazione è sull’energia sessuale… e sul fatto che, se bloccata, troverà altri modi per uscire fuori, spesso incontrollati, inconsapevoli e quindi distruttivi.
“Blocca l’energia sessuale nelle persone e questa troverà qualche altra via d’uscita.
Le religioni hanno imparato il trucco: blocchi l’energia sessuale, essa si muove, e può diventare il movimento verso Dio.
Gli eserciti lo hanno scoperto prestissimo: blocchi l’energia sessuale e l’uomo è pronto a lottare.”

Seconda citazione tratta da Stati di coscienza superiore: stavolta parliamo dei livelli di coscienza umana, e del dualismo tra mente e corpo.
“Al di sotto della parte conscia c’è il subconscio, che è il campo dei tuoi sogni.
Sotto al subconscio c’è l’inconscio, che è il campo del tuo sonno senza sogni, quando ti trovi in una specie di coma. Raggiungi lo stesso stato in cui ti trovavi quando eri nel grembo di tua madre. Da cui il rilassamento, da cui il senso di rigenerazione. Dopo un sonno profondo, quando ti svegli, sei fresco, sei giovane, pieno di vita.
Se vengono a saltare quelle ore di sonno profondo, potresti esserti girato e rigirato, e aver sognato mille cose, ma al mattino ti troverai tanto stanco quanto lo eri quando sei andato a letto, e forse ancora di più.
Quello stato di coma è necessario, perché in quel coma la tua mente smette di funzionare, e il tuo corpo prende il comando.
Quando sei sveglio la mente comanda il corpo.
Quando sei inconscio, il corpo comanda la mente.
E il corpo possiede una sua saggezza, perché il corpo è molto più antico. La mente è uno sviluppo molto recente, davvero l’ultima arrivata, proprio una dilettante.
Per questo tutto cià che è importante la natura non lo ha affidato alla mente. Tutto ciò che è importante è stato affidato al corpo.”

A proposito di stati di coscienza o incoscienza, due parole sui sogni.
“Se sei sulla strada giusta e analizzi completamente un sogno, il miracolo è questo: una volta che il sogno è stato analizzato completamente, e con ciò si intende che sei diventato consapevole della sua logica, della sua completa struttura con le sue radici e tutto il resto, esso scompare.
Diventare consapevoli di un sogno segna la morte di quel sogno.”

Citazione nella citazione: Osho chiama in causa Buddha, relativamente all’essenza di ogni percorso evolutivo.
“Ciò che Buddha chiama l’inconscio cosmico è quasi una morte.
È una morte perché tu non ci sei più: c’è il cosmo, tu non ci sei più.
Il ricercatore scompare: ha trovato ciò che stava cercando, però lui non c’è più.”

E, sempre riguardo al percorso interiore
“Devi fare un salto: all’inizio sarà buio, molto buio.
Riposa in quell’oscurità: l’oscurità ha una sua bellezza.
Hai conosciuto la bellezza della luce: la bellezza dei fiori degli alberi, la bellezza degli uomini e delle donne. Tutta quella è bellezza nella luce, attraverso la luce. È tutta luce riflessa: colori diversi, facce diverse, fiori diversi, ma tutto fa parte del mondo della luce.
Non hai conosciuto il silenzio, la profondità, lo sconfinato dell’oscurità. Anche questo possiede una sua bellezza, totalmente diversa: è la bellezza della morte.
E quando le hai permesso di accadere, quando ti rilassi in essa, quando ti rilassi in questa oscurità, lentamente esso inizia a farsi più chiaro.”

Andiamo a chiudere con due brani su osservazione e trasmutazione interiore.
“Non appena hai un po’ di tempo, siediti in silenzio e osserva quello che passa nella tua mente.
Non occorre giudicare.
Non giudicare, non lanciare accuse, non fare apprezzamenti, rimani indifferente.
Stai semplicemente seduto a guardare qualunque cosa stia accadendo.
Qualunque cosa accada, tu devi essere un semplice osservatore. Ed è questa la strategia, che permette all’intero scenario di scomparire pian piano dalla mente conscia.
E quando la mente conscia esce di scena, il subconscio inizia a emergere.
Due cose: nessun giudizio, solo semplice presenza attenta. Presto scoprirai che le immagini della mente scompariranno.”

E ancora su meditazione-presenza-consapevolezza.
“Devi andare al di sotto dello stato conscio.
Esiste solo un mezzo: il nome che gli do io è meditazione.
Ma meditazione è sinonimo di osservazione, consapevolezza, presenza attenta.”

E così ora anche il video Stati di coscienza superiore di Osho ha il suo articolo di approfondimento.
Alla prossima occasione.

Fosco Del Nero

Share Button