================== EBOOK GRATUITO ==================

Inserisci la tua mail e ricevi l'ebook di crescita personale
"Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Parole di Potere

Ai piedi del maestro - Jiddu Krishnamurti (esistenza)Titolo: Ai piedi del maestro (At the feet of the master).
Autore: Jiddu Krishnamurti.
Argomenti: esistenza, spiritualità, teosofia.
Editore: Edizioni Teosofiche Italiane.
Anno: 1910.
Voto: 7.5.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Benvenuti all’articolo di approfondimento dedicato ad Ai piedi del maestro, libro di Jiddu Krishnamurti assai risalente, essendo datato 1910… e tecnicamente nemmeno di Krishnamurti, ma per tale dettaglio vi rimando alla recensione.

Cominciamo subito l’elenco di brani proposti, col primo che elenca i quattro ambiti in cui si deve impegnare il viandante spirituale.
“Quattro sono i requisiti per questo sentiero: discernimento, assenza di desiderio, retta condotta e amore.”

Il secondo brano sintetizza viceversa i due gruppi di esseri umani presenti nel mondo.
“In tutto il mondo vi sono soltanto due specie di uomini: quelli che sanno e quelli che non sanno, e ciò che conta è questa conoscenza.”

Parlando di conoscenza e sapienza, segue una citazione davvero evocativa nella sua bellezza e forza.
“Dio è Sapienza al pari di Amore, e quanto più sai tanta più parte di lui puoi manifestare.”

Torniamo ora sulla Terra e nel prosaico, parlando dei tre corpi umani e della necessità di dominarli e di non esserne al contrario dominato. La citazione si conclude con il solito invito alla presenza, fattore centrale e focale di ogni vero percorso evolutivo.
“Il corpo è un animale al tuo servizio, il destriero sul quale cavalchi.
Perciò trattalo bene e abbine cura; non strapazzarlo e nutrilo convenientemente, soltanto con cibi e bevande pure, e mantienilo sempre scrupolosamente pulito, libero dalla più piccola macchia di sudiciume.
Perché senza la perfetta nettezza e la perfetta salute del corpo non potrai compiere l’arduo lavoro di preparazione, non potrai sopportare lo sforzo che esso richiede.
Devi essere sempre tu che padroneggi quel corpo, e non il contrario.
Il corpo astrale ha i suoi desideri… desideri a profusione: vuole che tu vada in collera, che tu dica parole aspre, che tu sia geloso, avido di denaro, invidioso della roba altrui, che ti lasci sopraffare dallo sconforto.
Esso desidera tutte queste cose e molte altre ancore, non perché voglia farti male, ma perché ama le vibrazioni violente e gli piace cambiarle continuamente.
Ma tu non vuoi nulla di tutto questo e perciò devi discernere tra i tuoi bisogni e quelli del tuo corpo.
Il tuo corpo mentale desidera considerarsi orgogliosamente separato dagli altri, pensare molto a sé e poco al prossimo. Anche se riuscirai a distoglierlo dagli interesse mondani, cercherà ancora di essere egoisticamente calcolatore e di farti pensare al tuo progresso anziché al lavoro del maestro e all’aiuto da dare agli altri.
Quando mediti, cercherà di farti pensare alle molte varie cose che esso brama, anziché all’unica cosa che tu vuoi.
Tu non sei questa mente, ma essa è tua perché tu te ne serva e perciò in questo è necessario il discernimento.
Vigila senza posa, altrimenti fallirai.”

Il brano seguente invita alla serenità costante, al di là dei fatti esteriori.
“La tranquillità della mente implica coraggio, così che tu possa affrontare senza timore le prove e le difficoltà del Sentiero.
Significa anche fermezza, che ti consenta di prendere alla leggera i guai che vengono ad ognuno nella vita e di evitare l’angustia continua per cose da poco, nella quale tanta gente trascorre la maggior parte del tempo.
Ciò che accade ad un uomo esternamente non ha la minima importanza; dispiaceri, guai, malattie, disgrazie, tutte queste cose devono contare come nulla e non bisogna permettere che la tranquillità della mente ne sia turbata.
Queste cose sono il risultato di azioni passate e quando ti capitano sopportale con cuor contento, rammentando che ogni male è transitorio e che è tuo dovere mantenerti sempre sereno e pieno di gioia.”

Adesso seguono alcune righe che invitano il lettore ad un esercizio che, praticamente, è un esercizio che mi ero inventato e assegnato da solo tempo fa: una benedizione al giorno (mia ulteriore specifica: rivolta preferibilmente o a chi ne ha bisogno o a chi ci piace meno).
“Adopera quotidianamente il potere del pensiero a scopi benefici; sii una forza a favore dell’evoluzione.
Pensa ogni giorno a qualcuno che sai afflitto, sofferente o bisognevole di aiuto e riversa su di lui il tuo pensiero amorevole.”

Parliamo ora di possesso e attaccamento, nemici della libertà, della leggerezza e della serenità.
“Devi rinunziare a ogni sentimento di possesso.
Il karma potrà toglierti le cose a cui tieni maggiormente, perfino le persone che più ami.
Anche in questo caso devi essere contento, pronto a distaccarti da qualsiasi cosa e da tutto.”

Ci stiamo avvicinando alla conclusione di questo bell’articolo di approfondimento dedicato ad Ai piedi del maestro. Questo brano ci invita ad avere una determinazione inarrestabile.
“Nulla di deve distogliere, sia pure per un istante, dal Sentiero nel quale sei entrato.
Nessuna tentazione, nessun piacere del mondo, perfino nessun affetto deve mai farti deviare.
Perché tu stesso devi divenire uno col Sentiero; esso dev’essere tanta parte della tua natura che tu lo possa eseguire senza bisogno di riflessione ed il deviarne sia impossibile.”

Viceversa, questa ulteriore frase rimarca ulteriormente il valore dell’amore.
“Di tutti i requisiti il più importante è l’Amore, poiché, se esso è sufficientemente sviluppato in un uomo, l’obbliga ad acquisire tutti gli altri, e tutti gli altri senza di esso non sarebbero mai sufficienti.”

Meno tre al termine: la terzultima citazione invita al servizio agli altri in ogni sua forma.
“Nella vita quotidiana l’amore implica due cose: primo, abbi cura di non nuocere ad alcun essere vivente; secondo, che tu sia costantemente in guardia per non lasciarti sfuggire le occasioni di recare aiuto.”

La penultima ci parla degli effetti del pensiero di bassa vibrazione, effetti rivolti sia agli altri che a se stessi.
“Se pensi al male di un altro fai contemporaneamente tre cose malvagie:
1. riempi i tuoi vicini di pensieri cattivi anziché di pensieri buoni e così accresci la sofferenza del mondo,
2. se vi è in quell’uomo il male a cui pensi, lo intensifichi e lo nutri e così, invece di migliorare tuo fratello, lo rendi peggiore.
3. riempi la tua mente di pensieri cattivi, anziché di pensieri buoni e così ostacoli il tuo proprio progresso.”

Ultimo brano proposto, questo focalizzato sulle tre qualità che occorre sviluppare in sé.
“Il Sapere che rende capaci di aiutare, la Volontà che dirige quel sapere, l’Amore che ispira quella volontà: questi sono i vostri requisiti.
Volontà, Sapienza ed Amore sono i tre aspetti del Logos, e voi che desiderate arruolarvi al suo servizio dovete rispecchiare questi tre aspetti nel mondo.”

Bene, e con Ai piedi del maestro di Jiddu Krishnamurti (al tempo noto come Alcyone) abbiamo terminato.
Saluti e buone cose a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button

Tarocchi dei samurai - Massimiliano Filadoro, Giancarlo Caracuzzo (carte)Titolo: Tarocchi dei samurai.
Autore: Massimiliano Filadoro, Giancarlo Caracuzzo.
Argomenti: tarocchi, carte, divinazione.
Editore: Lo Scarabeo.
Anno: 2006.
Voto: 6.
Dove lo trovi: Macrolibrarsi.

 

Ormai i mazzi di tarocchi che ho recensito non si contano più…
… anche se ultimamente mi sono dato una calmata, tanto che ne sono stati recensiti pochi e presumibilmente saranno ancora meno in futuro, giacché ormai ho trovato una mia squadra e non necessito di altri mazzi, per quanto ovviamente rimango sempre aperto a nuove proposte della vita.

Oggi abbiamo davanti i Tarocchi dei samurai del duo Massimiliano FiladoroGiancarlo Caracuzzo, il primo ideatore e il secondo disegnatore.

Curiosamente, mi erano arrivati in coppia con i Tarocchi manga: siamo sempre in Giappone, ma i primi avevano un taglio decisamente più fumettoso e colorato, mentre questi Tarocchi dei samurai sono al contrario assai più sobri, sia nelle immagini che nei contenuti.

E grazie a Dio non hanno invertito i generi sessuali come aveva fatto l’altro mazzo, che aveva piazzato una donna come Eremita e un uomo nella Forza… roba da pazzi.

Ecco il mio responso (a proposito di tarocchi e di divinazione in generale… anche se io non li uso per la divinazione, uso piuttosto infantile, ma per l’evoluzione personale): le lame maggiori, che di solito sono la parte più curata del mazzo, non brillano, e alcune di esse sono poco convincenti, nel disegno ma soprattutto nel simbolismo. Anche le lame minori si presentano come del tutto difformi dalla tradizione (tradizione: gli arcani minori dei Tarocchi di Rider Waite, che a loro volta non sono tradizione essendo un mazzo relativamente recente, ma essenzialmente si è imposto per le carte minori, da cui la mia espressione di prima), e si propongono, esse così come gli arcani maggiori, più utili come oracolo che non per il più classico simbolismo tarotico.

Se dunque come tarocchi traballano parecchio, come mazzo oracolare hanno un loro perché, unitamente anche alla buona qualità media delle 78 carte. Peccato solo che alcune carte siano troppo simili tra di loro… manco a dirlo, troppi samurai, troppe spade e troppi combattimenti.

Comunque, perlomeno i Tarocchi dei samurai se ne escono dal sito con una sufficienza, che non è malaccio per dei mazzi poco noti e assai sperimentali.

Fosco Del Nero

Share Button

Istruzioni per maghi erranti - Andrea Panatta (evoluzione personale)Titolo: Istruzioni per maghi erranti.
Autore: Andrea Panatta.
Argomenti: evoluzione personale.
Editore: Spazio Interiore.
Anno: 2015.
Voto: 6.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Oggi ci dedichiamo a un piccolo libriccino, che ha riscosso un buon gradimento di pubblico, considerate le valutazioni su Macrolibrarsi e Giardino dei Libri: parlo di Istruzioni per maghi erranti, di Andrea Panatta.

Cominciamo con gli estremi: edito da Spazio Interiore, Istruzioni per maghi erranti è un libriccino di formato davvero piccolo, con 80 pagine mini che sarebbero probabilmente 40 di una stampa media.
Il prezzo di 7 euro rende dunque queste 40 pagine un po’ costose…

… anche se chi ha occhi un minimo sviluppati bada più all’energia/consapevolezza che c’è in un testo che non al prezzo o al numero di pagine, per cui andiamo oltre, specificando l’argomento del libro: parliamo di percorso evolutivo, e lo facciamo con una terminologia un po’ particolare: maghi erranti, sfocatura, intensità, etc. Subito una nota di demerito: i concetti sono quelli tradizionali, ma l’autore cerca di mettervi sopra una sorta di copyright chiamandoli con un altro termine, cosa che non solo è inutile e anzi un po’ ingenua, ma che peraltro sovente rende la lettura poco scorrevole e a rischio confusione.

Carino il tono vagamente fantasy di “maghi erranti” e dintorni, anche se a dirla tutta nel libro vi sono pochi concetti evolutivi, peraltro ben noti, riproposti a volte con termini alternativi, e spesso ripetuti ad oltranza, cosa che a tratti rende il testo un po’ ripetitivo, nonostante la sua brevità.

La valutazione del libro non è comunque del tutto negativa, e anzi è sufficientemente positiva, giacché in esso vi sono comunque spunti validi, precisando però che il tutto sembra decisamente rivolto più a un pubblico di base-medio che non a un pubblico più “avanzato”.
Cosa non malvagia in sé, visto che il grosso del pubblico è “di base” e visto che ogni bocca ha bisogno del suo cibo.

Elemento negativo: c’è nel libro del relativismo fuori luogo, che anzi contrasta con alcuni principi esistenziali, i quali, ricordiamolo sempre, sono leggi vere e proprie, valide sempre e per tutti. Tutto il contrario del relativismo in cui amano crogiolarsi alcuni, dunque.

Elemento positivo: il libro inizia con una sorta di giuramento/impegno che per larghi tratti è assai bello, e come detto il testo ha dentro parecchi spunti validi, comprensivi anche di frasi piuttosto efficaci.

In conclusione, Istruzioni per maghi erranti di Andrea Panatta è un libriccino caruccio, utilino, scritto con intento sincero, ma certamente non un testo irrinunciabile.

Fosco Del Nero

Share Button

BAG

tarocchi

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Parole di Potere

Il cammino del mago

Il mondo dall'altra parte

Copertina Parole di Forza

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Ultimi Commenti

Libri consigliati

Dhammapada
I quattro vangeli
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Prima di Io Sono
I segreti del viaggio interiore
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Chiedi e ti sarà dato
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite