Product by:
Jiddu Krishnamurti

Reviewed by:
Rating:
4
On 6 agosto 2018
Last modified:5 settembre 2018

Summary:

Jiddu Krishnamurti, il grande maestro indiano, non ha certamente bisogno di presentazioni presso il pubblico addentro alle tematiche esistenziali; oggi recensisco il suo Ai piedi del maestro.

Ai piedi del maestro - Jiddu Krishnamurti (esistenza)Titolo: Ai piedi del maestro (At the feet of the master).
Autore: Jiddu Krishnamurti.
Argomenti: esistenza, spiritualità, teosofia.
Editore: Edizioni Teosofiche Italiane.
Anno: 1910.
Voto: 7.5.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Jiddu Krishnamurti, il grande maestro indiano, non ha certamente bisogno di presentazioni presso il pubblico addentro alle tematiche esistenziali… anche se la sua vita, nonché la sua “scoperta” e la sua partecipazione alla Società Teosofica meriterebbero certamente un approfondimento.

Non è questa la sede per farlo, tuttavia, e dunque qua mi limito a precisare che Ai piedi del maestro porta sì la firma di Krishnamurti, che lo scrisse quand’era fanciullo, ma che, stando alla cronaca, egli lo ricevette come dettatura dal maestro Koot-Hoomi (o Kuthumi o semplicemente K.H.), a lui presentatogli da Charles Leadbeater , uno degli allora leader della Società Teosofica.

Quanto a Koot-Hoomi, sarebbe nientemeno che uno dei maestri di saggezza della “Grande Fratellanza Bianca”, che comprenderebbe anche Morya, Cristo, etc.

Ma ignoriamo la genesi o presunta tale, e veniamo ai contenuti di Ai piedi del maestro, libriccino di formato davvero piccolo, nonché di stretto numero di pagine: poco più di 40. Ossia forse 20-25 di un libro di formato normale.

Se si effettuasse un rapporto con il prezzo di copertina, sarebbe da non comprare… ma come sappiamo il “prezzo” va rapportato, se si è saggi, al livello di coscienza-consapevolezza che vi è entro, e in questo senso Ai piedi del maestro ha un suo motivo d’essere…

… e anzi, a dirla tutta, tempo addietro lo avevo trovato segnalato in qualche fonte di livello (mi pare in un libro di Ramtha, ma non sono sicuro).

Ai piedi del maestro, dopo un paio di brevi introduzioni, dedica le sue poche pagine a quattro temi, i quali sarebbero i più importanti per la persona in cammino: il discernimento, l’assenza di desideri, la retta condotta e l’amore.

Quanto ai principi contenuti in esso, son tutti corrispondenti alle note leggi esistenziali, e come detto l’energia presente nel libriccino è anch’essa di valore.
Contando inoltre la grande agilità del libercolo, esso ha un utilizzo non solo come lettura di fondo, ma anche come facile e veloce riproposizione e ripasso.

Insomma, al di là al discorso sulla Società Teosofica, sulla teosofia e sulla questione del maestro dietro le quinte, Ai piedi del maestro di Jiddu Krishnamurti è un testo che merita la lettura.

Fosco Del Nero

Share Button

Altri articoli che potrebbero interessarti...