================== EBOOK GRATUITO ==================

Inserisci la tua mail e ricevi l'ebook di crescita personale
"Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Parole di Potere

Il libro perduto del dio Enki - Zecharia Sitchin (storia)Titolo: Il libro perduto del dio Enki (The lost book of Enki).
Autore: Zecharia Sitchin.
Argomenti: storia.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 2001.
Voto: 8.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Avevo già letto quattro libri di Zecharia Sitchin, lo studioso azero autore delle Cronache terrestri scomparso qualche anno fa, e per la precisione i libri erano questi:
L’altra Genesi,
Il giorno degli dei,
Quando i giganti abitavano la Terra,
La Bibbia degli dei.

Tuttavia, ogni tanto me ne leggo un altro (e stavolta è toccato a Il libro perduto del dio Enki), un po’ perché Sitchin ne ha scritti tanti, un po’ perché mi piace avventurarmi nella storia umana del passato.

Primo punto: si tratta forse del campo di indagine più difficile tra tutti, o comunque uno dei più impervi, in cui è quasi scontato che non tutto quanto si ipotizzi sia corretto. Difatti, i tempi sono lontani e le fonti cui accedervi poche e spesso difficili da interpretare (tavolette sumere, geroglifici egizi, e così via).

Secondo punto: che la storia che ci hanno insegnato a scuola faccia acqua da tutte le parti è cosa oramai ovvia a qualunque mente libera, per cui occorre aggiornarla.

Zecharia Sitchin, con la traduzione delle tavolette sumere, puntava proprio a questo, e nel farlo ha proposto e ipotizzato molto… e qua torniamo al punto della “percentuale di correttezza”, punto su cui lascio la singola persona riflettere.
Di mio, dico che in generale i suoi libri mi piacciono, e che molte cose così tornano.

In particolare, invece, veniamo a Il libro perduto del dio Enki, testo assai diverso come struttura dagli altri libri di Sitchin.
Anzi, tecnicamente non andrebbe nemmeno annoverato tra i libri di Sitchin, in quanto sarebbe la traduzione di alcune tavolette sumere, nelle quali l’annunaki Enki avrebbe riportato la sua testimonianza su quanto avvenuto sulla Terra dopo che gli abitanti di Nibiru vi erano scesi alla ricerca dell’oro che serviva a riparare l’atmosfera del loro pianeta, fortemente danneggiata.

Solo traduzione, dunque, e non produzione: in questo caso l’autore del testo sarebbe Enki e Sitchin ne sarebbe il mero traduttore.
E, occorre dire, sarebbe forse la traduzione per eccellenza, ossia il testo storicamente più importante tra tutti.

Difatti, Il libro perduto del dio Enki, pur non lunghissimo, darebbe una risposta a un lungo elenco di argomenti controversi.
Vado ad elencare:
– la storicità di tanti racconti della Bibbia: dalla creazione all’Eden, da Adamo ed Eva a Caino e Abele, dal diluvio con l’arca di Noè alla Torre di Babele,
– la questione dell’atmosfera di Marte, i resti di volti scolpiti sulla sua superficie, strutture di forma piramidale, le foto della Nasa con tanti oggetti di forme inequivocabilmente non naturali,
– il perché dell’abbinamento Terra-Luna, con la Luna che ha sempre sorpreso gli studiosi in quanto satellite esageratamente grande rispetto al pianeta intorno al quale ruota,
– come si è creata la fascia degli asteroidi (altro argomento su cui ancora non vi è certezza),
– il motivo delle influenze sulle eclittiche dei pianeti più esterni del sistema solare, spiegato dal passaggio, pur raro, del pianeta Nibiru,
– la causa del celebre diluvio universale,
– il motivo per cui in varie zone del mondo sembrava proprio che dall’analisi del terreno si fossero avute esplosioni nucleari, pur non sapendo noi uomini contemporanei niente in merito,
– perché l’oro è sempre stato il metallo prezioso per eccellenza,
– l’anello mancante, e tuttora ancora introvato (e immagino introvabile), tra homo erectus e homo sapiens,
– perché i resti delle prime popolazioni umanoido-umani sono stati trovati in Africa,
– come mai nella religione ebraica si elimina il prepuzio ai bambini maschi,
– come mai la genia umana orientale ha scarsa peluria sul volto,
– quando, perché e come sono state costruire le Piramidi egizie,
– la nascita della figura sacerdotale come train d’union tra la massa umana e le “divinità”, nonché la nascita di regnanti anch’essi figure privilegiate,
– le figure dei semidei di cui si parla nella Bibbia e in altri antichi testi e culture,
– come sono nati i segni zodiacali e come è stato introdotto il conteggio decimale in luogo di quello sessagesimale,
– come mai le zone del mondo con le civiltà più antiche sono Mesopotamia, Egitto, zona indocinese e Sud America,
– la forte parentela tra civiltà sumero-accadica e civiltà meso e sudamericana,
– come mai nella Bibbia e altri testi si parlava di persone vissute per svariate centinaia di anni… e come mai, col passare del tempo, la durata media della vita di tali personaggi mitici diminuiva.
– perché, in testi sumeri prima e nella Bibbia dopo, gli dei (maschi) hanno preso per mogli esseri umani (femmine),
– chi erano in realtà alcune famose divinità egizie: Ptah, Ra, Iside, Osiride, Horus, etc.
– ed altro ancora, come ad esempio lo sviluppo di figure storico-religioso-mitologiche come Ra in Egitto o come Ishtar in Mesopotamia.

Tutto questo in tavolette di circa sei millenni fa… o quel che è, anno più, anno meno, che parlano di tempi molto più antichi, e si parla dunque di centinaia di migliaia di anni fa.

Converrete che non è poco affatto, e che anzi si tratta di qualcosa di colossale.
Anche se, meglio esser chiari, per leggere con scioltezza questo libro sarebbe meglio aver letto qualche precedente libro di Sitchin, giacché qua si usano con disinvoltura i nomi annunaki o i nomi sumeri di luoghi, personaggi, pianeti, etc, per cui se già non li sapete per conto vostro, rischiate di dover trascorrere la metà del tempo nel glossario incluso a fine testo (che comunque c’è, è ricco e serve all’abbisogna).

Insomma, personalmente ho gradito molto Il libro perduto del dio Enki, che è facile che, col tempo, assurga a testo più importante di Zecharia Sitchin
… ammesso che davvero nelle tavolette sumere vi sia scritto quanto Sitchin ha riportato.
Non conoscendo il sumero, e non potendolo verificare di persona, non posso esserne certo; ma con tale traduzione le cose tornano più che con la storia raccontataci a scuola e si adattano meglio alle evidenze a noi disponibili, per cui ciò sarebbe già un punto di partenza migliore.

Fosco Del Nero

Share Button

Tarocchi manga - Riccardo Minetti, Anna Lazzarini (carte)Titolo: Tarocchi manga.
Autore: Riccardo Minetti, Anna Lazzarini.
Argomenti: tarocchi, carte, divinazione.
Editore: Lo Scarabeo.
Anno: 2006.
Voto: 5.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Altro mazzo di tarocchi visto e dunque recensito, e ancora una volta siamo davanti a un mazzo non tradizionale, bensì sperimentale… e pure troppo, come vedremo tra breve: parlo dei
Tarocchi manga, realizzati da Riccardo Minetti e Anna Lazzarini, rispettivamente ideatore e disegnatrice.

Intanto, iniziamo dicendo che fin da ragazzino sono appassionato di manga, il che dal punto di vista del mazzo è stato un vantaggio, giacché apprezzo questo tipo di immagini (anche se più che Tarocchi manga avrebbero dovuto forse chiamarsi “Tarocchi giapponesi”, visto che di stile manga non c’è quasi niente), ma da un altro punto di vista è stato uno svantaggio, dal momento che mi attendevo un bel prodotto.

Veniamo a noi: la suddivisione delle carte è quella tradizionale, con 22 lame maggiori e 56 lame minori, a loro volta suddivisa nei quattro semi di spade, bastoni, denari e coppe. Già qui s’inserisce una prima particolarità: ad ogni seme è assegnato un colore, che diviene nettamente dominante in tutte e 14 le carte di quel seme-elemento. Cosa visivamente un po’ pesante, a dire il vero.
L’innovazione più grande, però, e a dir poco inqualificabile nella sua insensatezza, è stata quella di invertire i generi dei protagonisti delle carte: nel Matto c’è una donna, nel Mago una donna, poi vengono sacerdote e imperatore, poi imperatrice e sacerdotessa. E ancora, nel Carro abbiamo una donna, nella Giustizia un uomo, nell’Eremita una donna, e così via. Ciò in barba al fatto che generi e numeri hanno un motivo preciso, e non si possono mettere come si vogliono… pena l’ammettere che non si capisce molto di tarocchi.

Ma forse l’intento è stato quello di costruire un mazzo molto facile, di ingresso per i nuovi addetti, e in tal senso si inquadrerebbe anche il libriccino di accompagnamento ugualmente molto basic (come è usanza nei suddetti libriccini, peraltro). Certo che introdurre i nuovi appassionati a degli arcani maggiori completamente ribaltati è cosa senza senso, per cui torniamo al punto di prima.

Quanto agli arcani minori, come da tradizione per i mazzi recenti prendono spunto dalle lame dei Tarocchi di Rider-Waite, e devo dire che sono visivamente spesso assai belle.
Ma anche tra gli arcani maggiori vi sono figure davvero belle, come il Matto, la Giustizia, la Forza, l’Appeso, le Stelle.

Peccato per quell’eccesso di innovazione, che rende questi Tarocchi manga letteralmente dei non-tarocchi, ma qualcosa di simile e di un po’ troppo fantasioso.

Fosco Del Nero

Share Button

Il segreto della guarigione quantica - Frank Kinslow (benessere)Titolo: Il segreto della guarigione quantica (The secret of istant healing).
Autore: Frank Kinslow.
Argomenti: salute, guarigione, benessere, esistenza.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 2008.
Voto: 7.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon

 

Per esperienza, quando un libro promette miracoli, mari e monti, nonché tecniche strabilianti per ottenere questo e quello, so già in partenza che si tratta di molto fumo, e sovente fumo new age, per così dire.

Quando poi il testo in questione promette mari, monti, guarigioni miracolose, e ci mette in mezzo la fisica quantistica, e magari parla di “guarigione quantica”, il sospetto aumenta ancora, dal momento che chi si mette a scrivere libri su argomenti che vanno di moda (al momento, direi, la fisica quantistica e l’alchimia) lo fa per cavalcare un’onda, mentre se fosse stata motivazione e ispirazione vera, ne avrebbe già scritto in passato.

D’accordo, il titolo originale del libro non è “Il segreto della guarigione quantica”, e in questo caso a cavalcare l’onda non è lo scrittore ma l’editore, però il titolo era comunque “The secret of istant healing”, ossia “Il segreto della guarigione istantanea”… non siamo da meno come spettacolarizzazione, dunque.

Peraltro, il libro in questione, scritto nel 2008 da Frank Kinslow, è spesso appena 120 pagine, che il lettore ad un primo sguardo potrebbe ritenere pochine per descrivere tale segreto istantaneo-quantico…

… eppure, Il segreto della guarigione quantica ha un suo perché, e anzi si respira in esso un certo livello di consapevolezza.

E difatti, stringi stringi, non fa altro che suggerire di praticare le sedute di guarigione in stato di presenza.
Tutto qui, il segreto è questo… ed è il segreto del corso dei millenni, di maestri e insegnanti spirituali.

Al fine di ottenere ciò, Frank Kinslow offre una procedura assai semplice, davvero semplice, utile ad agevolare tale stato di presenza, al di là poi dei soliti nomi da copyright che utilizza (eusentimento, consapevolezza pura, quantum entrainment, etc). Per il resto del libro, si fa notare come la consapevolezza sia il fattore centrale della vita, del benessere e dell’evoluzione umana, cosa naturalmente sacrosanta.

Forse l’unico neo del testo è che tra i primi esercizi propone quello su come allungare un dito della mano… esercizio che dubito sia riuscito ad alcuno e che rischia seriamente di invalidare l’opera agli occhi del lettore più mentale e scientifico, che magari ancora non sa che non c’è bisogno di tali prove e che ancora non sa che la consapevolezza è il fattore decisivo. Di più, l’unico fattore rilevante.

A parte tale neo, la valutazione de Il segreto della guarigione quantica di Frank Kinslow è positiva, e persino al di là della tecnica, perché è un testo con una certa energia, che promuove la medesima energia nel mondo, e inoltre non manca di frasi e spunti di valore.

Fosco Del Nero

Share Button

BAG

tarocchi

 Evolution Personality Test

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Parole di Potere

Il cammino del mago

Il mondo dall'altra parte

Copertina Parole di Forza

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Ultimi Commenti

Libri consigliati

Dhammapada
I quattro vangeli
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Prima di Io Sono
I segreti del viaggio interiore
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
La via del risveglio planetario
Dio in te - The white book
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Chiedi e ti sarà dato
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite