Product by:
Giovanna Garbuio

Reviewed by:
Rating:
3
On 8 Ottobre 2009
Last modified:15 Dicembre 2015

Summary:

Il titolo del report proposto oggi è Quello in cui credo io, mentre la sua autrice è Giovanna Garbuio.

Quello in cui credo io - Giovanna GarbuioOggi vi propongo un report che ho scaricato gratuitamente online, e che potete trovare voi stessi in questo sito: www.giopop.blogspot.com (sito che peraltro fa parte della lista dei siti amici in ambito miglioramento personale).

Il titolo del report è Quello in cui credo io, mentre la sua autrice è Giovanna Garbuio.

Sostanzialmente, il report è una sintesi di La Matrix Divina, opera di Gregg Braden uscita tanto come libro, quanto come videoregistrazione di alcune sue conferenze.

E, curiosamente, ho iniziato a leggere il report, senza sapere tale fatto, poco dopo aver visto proprio il video di Gregg Braden, di cui avevo anche comprato il libro corrispondente… simpatica coincidenza (ma le coincidenze esistono??).

Come dicevo, il report sintetizza le ricerche di Gregg Braden, e peraltro non in modo molto sintetico, posto che vi sono decine e decine di pagine di ebook.
La “sintesi” è buona, con esposti i principali concetti e l’evidente passione e convinzione di chi scrive.
Devo sottolineare però un italiano a volte poco chiaro e corretto.

Ad ogni modo, il tutto prende le mosse dalle difficoltà della fisica classica nei confronti delle recerti scoperte della fisica quantistica, come per esempio il fatto che il vuoto in realtà non esiste, mentre finora si era sempre pensato il contrario.

Dunque, il vuoto non esiste, mentre esiste un campo energetico universale che di fatto interconnette tutte le varie energie (la materia e tutto ciò che conosciamo sono composti di energia, per quanto a differenti livelli vibrazionali).
Tale campo, peraltro, nella storia umana è stato indicato con diversi nomi: etere, akasha, dio, energia, matrix divina, onnicreatività, etc.

Posto che tutto è energia e fa parte di un unico campo energetico, allora tutto ha influenza su tutto, compresi i nostri pensieri e le nostre emozioni, che, guarda un po’, hanno riflessi tanto a livello macro, quanto, ed era inevitabile, a livello micro, e segnatamente nelle nostre vite e nei nostri corpi.

Sostanzialmente, è già stato appurato che le emozioni cambiano il dna del corpo, o rilassandolo (emozioni positive) o comprimendolo (emozioni negative).

Il modo per interagire con tale campo quantico-energetico, tanto nel piccolo quanto nel grande (“come in alto, così in basso”, diceva Ermete Trismegisto :) è dunque rappresentato dalle emozioni, che costituirebbero il linguaggio della matrice divina.

Fatto che, peraltro, era già noto da millenni, per quanto il messaggio, specie in Occidente, si sia un po’ perso per strada: la preghiera consiste nel sentimento, e non nelle parole dette per accompagnare il sentimento stesso (tale concetto è presente nella cultura buddista, giudaico-cristiana, islamica, essenica, negli insegnamenti vedici, etc).

Questo a livello di sintesi.
Il testo poi parla anche dell’universo olografico e di numerosi esperimenti scientifici indicanti quanto detto: l’effetto entanglement, l’esperimento phantom dna, gli studi sul campo elettrico e magnetico del cuore, l’esperimento della doppia fessura, etc.

Insomma, essendo Quello in cui credo io un report su un lavoro molto interessante, è interessante esso stesso.
A Giovanna Garbuio il merito di averlo distribuito online gratuitamente.

Fosco Del Nero

Share Button

RelatedPost