================== EBOOK GRATUITO ==================

Inserisci la tua mail e ricevi l'ebook di crescita personale
"Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Parole di Potere

L’avventura indaco-cristallo - Celia Fenn (new age)Titolo: L’avventura indaco-cristallo (The indigo crystal adventure).
Autore: Celia Fenn.
Argomenti: new age, esistenza.
Editore: Stazione Celeste Edizioni.
Anno: 2005.
Voto: 3.5.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: Macrolibrarsi, Il giardino, Amazon.

 

Bentrovati a questo altro articolo di approfondimento, dedicato stavolta a L’avventura indaco-cristallo, di Celia Fenn.
La valutazione in recensione è stata davvero scarsa, ma per l’approfondimento ho cercato di trarre comunque degli spunti validi… che ci sono nel libro, però occorre andare a cercarli col lanternino in mezzo a una fitta nebbia.

Curiosamente, gli unici spunti validi nel testo non riguardano bambini, educazione, rapporto di consapevolezze, giacché in tal senso nel libro si trovano solo luoghi comuni, banalità e anche cose distorte, ma riguardano principi esistenziali ben noti… giusto per andare sul sicuro.
Il primo concerne il senso di abbandono e fiducia.
“Let go and let god. Dobbiamo “lasciar fare a Dio”, come dice il detto.
Per molte persone ciò risulta difficile, ma più si oppone resistenza ai cambiamenti e più aumentano le difficoltà.
Più lasciate che i cambiamenti avvengano, più essi fluiranno.”

La seconda citazione illustra l’obiettivo dell’irraggiamento, la luce che ciascuno di noi deve diventare.
“Lasciate che la vostra presenza sia una benedizione per ogni persona che incontrate.
Fate sì che la luce che è in voi trasmuti la paura che è in loro.”

Terzo brano: cuore e presenza.
“Ogni individuo che apre il suo cuore alla compassione e alla paura favorisce il processo di guarigione della coscienza collettiva dell’umanità.
Una volta che si vive al di là della paura, si può vivere nell’eterno presente, sperimentando realmente il potere dell’Adesso.”

Passiamo ora al celeberrimo principio speculare.
“La chiave sta nel comprendere che l’altro rappresenta un aspetto di noi stessi e della nostra realtà, e il modo in cui gestite gli altri e reagite a essi è uno specchio del trattamento che voi riservate a voi stessi e alla vostra realtà.
Quando riuscirete a trattarvi con amore e compassione, solo allora sarete capaci di trattare gli altri allo stesso modo. Siate, quindi, gentili con voi stessi e il resto verrà da sé.”

Segue adesso una citazione sulla visione espansa-collettiva.
“Pensate dal punto di vista del pianeta e non solo secondo i vostri interessi, perché è solamente divenendo consapevoli del benessere del planetario che potrete esser certi di creare anche il vostro benessere.
Le due cose sono interconnesse, e fanno parte dell’unità che esiste fra tutte le cose.”

Adesso, invece, L’avventura indaco-cristallo e Celia Fenn ci propongono un brano sull’amore-perdono come metodo di scioglimento delle energie interiori.
“Il cosiddetto karma può essere rilasciato in qualsiasi momento attraverso l’amore.
Occorrono solamente amore e perdono per rilasciare la presa magnetica che le esperienze passate possono avere su di noi.
Se non amiamo e non perdoniamo, allora continueremo ad attrarre quella particolare energia fino a quando non avremo rilasciato la sua presa su di noi.”

E l’ultima citazione proposta concerne le relazioni sentimentali e il dualismo tra energia maschile ed energia femminile.
“Ognuno di voi ha bisogno di essere connesso all’energia maschile interiore: l’energia del guerriero spirituale e di quel leader che c’è in ognuno di voi. Questa è l’energia solare. È raggiante, forte, sicura di sé, calorosa ed energica. È l’energia del fare. Vi dice quando dovete affermarvi, vi infonde fiducia e vi aiuta a realizzare le cose nel mondo materiale. Fluisce verso l’esterno ed è un’energia attiva.
L’energia femminile è l’energia lunare. È dolce, ricettiva, gentile, affettuosa e incondizionata, ma è anche molto potente. È l’energia dell’essere. Fluisce internamente ed è passiva, come il senso di pace. Vi consente di stare con voi stessi e con gli altri in modi che non includano la critica. È lo spazio in cui le idee creative vengono concepite, partorite e quindi trasferite al maschile affinché possano concretizzarsi nella materia divenendo realtà.
In un individuo equilibrato, esiste un flusso bilanciato tra essere e fare, attivo e passivo, maschile e femminile. Tale equilibrio interiore si riflette nel mondo esterno per creare relazioni tra esseri ugualmente equilibrati che a loro volta possono così creare e mantenere relazioni equilibrate e benevole.
Una relazione equilibrata è quella in cui nessun partner domina spiritualmente, mentalmente, emozionalmente o sessualmente l’altro.”

E con questo abbiamo concluso con L’avventura indaco-cristallo di Celia Fenn.
A presto e buone cose a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button

Film o video di miglioramento personale? - 2Riguardando la (ormai lunga, e anche copiata senza chiedere il permesso e senza citare la fonte, cosa che vien molto prima dell’evoluzione spirituale e che riguarda la correttezza) lista di film suggeriti (Film che aprono la mente… o il cuore), mi sono accorto che alcuni li avevo inseriti in elenco ma senza dedicare loro un articolo apposito.
Poco male, e anzi bene: ho così materiale per due articoli della rubrica “Film o video di miglioramento personale?

Come al solito, partiamo dal mini-elenco per poi leggere una mini-descrizione:
Lei,
Predestination,
Mirrormask,
Pioggia di ricordi – Omohide poro poro,
Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo.

Lei
Apparentemente Lei sembra solamente un film sulle nuove tecnologie, e su come potremmo rapportarci ad esse in futuro. Uno sguardo non solo tecnologico ma anche psicologico fa scorgere in esso problemi di solitudine e personali.
Uno sguardo ancora più profondo, tuttavia, mostra anche questioni prettamente esistenziali: il vuoto interiore, il senso di attaccamento, il possesso, la crescita interiore, l’amore incondizionato.
Non poco, se ne converrà.

Predestination
Predestination è il boss di questo singolo elenco di film: a livello di sceneggiatura è un castello di carte tanto fragile quanto maestoso, mentre a livello di contenuti, pur non parlando a chiare lettere, e anzi distraendo lo spettatore nel suo vortice a spirale, ogni tanto spara qualche frase di grande impatto esistenziale.
Ma, d’altronde, che ci si poteva aspettare da un film tratto da un racconto intitolato All you zombies? Racconto firmato da un autore di fantascienza che leggevo da adolescente, peraltro, Robert Heinlein.

Mirrormask
Con Mirrormask scendiamo di svariate tacche riguardo ai contenuti esistenziali, e forse anche riguardo al valore del film in senso assoluto, purtuttavia si tratta di un film cui mi affezionai all’istante quando lo vidi anni fa, tanto che l’ho visto svariate volte.
Anche in questo caso dietro c’è una firma di fama, Neil Gaiman, autore di opere per bambini-adolescenti-ragazzi nettamente più profonde della media di quel che si somministra loro (anche perché in media si dà loro spazzatura giusto per riempire il loro tempo… cosa peraltro coerente col fatto che gli adulti fanno lo stesso col loro tempo). Oltre al nome di Gaiman, c’è anche quello della Jim Henson Company (capolavori senza tempo come Labyrinth e The dark crystal), il che già basterebbe per mettersi a guardare il film.
Il quale è una storia di formazione, di crescita, di nulla e di presenza, di indipendenza, di attaccamento-amore condizionato da un lato e libertà-amore incondizionato dall’altro.

Pioggia di ricordi – Omohide poro poro
A Pioggia di ricordi, film d’animazione giapponese, non sono invece molto legato, e anzi non mi piace molto, soprattutto a livello visivo (i personaggi hanno delle facce strane). Ciò non toglie che il film si fa portavoce di molti valori importanti, quali: la bellezza e il rispetto per la natura, uno stile di vita semplice, prodotti alimentari genuini con tanto di agricoltura biologica, il cambiamento, il giudizio, la vocazione interiore.
Non abbastanza da farne un film da non perdere, ma abbastanza per essere incluso in questa lista.

Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo
Chiudiamo la lista col film più leggero in assoluto.
Perché nella lista è incluso Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo?
Perché, pur in assenza di contenuti evolutivi, il film curiosamente propone, e lo faceva ormai alcune decine di anni fa, svariate tematiche di confine: arca dell’alleanza, riti magici, crani dolicocefali, antiche divinità, forze magnetiche misteriose, poteri mentali, alieni che nel passato hanno visitato la Terra e insegnato all’umanità, senza contare un discorso sorta di manifesto dell’indottrinamento del Nuovo Ordine Mondiale.
Mi è dunque sembrato interessante, a livello di conoscenza intellettuale, includerlo nella lista.

E con ciò abbiamo terminato l’episodio numero 34 della rubrica Film o video di miglioramento personale?
Al prossimo numero.

Fosco Del Nero

Share Button

Labirinto - Il sentiero sacro - Lauren Artress (crescita personale)Titolo: Labirinto – Il sentiero sacro (Walking a sacred path).
Autore: Lauren Artress.
Argomenti: crescita personale.
Editore: Edizioni My Life
Anno: 1995.
Voto: 4.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: Macrolibrarsi, Il giardino, Amazon.

 

Bentrovati a questo articolo di approfondimento, dedicato al libro Labirinto – Il sentiero sacro, di Lauren Artress.
Il testo in sede di recensione non ha avuto una valutazione eccellente, ma nondimeno qualche spunto interessante in esso si trova… e per fortuna giacché si parla di un libro di circa 230 pagine.

I primi due brani riportati prendono le mosse dal degrado attuale delle antiche religioni, che hanno perso per strada la loro essenza interiore.
“La religione è per coloro che hanno il terrore dell’inferno.
La spiritualità per coloro che ci sono già stati.
Nel mondo occidentale si è creata una frattura. Abbiamo confuso l’idea di religione con quella di spiritualità, il contenitore con il contenuto.
La religione è solo l’aspetto esteriore, il “contenitore”, con i suoi atti formali come la liturgia e i gesti rituali finalizzati a pregare, lodare e ringraziare Dio.
La spiritualità invece è l’attività interiore, la crescita e lo sviluppo dell’anima.”

Ancora sul degrado della religione, e stavolta sulla preghiera perduta.
“Le più antiche forme di preghiera, che costituivano la lectio divina, erano finalizzate a sostenere la riflessione, la spontaneità e la contemplazione.
Furono riformate nel VX secolo e sostituite da preghiere da recitare a mente.
Successivamente, venne eliminata anche la contemplazione perché incoraggiava il misticismo.
La storia ha cancellato ogni approccio spirituale del cristianesimo, che ha perso così la sua identità. La strada interiore sembrava pericolosa e complicata, perciò i teologi hanno preferito insistere sulla trascendenza di Dio e dipingerlo come un essere distante dall’uomo. Entrambi gli aspetti, quello trascendente e quello immanente, sono importanti ma, nella nostra ideologia, uno ha preso il sopravvento sull’altro rendendo incompleta la religione.”

E ancora sulle religioni, stavolta in relazione al nucleo di tutte le religioni: la compassione.
“La compassione è l’insegnamento fondamentale di tutte le religioni del mondo.
Dobbiamo chiederci se stiamo diventando compassionevoli perché solo così sarà possibile l’incontro tra diverse comunità.
Quando il mondo sarà maturo spiritualmente, le persone riusciranno a condividere la loro ricchezza culturale con gli altri.”

Passiamo ora a un brano in cui l’autrice Lauren Artress ci dice perché la pratica di percorrere un labirinto (ma non uno qualunque, bensì uno “sacro”) è così valida.
“Perché il labirinto è così irresistibile?
Perché è uno strumento per indirizzare il processo di guarigione, per approfondire la saggezza e potenziare la creatività. Camminando in questo percorso, la mente si placa e possiamo comprendere meglio il nostro viaggio spirituale.
Il labirinto stimola ad agire. Tranquillizza le persone angosciate durante i periodi di transizione. Le aiuta a comprendere che la loro vita fa parte di un cammino e di un pellegrinaggio.
Siamo esseri spirituali su una strada terrena, e non essere terreni posti su un sentiero spirituale. Chi sente di non sfruttare pienamente le proprie doti trova uno stimolo alla creatività. Chi sta soffrendo ne ricava sollievo e conforto.
Ciascuno vive l’esperienza in modo personale partendo da presupposti diversi, a seconda dei propri sogni e del proprio passato.”

Chiudiamo la recensione su Labirinto – Il sentiero sacro con altri tre brani.
Il primo rapporta il caos della società odierna con il caos interiore di tante persone.
“Nella società caotica in cui viviamo, molti non riescono a trovare la pace interiore.
I buddisti chiamano “mente della scimmia” la mente di coloro che hanno uno spirito indisciplinato che vada di pensiero in pensiero e salta da un argomento all’altro senza ragione.
Quando la nostra mente è serena, ci sentiamo in pace e aperti, consapevoli del silenzio che abbraccia l’universo.
Quando cerchiamo di meditare, dobbiamo provare a staccare i pensieri che invadono la nostra testa. Non lasciarti coinvolgere, lasciali andare. “

La seconda citazione effettua un rapporto con lo spirito delle arti marziali.
“Dobbiamo essere come chi pratica le arti marziali, che non ricava la propria forza dalla volontà di fare accadere le cose, ma si abbandona a ciò che lo circonda e risponde con saggezza agli eventi.”

E la terza e ultima di questo articolo è una sorta di invito che l’autrice fa a se stessa ma, per estensione, anche a tutti i suoi lettori; un invito al percorso evolutivo.
“È mia responsabilità, in quanto essere spirituale, purificare il mio cuore, ammettere le mie imperfezioni, liberarmi dal risentimento e dall’insicurezza e chiedere che siano rimosse dal mio cuore le pietre del rancore quando non riesco a perdonare.
Questo desiderio mi aiuta a restare concentrata su Dio.
Il mio scopo, la mia vocazione, la mia responsabilità di essere umano è provare compassione per tutte le creature viventi. In questo modo, riesco a connettermi con gli altri e con le maglie del creato, con la sorgente del filo che ci guida e ci conduce a casa.”

Abbiamo così terminato con Labirinto – Il sentiero sacro di Lauren Artress.
A presto e buoni percorsi a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button

BAG

tarocchi

 Evolution Personality Test

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Parole di Potere

Il cammino del mago

Il mondo dall'altra parte

Copertina Parole di Forza

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Ultimi Commenti

Libri consigliati

Dhammapada
I quattro vangeli
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Prima di Io Sono
I segreti del viaggio interiore
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Chiedi e ti sarà dato
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite