Review of: Il volto verde
Product by:
Gustav Meyrink

Reviewed by:
Rating:
4
On 2 Maggio 2022
Last modified:9 Giugno 2022

Summary:

Dopo aver letto "Il golem", e rimastone piacevolmente sorpreso, sono passato a "Il volto verde", ch’è così il secondo romanzo di Gustav Meyrink che leggo...

Il volto verde - Gustav Meyrink (narrativa)Titolo: Il volto verde (Das grune gesicth).
Autore: Gustav Meyrink.
Genere: narrativa, esoterismo.
Editore: Adelphi.
Anno: 1917.
Voto: 7.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: Amazon.

 

Dopo aver letto Il golem, e rimastone piacevolmente sorpreso, sono passato a Il volto verde, ch’è così il secondo romanzo di Gustav Meyrink che leggo.

La mia piacevolezza non è relativa tanto all’aspetto narrativo dell’opera, o comunque non solo, giacché anche quello è di valore, ma all’aspetto contenutistico, visto che, sostanza alla mano, Il golem era per metà un testo di esoterismo.

Mi sono accostato così a Il volto verde con una simile aspettativa: narrazione ma anche contenuti di tipo simbolico-esistenziale.

Anche in questo caso, Meyrink non mi ha deluso: Il volto verde propone una notevole mole di contenuti, per quanto di genere differente rispetto a Il golem: difatti, mentre nel primo libro che ho letto dominavano kabbalah e tarocchi, nel secondo dominano l’alchimia interiore e l’unione sessuale-sentimentale. Probabilmente lo scrittore austriaco ha “dedicato” ciascun suo romanzo a specifiche discipline.

Il protagonista della storia è tale Fortunat Hauberrisser, un austriaco che vive ad Amsterdam e che, in quella città, ha a che fare con misteriosi personaggi e altrettanto misteriosi eventi: rituali vudu, aggressioni e rapimenti… ma anche con un innamoramento che trascenderà la materia e il tempo, ciò che è la vera essenza della storia.

Da un lato abbiamo così la narrazione, dall’altro lato abbiamo citazioni spiritual-evolutive, in grande misura, le quali a tratti arrivano persino a valanga e che fanno da cornice ai simboli centrali della storia: il possesso sul piano fisico contrapposto all’unione animica, e dunque il raffinamento e il progresso evolutivo della relativa energia.

Come romanzo, Il volto verde mi è piaciuto un poco meno rispetto a Il golem, ma l’ho comunque gradito, e comunque, come detto, i contenuti ci sono (anzi, Il volto verde ne contiene anche più del precedente libro, già discretamente abbondante di suo), tanto che seguirà anche un ricco approfondimento… nonché altri libri di Meyrink.

Fosco Del Nero

Share Button
(Visited 1 times, 1 visits today)