Product by:
Arshad Moscogiuri

Reviewed by:
Rating:
2
On 14 Aprile 2014
Last modified:15 Dicembre 2015

Summary:

La valutazione de La psicologia dello Zorba di Arshad Moscogiuri è un po’ pesante, e vado subito a sintetizzare il perché: in poche parole, questo è esattamente il tipo di libro e di energia, persone comprese, da cui cerco di stare alla larga.

La psicologia dello Zorba - Arshad Moscogiuri (esistenza)Titolo: La psicologia dello Zorba.
Autore: Arshad Moscogiuri.
Argomenti: esistenza.
Editore: Tecniche Nuove.
Anno: 2013.
Voto: 4.5.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

La valutazione de La psicologia dello Zorba di Arshad Moscogiuri è un po’ pesante, e vado subito a sintetizzare il perché: in poche parole, questo è esattamente il tipo di libro e di energia, persone comprese, da cui cerco di stare alla larga.

Il che, detto così, pare ancora più pesante, ma vado a precisare: non che il testo difetti di intelligenza o di cultura o anche di spunti interessanti, e anzi ne è ricco, ma, semplicemente, è un testo molto mentale, evidentemente di una persona molto mentale, ancora attaccata a cultura, erudizione, argomentazioni, citazioni di premi Nobel e di grandi della letteratura, etc.

Tanto che, ad essere onesto, fatico a considerare La psicologia dello Zorba un libro di crescita personale, ed ero persino indeciso se recensirlo sul sito.
Tuttavia, esso è edito da un editore di crescita personale, e si presenta con parole come “sacralità”, “spiritualità”, “new age” e “coscienza”, per cui ho pensato che valeva la pena mettere al corrente i lettori di cosa si troveranno di fronte.

La psicologia dello Zorba non è un libro di crescita personale, ma un libro di saggistica.
E, intendiamoci, come testo di saggistica sa il fatto suo, ricco com’è di argomenti e spunti, alcuni persino molto interessanti… ma, per l’appunto, è un libro adatto a un pubblico mentale e non spirituale, se così si può dire, più alla ricerca di informazioni che non di energia elevata, se invece si preferisce quest’altra locuzione.

Tanto che, sono sincero, ho fatto fatica a finirlo, l’ho letto nell’arco di diversi mesi (cosa inverosimile per me che normalmente finisco i libri in pochi giorni) e facendogli passare davanti numerosi libri cominciati dopo.

Insomma, personalmente non ho gradito molto La psicologia dello Zorba di Arshad Moscogiuri; oltre a qualche spunto sparso qua e là, ho percepito come ispirate e di valore giusto le pagine finali, ma per arrivarci si passa attraverso 300 e passa pagine di opinioni personali, elucubrazioni mentali e giudizi.
Come detto, però, è questione di gusti e di target, e se per caso vi sentiste attirati procedete pure.

Fosco Del Nero

Share Button

Altri articoli che potrebbero interessarti...