Product by:
Fosco Del Nero

Reviewed by:
Rating:
5
On 30 Dicembre 2020
Last modified:22 Gennaio 2021

Summary:

Bentrovati per questo articolo di approfondimento, dedicato all’ultimo libro che ho pubblicato, Percorri il tuo sentiero...

Percorri il tuo sentiero - Fosco Del Nero (evoluzione personale)Titolo: Percorri il tuo sentiero.
Autore: Fosco Del Nero.
Argomenti: evoluzione personale, spiritualità, illustrazioni.
Editore: Youcanprint Edizioni.
Anno: 2017.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Bentrovati per questo articolo di approfondimento, dedicato all’ultimo libro che ho pubblicato, Percorri il tuo sentiero.
Il libro si compone di diverse anime, come evidenziato nella recensione, ma quella che si presta meglio all’approfondimento è ovviamente quella saggistica.

Partiamo con un classico: il principio di perfezione… a cominciare dal nostro corpo.
“L’oggetto della nostra incarnazione, il nostro corpo, è perfetto per definizione, poiché viviamo in un’Esistenza perfetta che non ammette errore alcuno.
Il principio di perfezione è una legge cosmica e non fallisce mai. Potrebbe esso errare proprio nell’elemento primo e primario, ossia il corpo che ci ospita?”

Secondo punto: il proprio percorso destinico.
“Tutto è stato predisposto per assicurarci le migliori condizioni per il nostro percorso evolutivo, ossia per realizzare quel che siamo venuti a realizzare sulla Terra. In modo particolare, l’educazione familiare ci darà proprio quelle basi che ci serviranno per sviluppare quanto dobbiamo sviluppare.
Abbiamo una mano da giocare e ci sono state date le carte adatte; come la giocheremo, ovviamente, dipenderà da noi, e in questo consta la libera scelta individuale.
Quel che è sicuro è che siamo stati chiamati a una prova, e che dobbiamo affrontarla: questo è il nostro percorso evolutivo, la nostra missione personale.”

Nuovo principio esistenziale, vera e propria legge: lo sforzo esperito.
“Per passare nella classe successiva occorre superare un esame: è sempre stato così e così sarà sempre.
Sta a noi superare quell’esame.”

Proseguiamo con i brani estrapolati da Percorri il tuo sentiero.
Ne leggiamo, ora, uno sull’addormentamento.
“È tale il potere distraente del mondo fenomenico che inevitabilmente le persone cadono preda di un sonno profondo.
Il paradosso è che da un lato il sonno è assai profondo, tanto che è difficile destarsene, ma al contempo esso è assai agitato, perché nel sogno che lo accompagna le persone provano ogni possibile emozione bassa: paura, rabbia, senso di inadeguatezza, senso di impotenza, debolezza e via discorrendo.
Il bambino, l’anima bambina, così dorme… e non è il solo, dal momento che il Dio del Sonno ha fatto addormentare tutti.”

Nuova citazione: questa è dedicata all’annosa contrapposizione tra ego e anima.
“Infine ci accorgiamo che la mente, la sua prudenza, la sua sopravvivenza e i conseguimenti del mondo portano solo sofferenza e insoddisfazione, se non vero e proprio dramma.
Dall’altro lato invece ci attende il cammino: il progresso interiore, la cura della nostra anima, la fiamma del nostro cuore, è il vero motivo per cui siamo qui… e non ci manca molto per risplendere della luce della consapevolezza.
C’è solo da far cadere qualche velo.”

Qual è il primo ambito sul quale occorre acquisire maestria? Il corpo fisico.
“Il primo livello su cui dobbiamo lavorare è quello del corpo fisico: il corpo materiale che ci è stato dato dall’Esistenza come strumento per il nostro viaggio evolutivo, il corpo che ci rappresenta in modo così perfetto, il corpo che ci fa da veicolo grazie al quale spostarci all’interno della materia e fare così le esperienze che ci servono per apprendere e comprendere.
Occorre porre in esso la nostra attenzione, sempre più e sempre più, senza pausa e senza risparmio, al fine di osservarlo e renderlo presente e potente.
Il livello del corpo materiale è il primo da padroneggiare.”

La legge energetica del boomerang: tutto torna dov’è nato.
“È una legge dell’esistenza ben nota quella per cui ogni cosa torna dove è nata.
Le uniche due variabili sono il tempo in cui ritornerà e il modo in cui ritornerà, ed esse sono lasciate alla perfezione del creato, ma il ritorno è cosa certa: il cane fedele prima o poi tornerà sempre alla casa del suo padrone e insisterà a oltranza perché gli venga aperto.”

Chiudiamo con una breve citazione sull’umano e sul divino.
“Man mano che l’individuo avanza nel sentiero, si rende sempre più conto di essere il servitore del Creatore, inteso come Essenza Divina che pervade tutto e che sottende ogni singola vita e ogni singolo percorso.”

Abbiamo così concluso con Percorri il tuo sentiero.
Al prossimo articolo di approfondimento e buone cose a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button
(Visited 1 times, 1 visits today)