================== EBOOK GRATUITO ==================

Inserisci la tua mail e ricevi l'ebook di crescita personale
"Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Parole di Potere

Incontri con uomini straordinari - Georges Ivanovitch Gurdjieff (approfondimento)Titolo: Incontri con uomini straordinari (Rencontres avec des hommes remarquable).
Autore: Georges Ivanovitch Gurdjieff.
Argomenti: esistenza, autobiografia, storia.
Editore: Adelphi.
Anno: 1930 ca.
Voto: 7.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Bentrovati all’articolo di approfondimento di Incontri con uomini straordinari, libro di Georges Ivanovitch Gurdjieff.

Come al solito, ne leggiamo alcuni brani, utili sia ad avere informazioni immediatamente valide, sia ad inquadrare meglio il testo e a capire se fa al caso nostro. Cioè, vostro, io l’ho già letto.

Partiamo da un’affermazione a dir poco profetica di Gurdjieff, che evidentemente sapeva cosa stava osservando: parliamo dei mezzi di comunicazione di massa… e non oso immaginare cosa avrebbe detto della televisione.
“Le esigenze della civiltà contemporanea hanno generato un’altra forma molto specifica di letteratura, che viene chiamata “giornalismo”.
Non posso passare sotto silenzio questa nuova forma letteraria, perché, a parte il fatto che non porta assolutamente nulla di buono per lo sviluppo dell’intelligenza, essa è diventata, a mio avviso, il male dei nostri tempi, nel senso che esercita un’influenza funesta sui rapporti umani.
Questo genere di letteratura si è molto diffuso negli ultimi tempi perché – ne sono fermamente convinto – esso corrisponde meglio di ogni altro alle debolezze e alle esigenze determinate negli uomini dalla loro crescente mancanza di volontà. finisce così per atrofizzare la loro ultima possibilità di acquisire i dati che permettevano loro, finora, di prendere più o meno coscienza della loro reale individualità, unico mezzo per raggiungere il ricordo di sé, fattore assolutamente indispensabile per il processo di perfezionamento del sé.
Per sfortuna di noi tutti questo genere di letteratura, che invade ogni anno di più la vita quotidiana degli uomini, fa subire alla loro intelligenza, già molto indebolita, un indebolimento ulteriore, consegnandola inerme a ogni genere di inganni e di errori; essa li mette fuori strada a ogni passo, li distoglie da qualsiasi modo di pensare più o meno fondato.“

Il concetto è lo stesso, ma propongo anche questo brano giacché è breve.
“Per me non v’è alcun dubbio: fra tutte le cause delle anomalie esistenti nella civiltà contemporanea, la più evidente, quella che occupa il posto predominante, è la letteratura giornalistica, per l’azione demoralizzante e perniciosa che esercita sullo psichismo degli uomini.”

Passiamo ora a un brano sul legame tra anima e corpo.
“La mia famiglia, in un primo tempo, mi aveva destinato al sacerdozio, ma padre Bors aveva una concezione tutta sua di ciò che doveva essere un vero prete.
Secondo questa concezione, il prete doveva non soltanto occuparsi delle anime del suo gregge, ma anche conoscere tutte le malattie del loro corpo e saperle curare.
Secondo lui, gli obblighi del prete andavano di pari passo con quelli del medico. Un medico che non può penetrare l’anima del paziente, diceva, è incapace di essergli realmente di aiuto; non si può parimenti essere un buon prete senza essere nello stesso tempo medico, perché il corpo e l’anima sono legati l’uno all’altra.”

Ci trasferiamo ora verso un altro argomento: parliamo di morale, uno dei concetti su cui il maestro armeno batteva più spesso, giacché esso faceva rima con consapevolezza.
“Nel mondo esistono due morali: l’una oggettiva, stabilita dalla vita da migliaia di anni, e l’altra soggettiva, propria tanto di singoli individui quanto di intere nazioni, imperi, famiglie, categorie sociali, ecc.
Sono le convenzioni di cui siamo imbottiti che costituiscono la morale soggettiva. Ma una vita vera esige la morale oggettiva, che può venire soltanto dalla coscienza.
La coscienza è la stessa dovunque: qui come a Pietroburgo, come in America, nella Kamchatka o nelle Isole Salomone.”

E, a proposito di consapevolezza, ma anche di coscienza, compassione e fiducia, leggiamo un passo sulla fede… qualità che, come tutte quante, l’uomo deve maturare da sola, e che è il risultato del lavoro interiore e quindi del proprio progresso evolutivo: nessuno può trasferire niente a nessun’altro. E d’altronde lo stesso Gesù diceva a chiare lettere che era merito della fede altrui, e non dei suoi “poteri”.
“Non si dà la fede agli uomini.
La fede che nasce nell’uomo e vi si sviluppa attivamente non è il risultato di una conoscenza automatica, fondata sulla constatazione dell’altezza, della larghezza, dello spessore, della forma o del peso di un oggetto determinato, né tanto meno di una percezione mediante la vista, l’udito, l’odorato o il gusto: essa è il risultato della comprensione.
La comprensione è l’essenza di ciò che si ottiene partendo da informazioni intenzionalmente acquisite e da esperienza personalmente vissute.
Per esempio, se il mio fratello più caro venisse in questo momento da me e mi supplicasse di dargli non fosse che la decima parte della mia comprensione e io, con tutto il mio essere, volessi farlo, non potrei neppure comunicargli la millesima parte di questa comprensione, per quanto ardente sia il mio desiderio di farlo, perché egli non ha in sé la conoscenza che io ho acquisito né le esperienze attraverso le quali mi è stato dato di passare nel corso della mia vita.
È infinitamente più facile far passare un cammello dalla cruna di un ago, come è detto nelle Sacre Scritture, che trasmettere a un altro la comprensione che si è formata in noi.”

Altro concetto forte di Gurdjieff: la differenza tra conoscenza concettuale e comprensione interiore.
“Il sapere e la comprensione sono due cose completamente differenti.
Soltanto la comprensione può portare all’essere.
Il sapere di per se stesso non ha che una presenza passeggera: un nuovo sapere caccia via il precedente, e, in fin dei conti, non è altro ch del nulla versato nel vuoto.”

Si torna dunque sempre al solito punto: il lavoro su di sé. Passa tutto da qui, compreso il sottoporsi ad energie elevate.
“Prima di poter entrare realmente nella sfera di influenza e di azione delle forze superiori, è assolutamente indispensabile avere un’anima, e quest’anima si può acquisire soltanto per mezzo di esperienze volontarie e involontarie, come pure per mezzo della conoscenza intenzionalmente acquisita di alcuni avvenimenti accaduti nel passato.
Ciò è possibile soltanto in gioventù, finché i dati appropriati dispensati dalla Grande Natura non sono ancora stati sperperati per degli scopi fantastici, che sembrano desiderabili soltanto grazie alle condizioni anormali della vita degli uomini.”

Si può comunque star tranquilli su un punto: il lavoro produce sempre frutto, e non va mai perduto. Se si semina si raccoglie, sempre e comunque, anche se il come e il quando sono imprevedibili.
“Nel mondo un lavoro cosciente non va mai perduto.
Prima o poi, qualcuno deve pagare per esso.”

Chiudiamo con le frasi forse più intense dell’intero Incontri con uomini straordinari.
Nella prima, viene effettuato un elogio, l’ennesimo, della consapevolezza interiore, rispetto alla quale tutto passa sullo sfondo, essendo anzi irrilevante.
“Se IO è presente in me, non contano più né Dio né il diavolo.”

Nella seconda, viene enunciato il principio unitario, per cui si partecipa tutti alla medesima cosa, il Sé.
“Io sono te, tu sei me.
Egli è nostro, tutti e due siamo suoi.
Che tutto sia per il nostro prossimo.”

Con Incontri con uomini straordinari di Georges Ivanovitch Gurdjieff abbiamo terminato.
Alla prossima occasione e buone cose.

Fosco Del Nero

Share Button

Il Buddha entra in un bar - Lodro Rinzler (crescita personale)Titolo: Il Buddha entra in un bar (The Buddha walks into a bar).
Autore: Lodro Rinzler.
Argomenti: crescita personale, spiritualità, buddhismo.
Editore: Astrolabio-Ubaldini Editore.
Anno: 2012.
Voto: 4.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Non ci siamo, non ci siamo per nulla.
Il Buddha entra in un bar, con il suo titolo simpatico e accattivante, voleva senza dubbio essere una sorta di manuale su come applicare gli insegnamenti del buddhismo nei tempi contemporanei, e infatti il suo sottotitolo è “Manuale di vita per una nuova generazione”, ma si rivela in realtà un testo assai superficiale, di scarsa consapevolezza, e per certi versi anche diseducativo, nella misura in cui cerca di abbassare gli standard elevati che dovremmo raggiungere (anziché spronare e indicare la via per raggiungere gli standard elevati di consapevolezza che ci sono richiesti).
Più che il Buddha che entra in un bar, sembra quasi che il bar entri nel Buddha, e infatti tra le altre cose che l’autore caldeggia, o comunque tratta “simpaticamente”, vi sono alcol, sigarette, cadaveri animali, etc.
Davvero poco buddhista nei principi, ma soprattutto poco consapevole nell’essenza.

La cosa peraltro mi ha abbastanza sorpreso, non perché conoscessi Lodro Rinzler, l’autore, ma perché, conoscendo la serietà e la qualità media dei testi dell’editore, Astrolabio-Ubaldini, ed essendo abituato ai vari Gurdjieff, Ouspensky, Mooji, Sri Yuketeswar, Krishnamurti, tutti autori che ho letto tra le pagine del suddetto editore, mi ha sorpreso questa vera e propria caduta di tono.
Ok, non possono essere tutti Krishnamurti, ma immaginavo che vi fosse un filtro maggiore.

Ma scriviamo comunque due parole su Il Buddha entra in un bar: si tratta di un libro di circa 250 pagine del solito formato di Astrolabio, ma questa volta dai caratteri metto fitti del solito, tanto che il libro si legge abbastanza velocemente, essendo anche scorrevole nello stile, piuttosto leggero e affatto impegnativo.

L’autore si pone sulle orme di Chogyam Trungpa e della tradizione shambhala, cita anche altri autori, e suddivide il suo testo in quattro parti, ognuna corrispondente a una delle qualità della tradizione in questione, ciascuna rappresentata da un animale: abbiamo così la tigre, il leone delle nevi, il garuda (che, per chi non lo sapesse, è una sorta di grande uccello semi-mostruoso) e il drago.
Lodro Rinzler non effettua mai tale rapporto, ma i quattro animali corrispondono perfettamente ai quattro elementi della natura, terra, acqua, aria e fuoco rispettivamente, e probabilmente non è un caso.

Per ciascun animale, ossia per ciascuna qualità di fondo, l’autore propone spiegazioni ma soprattutto esempi pratici di come si può portare la suddetta qualità nella vita di oggigiorno.

Detto così il testo sembrerebbe anche interessante, e per quello lo avevo letto… ma, come detto, Il Buddha entra in un bar si è rivelato un libro di livello medio-basso, utile certamente ad alcune persone, e con vari spunti validi, ma senza dubbio meno utile, se non proprio inutile, ad altre.
Come sempre, peraltro.

Fosco Del Nero

Share Button

Incontri con uomini straordinari - Georges Ivanovitch Gurdjieff (esistenza)Titolo: Incontri con uomini straordinari (Rencontres avec des hommes remarquable).
Autore: Georges Ivanovitch Gurdjieff.
Argomenti: esistenza, autobiografia, storia.
Editore: Adelphi.
Anno: 1930 ca.
Voto: 7.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Anni fa avevo visto il film tratto dal libro di Georges Ivanovitch Gurdjieff Incontri con uomini straordinari e portante il medesimo nome: mi era piaciuto, ma mi ero ripromesso di leggere, in un imprecisato futuro, il testo d’origine.

Anni dopo, ho fatto di più, decidendo di leggermi direttamente i tre libri che Gurdjieff aveva destinato al suo insegnamento presso il largo pubblico, ossia quello che non avrebbe potuto raggiungere con l’insegnamento diretto.
La prima lettura, leggera, è stata I racconti di Belzebù a suo nipote, mentre la seconda è proprio Incontri con uomini straordinari, in attesa poi del terzo libro, La vita è reale solo quando io sono.

Obiettivi dei tre libri: il primo doveva smontare l’educazione e le convinzioni distorte dell’umanità comune, il secondo preparare il terreno e il terzo insegnare in senso stretto.
L’obiettivo di Incontri con uomini straordinari era dunque quello di preparare il terreno per la semina, e tale preparazione è fatta tramite svariati racconti, nove per la precisione (e quanti potevano essere, altrimenti), dedicati a nove personaggi importanti della vita di Gurdjieff, dal padre fino a commercianti e principi.
Anche se, in realtà, il protagonista centrale è Gurdjieff stesso, e il libro assume quasi il valore di un’autobiografia, anche se c’è il fortissimo dubbio che essa non sia del tutto veritiera e che nomi di persone e luoghi sino stati cambiati, e magari certi avvenimenti modificati o romanzati.
Tuttavia, se solo la metà di quanto scritto fosse successo, ma anche solo un terzo o un quarto, ciò basterebbe a tratteggiare la figura di uno e più uomini straordinari, che terrebbero così fede al titolo del testo.

A proposito di straordinarietà, a fine volume c‘è un testo, intitolato Il problema economico, non scritto direttamente da Gurdjieff ma trascritto in base a un suo discorso in pubblico, contenente gli sforzi sociali ed economici portati avanti dall’armeno (un armeno che però era anche russo, greco, turco, asiatico in generale… e che poi ha finito per vivere in Francia e insegnare ad europei ed americani) per portare avanti la sua missione e metter su il suo “Istituto per lo sviluppo armonico dell’essere umano”.
Tale racconto dà bene l’idea di come l’universo si muova seguendo gli ideali e le missioni delle persone, giacché quanto viene raccontato rende per confronto un’inezia qualunque difficoltà di qualunque essere umano contemporaneo.

Dico la verità: ho letto Incontri con uomini straordinari più come un testo di intrattenimento che non un testo di genere esistenzial-evolutivo, e in tal senso l’ho discretamente gradito, pur senza trovarlo indispensabile ai miei fini (ma ognuno veda i suoi).
Ogni tanto si trova qualche spunto… ma quel che emerge è soprattutto quell’intento preparatorio e interlocutorio che Gurdjieff ha messo nel suo secondo libro, e alla fine forse l’unico insegnamento del libro è relativo alla forza-volontà-determinazione dei ricercatori del vero citati da Gurdjieff, e di Gurdjieff stesso.
Comunque, questo secondo libro si legge assai più velocemente del primo, deo gratias.

Ed ora è il turno de La vita è reale solo quando io sono, libro che già nel titolo pare mostrare il cambio di passo di cui abbiamo detto riguardo alla progressione dei testi gurdjieffiani.

Fosco Del Nero

Share Button

BAG

tarocchi

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Parole di Potere

Il cammino del mago

Il mondo dall'altra parte

Copertina Parole di Forza

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Ultimi Commenti

Libri consigliati

Dhammapada
I quattro vangeli
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Prima di Io Sono
I segreti del viaggio interiore
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Chiedi e ti sarà dato
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite