================== EBOOK GRATUITO ==================

Inserisci la tua mail e ricevi l'ebook di crescita personale
"Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Parole di Potere

Il segreto della vita quantica - Frank Kinslow (benessere personale)Titolo: Il segreto della vita quantica (The secret of quantum living).
Autore: Frank Kinslow.
Argomenti: benessere, salute, spiritualità.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 2010.
Voto: 6.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Il segreto della vita quantica è il secondo libro di Frank Kinslow che leggo dopo Il segreto della guarigione quantica, che recensito di recente.

Li ho avuto entrambi in regalo, e a dire il vero non mi attendevo nulla di che da nessuno dei due, dal momento che, per mia esperienza, quando vi sono titoli e sottotitoli e promesse roboanti (vita quantica, potente tecnica per cambiare se stessi o la propria vita, etc), vi è poca sostanza e molto marketing.

Tuttavia, Il segreto della guarigione quantica mi aveva sorpreso in positivo, giacché, pur presentando una tecnica mirabolante, puntava alla semplicità e poneva essenzialmente l’accento sulla consapevolezza e sullo stato di presenza, ancor prima che sulla tecnica o sui suoi effetti.

In tal senso, si vedeva la vicinanza del suo autore con personaggi come Maharishi Mahesh Yogi, Eckhart Tolle, l’advaita vedanta in generale: si punta sì alla guarigione e al benessere, ma con distacco, in pace e senza attaccamenti, fattore senza dubbio positivo e più elevato rispetto alle varie discipline che invece vogliono insegnare come ottenere questo o quello.

Il segreto della guarigione quantica, però, fa un passo indietro, devo dire, e in un duplice senso.
Primo senso: non dico che è un copia e incolla di Il segreto della guarigione quantica, ma non ci siamo troppo lontani, nel senso che se si è comprato il primo si può benissimo fare a meno del secondo libro.
Secondo senso: più che nell’altro testo, più breve e più focalizzato sulla tecnica di guarigione e meno sulla vita latu sensu, in questo libro emergono alcune carenze dell’autore riguardo alle leggi dell’esistenza e ai principi da sempre promulgati dai grandi maestri.
In taluni casi, a dire il vero, si va proprio contro corrente.

Ma va detto che nella maggioranza delle volte quanto espresso da Frank Kinslow è condivisibile e anzi un paio di spanne sopra la gran parte dei libri di crescita personale.

Nota di demerito, però, poiché insiste con l’esercizio – dando peraltro per assodato che funzioni – in cui si allungherebbe un dito dopo un minuto di concentrazione. Vabbè.

In conclusione, Il segreto della vita quantica di Frank Kinslow è un libro di sufficiente valore, sorta di espansione, o di allungamento se preferite, del suo precedente libro… che alla fine della fiera è forse quello dei due che val la pena leggere.

Fosco Del Nero

Share Button

Compilation cartoni animati

27 Set 2018 In: Musica, Video

Musica, maestro - Canale youtube

 

 

 

 

 

 

I cartoni animati di un paio di decenni fa avevano spesso delle canzoni di grande livello, soprattutto quando a cantare erano I Cavalieri del Re. Il nome di chi ha composto quelle canzoni tuttavia non è così importante: è importante che esse siano rimaste a memoria storica di quella bellezza, e che ancora oggi possiamo ispirare con la loro bellezza, allegria, amore e forza chi le ascolta.

Peraltro, alcuni testi delle canzoni rivelano inaspettate simbologie, come ad esempio Lo specchio magicoDevilman, Gemelli nel segno del destino, o si rivelano “semplicemente” educative e sagge, come le sigle di Flo, la piccola Robinson, Cuore, Anna dai capelli rossiLovely Sara; altre mostrano una dolcezza quasi commovente, come Hello, Spank, Dolce Remì, Georgie, Kimba, il leone bianco, Nanà supergirl, mentre altre ancora son dei piccoli gioiellini dal punto di vista musicale, come Calendar man, Bia, la sfida della magia, Ransie la strega, Daitarn 3, L’Uomo Tigre, Lupin, La ballata di Fiorellino, Lady Oscar; vi sono infine quelle simpatiche e divertenti come Carletto – Che paura mi fa, Coccinella, Gigi la TrottolaIl mago Pancione o Lamù.

Per la cronaca, da bambino (e non solo da bambino) ho visto quasi tutti i cartoni in elenco, di alcuni ho letto anche i fumetti da cui son stati tratti, e per certi avevo una vera e propria venerazione: Ken il guerrieroConan, il ragazzo del futuroÈ quasi magia, Johhny, Pollon, Prendi il mondo e vaiRanmaYattaman.

Per questo motivo, nonché per il fatto che essi rappresentano una sorta di periodo d’innocenza, propongo tali sigle in questa compilation. Come detto, ve ne sono alcune più belle e alcune più significative come testi, ma lascio l’elenco in ordine alfabetico per comodità, e che ognuno si trovi la sua bellezza.

Qua invece trovate l’elenco delle compilation finora realizzate: Musica, maestro!

Share Button

Istruzioni per maghi erranti - Andrea Panatta (evoluzione personale)Titolo: Istruzioni per maghi erranti.
Autore: Andrea Panatta.
Argomenti: crescita personale.
Editore: Spazio Interiore.
Anno: 2015.
Voto: 6.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Bentrovati.
L’approfondimento di quest’oggi è relativo al libro Istruzioni per maghi erranti, di Andrea Panatta.

La prima citazione concerne il principio speculare, e avvisa il viandante che fuori vedrà solo e semplicemente un riflesso di ciò che egli ha dentro.
“Il mago errante deve avere subito chiaro che il 99% di quello che percepisce è percepito attraverso la personalità ed è quindi il prodotto di sue proiezioni più o meno consapevoli.
Questo fa sì che il mago errante si troverà sempre a incontrare ciò che si aspetta, ciò che ama e brama di più, ciò su cui fantastica, ma anche e contemporaneamente ciò che sub consciamente teme e odia.
Sperimenterà sempre, quindi, i risultati dei suoi attaccamenti e delle sue avversioni. Tenderà a vedere nel mondo tutti i fantasmi conservati al proprio interno fintanto che non opererà un atto di cesura nei confronti delle proiezioni che creano tali fantasmi nel reale. Incontrerà contraddizioni nel mondo fintanto che conserverà dualismi e contraddizioni all’interno di sé. Incontrerà nemici e disastri fintanto che al suo interno avrà parti di sé che gli sono nemiche e contro le quali continuerà a combattere.
La proiezione è lo strumento che l’essere usa allo scopo di farci vedere ciò che, altrimenti, resterebbe invisibile, nascosto nelle profondità della mente subconscia.”

Secondo brano proposto: stavolta ci accostiamo al principio dell’accettazione… e come sempre di mezzo c’è la responsabilità personale.
“Nel resistere a ciò che esiste in questo momento della nostra esperienza di vita, enfatizziamo la nostra supposta mancanza di responsabilità rispetto a ciò che accade, come se dicessimo: “Questo non mi riguarda!”, o “Questo non è me!”, o ancora “Non sono stato io!”.
Ma quello che viviamo nelle nostre realtà, per quanto possa sembrarci terribile, inadeguato, crudele e sbagliato, ci riguarda sempre.”

Andiamo avanti con la terza citazione tratta da Istruzioni per maghi erranti.
Qua parliamo di intuizione e sensazione.
“Un mago non dovrebbe mai andare a cercare segnali nel mondo o credere di vederne in ogni dove.
Sebbene la realtà sottile pulluli di scintille di informazione e ogni cosa esistente possa essere considerata un essere vivente portatore di messaggi, l’atteggiamento del mago errante dovrebbe essere ricettivo, di attesa, piuttosto che di ricerca fervente.
Il mago errante infatti attende che i segnali giungano a lui dal mondo “esterno” e arrivino alla sua attenzione in maniera spontanea, e per far questo si preoccupa di dare il massimo valore possibile e la massima attenzione a ciò che sta vivendo, qualunque sia la situazione in cui si trova.”

Siamo ancora in tema di momento presente e di accettazione; stavolta lo abbiniamo alle prove e ai bivi lungo il percorso.
“Amando ciò che c’è, per quanto orribile possa sembrargli, ed essendo pace con tutto ciò che incontra nel vicolo cieco, il mago errante può iniziare a sciogliere proprio quegli aspetti della sua personalità che lo hanno incastrato in una apparente strada senza uscita.
Amando i propri nemici interiori ed esteriori e smettendo di resistere a ciò che c’è, può fare in modo che l’essere integri le esperienze che sta vivendo e si espanda, apprendendo la lezione e passando oltre.
In ogni vicolo cieco si nasconde in genere un importante esame per il mago errante, esame che esiste al solo scopo di aiutarlo a tirare fuori da sé il suo vero potere attraverso la pulizia della personalità.”

Ecco un altro concetto ben noto nella letteratura di genere: bisogni, attaccamento e indipendenza.
“Tutto ciò che non si può lasciar andare diventa attaccamento.
Tutti i bisogni sono attaccamenti.
Ogni volta che una persona afferma di non poter vivere senza qualcosa o qualcuno, sta sminuendo se stessa, privandosi del proprio potere e, cedendone una parte a quel qualcuno o qualcosa, sta producendo una dipendenza.
Ogni dipendenza è un modo per elemosinare energia dall’esterno poiché si crede, erroneamente, di non poter generare energia da soli.”

Torniamo ora al principio specchio, e uniamolo all’accettazione: siamo in grado di accettare quel che vediamo fuori solo quando abbiamo accettato quel che vediamo dentro.
“Imparando a stare da solo e ad amare le proprie zone d’ombra, il mago errante diverrà gradualmente capace di amarle anche negli altri e di trovarsi quindi a suo agio con chiunque gli si pari davanti, consapevole di essere sempre al posto giusto e al momento giusto.”

Ed ecco l’ultima citazione tratta dal libriccino in questione. Essa è dedicata alla centratura.
“Il senso della grandezza non è nella realizzazione di qualcosa di grande, ma nell’ampiezza della propria centratura, della capacità di essere in pace con tutto quello che esiste.
La grandezza del mago errante si esprime nella capacità di creare rimanendo distaccato da tutto ciò che egli stesso ha creato, poiché nessuna grandezza può prodursi senza una vera centratura.”

Abbiamo così terminato col libriccino Istruzioni per maghi erranti di Andrea Panatta.
Saluti e buone cose a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button

BAG

tarocchi

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Parole di Potere

Il cammino del mago

Il mondo dall'altra parte

Copertina Parole di Forza

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Ultimi Commenti

Libri consigliati

Dhammapada
I quattro vangeli
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Prima di Io Sono
I segreti del viaggio interiore
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Chiedi e ti sarà dato
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite