============= ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER =============

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter gratuita
Riceverai l'esclusivo ebook "Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Il bambino zoppettino

Transfert - 4 passi fuori dall’inferno - Marco Bianchi (narrativa)Titolo: Transfert – 4 passi fuori dall’inferno.
Autore: Marco Bianchi.
Argomenti: narrativa, crescita personale, esistenza.
Editore: Uno Editori.
Anno: 2017.
Voto: 4.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Il libro Transfert – 4 passi fuori dall’inferno, scritto da Marco Bianchi e pubblicato nel 2017 da Uno Editori, si presenta molto bene: bella copertina, risvolto interno di copertina e quarta di copertina, bel formato, molto curato nell’impaginazione interna, con tanto di disegni e frasi in rilievo. Editorialmente il prodotto è davvero bello.

Ancora, il testo ha dei contenuti validi come concetti, presi da svariate tradizioni, e ha un’ambientazione ben ricostruita e una trama ricca. Il prezzo inoltre è contenuto per un librone di 470 pagine.

Come mai allora nella recensione è valutato così severamente?
È presto detto: Transfert – 4 passi fuori dall’inferno ha più pro che contro, e i suoi difetti sono assai rilevanti.

Partiamo dalla forma: la punteggiatura è disastrosa, colpa condivisa tra autore ed editore.
Continuiamo poi con quello che è uno dei difetti più evidenti negli scrittori esordienti o comunque non “navigati”: un’eccessiva enfasi, fatta di tanti punti esclamatici, tanti puntini sospensivi, parole non ben misurate nei dialoghi. I dialoghi stessi sono una vera e propria spina nel fianco, e rivelano un altro difetto tipico dello scrittore non esperto: son troppo didascalici, se non proprio artefatti; sanno di finto, di quella finzione con cui si intende fornire informazioni al lettore tuttavia senza saperle calare in modo naturale nella storia. Gli eventi che fanno parte della storia hanno il medesimo difetto: sanno di artificioso, di qualcosa costruito a tavolino senza tuttavia avere lo spessore del credibile, e proprio come i dialoghi tendono all’enfasi e alla spettacolarizzazione. Anche i personaggi non son ben costruiti: molto stereotipati, si comportano come macchiette prestampate.
Di tutto ciò mi sono accorto fin dalle prime pagine di Transfert e, trattandosi di un librone di poco meno di 500 pagine, ho avuto la tentazione, fin da subito e a più riprese in seguito, di interromperne la lettura, che ho completato da un lato per poter recensire il libro e dall’altro come esercizio di volontà.

Questo quanto alla forma, cosa doverosa da dire in quanto l’autore non ha scritto un testo di saggistica, ma un romanzo, il quale deve essere ben scritto, ben costruito e deve scorrere liscio in ogni sua componente. Se non si sa fare ciò, meglio dedicarsi alla saggistica.

Veniamo ora all’aspetto contenutistico; anche qui non mancano i difetti gravi.
In avvio ho scritto che il testo ha contenuti validi: è così, e a livello di concetti di valido c’è molto, tuttavia l’autore commette diversi errori. In alcuni casi vi è imprecisione concettuale, se non quando vere e proprie invenzioni; mentre in altri casi, numerosi, vengono utilizzate storie di altri autori e tradizioni, messe nel romanzo come fossero proprie, senza che nel testo, fosse anche in una postilla, venisse riferita tale “presa in prestito da qui o da là”. Ciò è stato fatto non solo per aneddoti e metafore, che difatti in buona parte già conoscevo, ma anche per le singole frasi: molte sono prese pari pari da altri autori, o solo leggermente modificate, senza che sia stata riconosciuta la paternità altrui. Faccio anche dei nomi: Gurdjieff, Castaneda, Icke, Brizzi, e certamente altri ancora. Questo peraltro, per la cronaca, è un brutto vizio che ho riscontrato anche di testi di autori ben più noti di Marco Bianchi.

Un commento ulteriore sugli argomenti: si spazia dallo sciamanesimo al cospirazionismo sugli alieni, dal lavoro interiore alla pnl. Troppo e troppo confuso.

Ultima cosa: se i contenuti ci sono, nel testo mancano forza ed energia; si tratta essenzialmente di un testo compilativo (peraltro basato sul lavoro altrui, come detto) e non di un testo “essenziale”, se cogliete la differenza.

Per certi versi, tutto ciò è un peccato, e lo dico da sostenitore della narrativa spirituale: al libro, che evidentemente ha richiesto una notevole mole di lavoro all’autore, sarebbe bastato un editing migliore (ammesso che ne sia stato fatto uno, giacché la punteggiatura pessima fa sorgere il dubbio) e l’onestà intellettuale nel riconoscere le numerose citazioni altrui presenti (magari in una pagina a inizio o a fine testo), per poter essere qualcosa di nettamente migliore (qua siamo sulla correttezza, che viene ben prima della “spiritualità”).
Per carità, dialoghi e personaggi non sarebbero di colpo diventati di spessore, ma con un editing corposo e ben strutturato Transfert – 4 passi fuori dall’inferno avrebbe perso buona parte di quell’artificiosità che di fatto mina credibilità e atmosfera della storia e rende la lettura di scarsa qualità.

Fosco Del Nero

Share Button

Ego - Vimala Thakar (spiritualità)Titolo: Ego (Ego).
Autore: Vimala Thakar.
Argomenti: evoluzione personale, spiritualità, esistenza.
Editore: Ubaldini Editore-Astrolabio.
Anno: 1970.
Voto: 8.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Eccoci qui con l’approfondimento del libro di Vimala Thakar intitolato Ego.
Il testo in questione non è molto lungo, ma è davvero ricco di spunti di valore, cosa che mi rende difficile sceglierne relativamente pochi per questo articolo, che comunque sarà discretamente lungo.

Il primo brano proposto ricorda molto uno dei versetti dei Tao te ching di Lao Tzu, e riguarda il rapporto tra l’unità dell’esistenza e la molteplicità del manifesto.
“Per me la vita è una totalità omogenea, indivisibile e non frammentabile.
È una totalità quando è nell’immanifesto, nell’invisibile e nel senza forma, ed è ancora una totalità quando si manifesta in una molteplicità di forme, quando entra volontariamente nella trappola dello spazio-tempo, forse a causa dell’amore o della compassione che è la natura della vita.
Così l’Uno si manifesta nei molti e i molti si fondono nell’Uno.”

La molteplicità del mondo ci distrae, lo sappiamo… ma occorre che ci sforziamo di non indirizzare tutte le nostre energie al di fuori.
“Se le energie che permeano gli organi sensoriali non indulgono inutilmente e senza motivo nel movimento verso l’esterno, rimangono all’interno degli organi sensoriali e il silenzio le riconduce alla loro sorgente priva di movimento. Le energie ritornano quindi alla loro sorgente, tendono al’assenza di movimento, al silenzio. Si riassorbono nella fonte da cui provengono.
Nutritevi solo di quanto è necessario: assumere cibo ha a che fare con le necessità del corpo e non significa indulgere nei piaceri del gusto. Anche gli abiti siano in accordo con i bisogni, senza ornamenti. Quando il silenzio diventa stabile, nella bellezza della solitudine e della vitalità vedrete che la vitalità non dipende dall’associazione con oggetti materiali o persone.
In questo modo le energie rivolte all’esterno ritornano alla sorgente, ed è questo che intendo con un modo di vivere che favorisce la ricerca spirituale.”

Un’altra cosa che occorre fare è non indirizzare troppe energie alla mente, giacché esse son sprecate.
“L’indagine verbale, l’indagine intellettuale esercitata intenzionalmente, deve cessare affinché il movimento della mente diventi volontariamente quiescente nel silenzio e nel rilassamento.
Se c’è attaccamento, conscio o inconscio, alla convinzione che la mente, che il pensiero possa portarmi a destinazione, la dimensione del silenzio rimarrà puramente immaginaria.”

Tutto ciò è da fare nell’unico momento che esiste; non ci sono altri campi di lavoro.
“Il presente è l’unica espressione dell’eternità a nostra disposizione.
Il presente senza tempo, il qui e ora, è l’unico modo di relazionarci con ciò che è.”

E tutto ciò va fatto da soli, dal momento che il percorso evolutivo è un percorso solitario… anche se l’essere umano medio cerca sempre guide e appoggi.
“Mi sembra che a volte non comprendiamo che la ricerca della realtà si fa nella solitudine. Siamo soli con la vita, come se la osservassimo per la prima volta.
Siamo soli con la vita e con la sua immensità, infinità ed eternità senza tempo.
Avremmo preferito non essere soli in quella immensità, in quella insondabilità, e avremmo voluto che qualcuno fosse con noi. Vorremmo qualche intermediario tra noi e la vita.”

Un altro rischio è quello di sviluppare una spiritualità teorica, da stanza di meditazione, che non tenga conto della vita materiale e dei rapporti personali, che invece sono il vero campo d’azione della spiritualità-consapevolezza.
“È sin troppo facile isolarsi su una montagna e ripetere a noi stessi “Io non sono il corpo, non sono la mente; io sono l’anima, lo spirito” e Dio sa cos’altro. Poi, quando si ritorna alla normale vita quotidiana, se il pranzo tarda di cinque minuti ecco la rabbia. Se fanno su di noi un commento sgradevole, ribolliamo dentro. Qualunque cosa turba la pace che abbiamo raggiunto con tanta fatica.
Personalmente non vedo alcun valore in una pace realizzata nell’isolamento e che viene turbata da qualunque contatto un po’ rude con la realtà. La vera pace e il vero silenzio sono quelli che nessuna difficoltà di rapporto può turbare e distruggere.
I nostri rapporti sono specchi in cui possiamo vedere la natura della nostra realtà. Non dobbiamo creare un’immagine di noi stessi e nutrirla e coccolarla nel cuore, ma essere attenti, lucidi e sensibili in ogni rapporto con gli altri e persino nel nostro rapporto con i vestiti o con il cibo. Osserviamo il gioco in atto tra l’oggetto e il soggetto. Se vediamo questo gioco, significa che la coscienza si è già spostata su un piano più alto da cui possiamo osservare simultaneamente l’oggetto e il soggetto, e agire muovendo dalla visione della totalità e non dall’identificazione con un lato soltanto.
Questa è la meditazione nella vita quotidiana. Questi sono l’umiltà e il silenzio nell’azione, e non nell’isolamento.”

Se riusciamo a portare nel mondo materiale quanto sviluppato nel mondo interiore, allora lo stato meditativo è una vera e propria rivoluzione.
“La meditazione è l’atto più rivoluzionario della vita. è l’unica azione totale, tutto il resto è frammentario.
La meditazione non è un atto di volontà, è un modo di vivere.”

O, per dirla in un altro modo, è uno stile di vita alternativo e più elevato.
“La spiritualità è la scienza della vita e del vivere. Non è solo un modo alternativo di vivere, ma una vera cultura alternativa. Non è solo una speranza, un’idea romantica, teorie e parole, ma riguarda il movimento della vita e l’immobilità all’interno di questo movimento.
La mente fa resistenza al fatto di avere delle limitazioni, è riluttante ad accettare la propria impossibilità a conoscere il segreto della divinità, ad accettare il fatto che nessun movimento mentale può avere il profumo del sacro. Non essendo mai giunta alla dimensione del silenzio, dell’immobilità e della solitudine, la mente si sente a disagio quando percepisce le limitazioni che le sono intrinseche.”

Da tutto ciò non può essere distaccata la compassione, altrimenti il percorso non è quello, ma una deviazione lungo la strada.
“L’amore e la compassione sono il profumo dell’intelligenza e non sono separabili dall’espressione della Coscienza, del Sé, dell’Assoluto o comunque vogliate chiamarlo.”

Stiamo in dirittura d’arrivo con l’articolo su Ego, di Vimala Thakar. Il terzultimo brano proposto è molto bello e sintetizza il fatto che ogni essere umano, in realtà, si sente eterno, dentro di sé sa di essere eterno… e per questo la morte sgomenta tante persone.
“Non c’è bisogno di fare esercizi specifici per sentire di esistere. Il corpo invecchia, ma dentro di voi non vi sentite vecchi: vi sentite immortali.
Avete il senso di esserci stati e di poter continuare a essere anche quando il coro decadrà. Non sto parlando dei processi biologici e psicologici, né di nessun altro processo. Sto parlando della proclamazione dell’eterna esistenza che sussurra nel nostro corpo. La semplice osservazione e i cambiamenti periferici che può indurre non sono sufficienti per trascendere la coscienza “io” se non sentiamo la spinta a una libertà incondizionata, non solo libertà dal dolore e dall’agonia prodotte dalle catene dell’io, ma anche libertà dal piacere, dalla soddisfazione e dal senso di sicurezza che questo stesso io fornisce.
Se non c’è la spinta alla libertà, alla totale libertà, questo superamento non può avvenire.
Quando avviene, avviene in un momento senza tempo, in un istante.”

Penultima citazione, anch’essa assai ficcante: questa analizza il fatto che l’ego-io-mente-personalità va sempre alla ricerca di esperienze. Dunque, la ricerca di esperienze di vita è un’attività dell’ego.
“Finché andiamo alla ricerca di esperienze rimaniamo sul piano mentale.
Se “io” sono alla ricerca di un’esperienza sensoriale, se “io” sono alla ricerca di un’esperienza extrasensoriale, se “io” sono alla ricerca di un’esperienza occulta o trascendente, questo “io”, questo “se”, continuerà a nutrire se stesso attraverso l’esperienza. L’io ha come unico sostegno l’esperienza, perché in assenza di esperienze si annoia. Per questo va continuamente a caccia di esperienze, se non sul piano materiale almeno sul piano mentale.
Se idee, teorie e ideologie non lo soddisfano più, si rivolge al piano extrasensoriale, all’occulto, al trascendente.
L’io va a caccia di qualunque esperienza, perché si nutre di esperienze. Il desiderio di qualunque esperienza è quindi un’attività incentrata sull’io.”

L’ultima citazione è rapidissima e sembra uscita da un testo di Gurdjieff, giacché riguarda la consapevolezza della propria schiavitù.
“Comprendere la natura della schiavitù è l’inizio della libertà.”

L’approfondimento dell’ottimo libro di Vimala Thakar, Ego, è terminato.
Al prossimo articolo.

Fosco Del Nero

Share Button

Forme tradizionali e cicli cosmici - René Guénon (esoterismo)Titolo: Forme tradizionali e cicli cosmici (Formes traditionelles et cycles cosmiques).
Autore: René Guénon.
Argomenti: esoterismo.
Editore: Edizioni Mediterranee.
Anno: 1929-49.
Voto: 6.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Finora non avevo mai letto un libro di René Guénon, il famoso esoterista francese, ma temo con Forme tradizionali e cicli cosmici di aver scelto male il primo.

Partiamo dalle basi: il libro conta circa 150 pagine stampate, le quali però, tolte le pagine bianche e le pagine pubblicitarie, scendono a 120, suddivise in undici articoli più presentazione e appendice.
Non si tratta dunque di un libro unitario, bensì di una raccolta molto spuria di articoli scritti da René Guénon; ancor peggio, in alcuni casi di recensioni di libri da lui letti o comunque commenti ad opere altrui.

La raccolta è davvero molto spuria sia per il tipo di scritto, sia per gli anni di pubblicazione (dal 1929 al 1949, ma per lo più nei primi anni “30), sia per gli argomenti: si va dalla kabbalah al nome “Adamo”, da Atlantide a Ermete Trismegisto.

Va da sé che, essendo assegnate a ognuno di questi argomenti, e altri parimenti ampi, solamente poche pagine, essi non possono esser stati affrontati in modo esaustivo, e anzi per lo più l’autore si è limitato a brevi commenti su opinioni e lavori altrui.

Ci sono invero svariate cose interessanti in Forme tradizionali e cicli cosmici, ma dettagli e non discorsi ampi, e curiosità di stampo esoterico e non principi esistenziali, tanto che il libro non ha alcun carattere evolutivo, ma solamente conoscitivo… e in tal senso lascia intravedere l’enorme mole di erudizione del suo autore (fatto che viene premiato con una valutazione sufficiente in luogo di una più penalizzante, pur ricordando che non si tratta di letteratura evolutivo-esistenziale, ma più di storia, lingua e cultura… seppur, tra una disquisizione concettuale e un’altra, spuntano fuori anche dei concetti evolutivi di una certa importanza, pur del tutto minoritari).

Probabilmente in futuro mi leggerò qualche altro libro di René Guénon, e anzi qualche libro vero e proprio, al di là di brevi articolo o recensioni di testi.

Fosco Del Nero

Share Button

 

 

BAG

tarocchi

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Il bambino zoppettino

Parole di Potere

Parole di Potere

Il cammino del mago

Copertina Parole di Forza

Il mondo dall'altra parte

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Ultimi Commenti

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Dhammapada
I quattro vangeli
Tao te ching
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Chi è il testimone
Prima di Io Sono
La forza sessuale o il drago alato
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite