Product by:
Gregg Braden

Reviewed by:
Rating:
3
On 8 Aprile 2011
Last modified:2 Maggio 2017

Summary:

La recensione odierna è dedicata al dvd con intervista a Gregg Braden, intitolato La Matrix Divina, che ultimamente Macrolibrarsi ha inviato in omaggio.

La Matrix Divina - Intervista a Gregg Braden (scienza)Titolo: La Matrix Divina – Intervista a Gregg Braden.
Autore: Gregg Braden.
Argomenti: esistenza, scienza, spiritualità, sviluppo personale.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 2008.

 

La recensione odierna è dedicata al dvd con intervista a Gregg Braden, intitolato La Matrix Divina, che negli ultimi mesi Macrolibrarsi ha inviato in omaggio a coloro che hanno fatto un ordine, sorta di regalo promozionale in vista della data italiana con Gregg Braden, svoltasi recentissimamente.

In questa intervista, della durata di un’ora scarsa e girata nel 2008, Gregg Braden sintetizza il suo lavoro, riprendendo alcuni punti e spunti dei suoi libri e dei suoi seminari dal vivo.
Tra di essi,, da ricordare i vari L’effetto Isaia, Il linguaggio della Matrix Divina, La guarigione spontanea delle credenze, Il codice del tempo, tutti best seller.

Gregg Braden, il quale è un biologo con una formazione evidentemente scientifica, è noto in tutto il mondo per le sue ricerche volte a coniugare la saggezza antica e la scienza di oggi, l’oriente e l’occidente, lo spirito e la materia.

Il principio di base è che tutto è collegato, e che ognuno di noi influenza la realtà, come peraltro i più recenti esperimenti scientifici stanno dimostrando a più riprese: si prenda l’esperimento della doppia fenditura (l’osservazione modifica la realtà), o gli studi sull’atmosfera terrestre (di cui uno strato è sintonizzato sulle frequenze del cervello e del cuore umano), o gli esperimenti sul dna umano o sulle cellule di colture di yogurt (in ambo i casi, pur posti a distanze lontanissime, gli elementi allontanati rispondono a sollecitazioni della loro “fonte”).
Gli scienziati, ci dice Gregg Braden, a questo punto non si chiedono “se” l’uomo influenza la realtà, ma “quanto”.

Non a caso, Braden cita anche Masaru Emoto (che ha scoperto che l’acqua risponde alle emozioni umane, modificandosi di conseguenza) e si riferisce agli studi di Bruce Lipton (che sostiene che l’evoluzione non sia darwiniana-competitiva, ma lamarckiana-cooperativa).

Il ricercatore statunitense parla poi dei mutamenti del campo magnetico della Terra (mai così basso negli ultimi 2.000 anni, fatto che antiche popolazioni avevano anticipato con tanto di esperimenti empirici) e del Sole.
E, a proposito del Sole e della galassia, a quanto pare i Maya avevano ragione nel sostenere che il 21 dicembre 2012 sarà un momento particolare, visto che proprio allora si avrà un allineamento di tutti i pianeti del sistema solare, e persino della galassia, fatto che non si aveva da 26.000 anni (e su cui peraltro vertono profezie non solo dei Maya, ma anche degli indios Hopi e Navajo, degli Indù e di altri popoli).

Gregg Braden conclude l’intervista con tre previsioni: ci attende un ciclo di freddo; la guerrà in futuro diverrà una cosa del passato; i risultati dell’attuale periodo di cambiamento li vedremo presto…

Intervista interessante, anche se, in buona sostanza, ripetitiva degli altri lavori di Gregg Braden, studioso che personalmente apprezzo molto.

Fosco Del Nero

Share Button