Product by:
Peter Kelder

Reviewed by:
Rating:
4
On 25 Giugno 2013
Last modified:9 Dicembre 2013

Summary:

Ecco l'approfondimento del libro I cinque tibetani di Peter Kelder, recensito sul sito la settimana scorsa...

Stavolta sarò femmina - Susanna Garavaglia (narrativa)Titolo: I cinque tibetani (Ancient secret of the mountain of youth).
Autore: Peter Kelder.
Argomenti: benessere.
Editore: Edizioni Mediterranee.
Anno: 1985.
Voto: 7.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Poscia che il contenuto de I cinque tibetani di Peter Kelder è, va da sé, relativo soprattutto all’esecuzione dei cinque riti tibetani, anche se non mancano, come evidenziato in recensione, contorni di vario tipo (la storia del colonnello Bradford, spunti su alimentazione, sulle affermazioni e altro), un approfondimento nel senso della descrizione dei cinque tibetani sarebbe stato poco opportuno, per cui ho optato per riportare in questo articolo una parte dell’introduzione al testo, scritta da tale Chris Griscom, il quale introduce il lettore al mondo dei cinque tibetani, e al contempo lo motiva alla lettura, ma soprattutto alla successiva pratica.
Andiamo a sentire che dice…

“In questo affascinante libro di Peter Kelder noi impariamo a conoscere i misteri che per tanto tempo sono stati celati negli antichi monasteri. Libero da difficili discipline e dogmi, l’autore tralascia tutto ciò che non è importante e ci conduce rapidamente e direttamente agli esercizi di questi riti energetici capaci di ringiovanire.
Con una descrizione così chiara, ognuno può veramente praticare questi esercizi, qualunque sia il suo stato di salute. Dato che questi esercizi stimolano in modo tanto efficace i diversi sistemi energetici, i risultati non si fanno attendere e sono subito percepibili a chi li pratica: il livello energetico si eleva a rapidità fantastica. Già seguendo il primo esercizio si proverà un gran senso di benessere, perché la stimolazione del corpo energetico aiuta a liberarsi dalle energia negative. La maggior parte delle persone sono prigioniere del loro tirannico corpo emozionale, abituato a essere in balia di vecchie ferite e sentimenti di vendetta. Se queste energie permangono, noi non abbiamo letteralmente la forza di vivere una vita equilibrata e felice.
Può apparire una speranza esagerata quella di modificare i nostri sentimenti in maniera così semplice, sentimenti che potrebbero produrre depressioni e altre emozioni negative, tuttavia è così! La modificazione in oggetto avviene attraverso una rotazione che accelera il campo della nostra aura, così che la nostra coscienza si eleva automaticamente a ottave superiori di coscienza. Viene eliminata l’immobilità provocata da depressioni e indecisioni e noi siamo in grado di sentire la forza prodotta dalle grandi quantità di energia che abbiamo ora a disposizione. Ruotare in senso orario rafforza tanto il campo dell’aura che questo invia segnali di forza all’esterno e forza vitale al corpo fisico.
Il miglioramento della salute e la forza vengono creati dalla percezione cellulare di nuovi piani di energia. Le cellule cominciano a lavorare come se fossero parte di un corpo vibrante, giovanile.
Anche gli altri esercizi sono ugualmente utili per il corpo. Abbastanza dolci da poter essere eseguiti da chiunque e a qualunque età, sono così perfettamente sviluppati che tutti i sistemi di regolazione del corpo vengono stimolati; per esempio le ghiandole endocrine, il sistema circolatorio, i meridiani e così via.
Questo tipo di rafforzamento del corpo lo ringiovanisce al livello biochimico degli enzimi e degli ormoni. Tutti sappiamo che l’attività ormonale influenza fortemente la nostra sensazione di benessere e persino la nostra stabilità emozionale.
Il respiro svolge un ruolo importante in questi esercizi, e chi li pratica dovrebbe stare attento a respirare col ritmo giusto. Quando respiriamo, permettiamo al corpo di immettere prana puro, il massimo bene della vita.
Peter Kelder ci ha donato cinque importanti esercizi, o riti, che richiedono pochissimo tempo e recano un utile immediato. Non dobbiamo imparare difficili discipline o filosofie, e ciononostante impariamo a conoscersi meglio sui piani più profondi della nostra funzione fisica e della nostra verità corporea.
Il corpo spirituale domina quello fisico. Se noi eseguiamo i riti tibetani con concentrazione totale, diciamo chiaramente al corpo fisico quello che vogliamo: forza vitale vibrante, senza età.
Se partecipiamo attivamente alla vita del corpo, ci liberiamo dalla disperata sensazione di essere guidati da una terribile forza esteriore. La nostra capacità di raggiungere lo stato di benessere desiderato viene ampiamente promossa. Se il messaggio al corpo è chiaro, il corpo reagisce.
Il corpo non decide mai di essere vecchio o debole.
Lo diviene non per effetto del dna, ma perché la coscienza perde il coraggio di confrontarsi con la realtà spesso faticosa. Paura e pigrizia sono gli strumenti della vecchiaia che incalza. E l’energia generata dal movimento distoglie la nostra attenzione dalla paura.
Vedrete, amici miei, questi grandiosi riti vi porteranno certamente sul sentiero del Sé, riunificando il vostro corpo fisico, emozionale, mentale e spirituale in un punto che voi sperimenterete come il vostro centro.”

Beh, che dire, un’introduzione a dir poco incoraggiante e stimolante.

Introduzione e finale in un colpo solo, peraltro, dal momento che l’articolo di approfondimento su I cinque tibetani di Peter Kelder termina qui.
Ovviamente se avete testimonianze in merito siete invitati a postarle a beneficio di tutti.

A presto e tante belle cose a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button

Altri articoli che potrebbero interessarti...