============= ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER =============

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter gratuita
Riceverai l'esclusivo ebook "Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Il risveglio – Mark Nepo (spiritualità)

23 Dic 2021 In: Recensione, Spiritualità

Il risveglio - Mark Nepo (spiritualità)Titolo: Il risveglio (The book of awakening).
Autore: Mark Nepo.
Argomenti: spiritualità.
Editore: Tecniche Nuove.
Anno: 2000.
Voto: 4.5.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardino, Amazon.

 

Il risveglio di Mark Nepo, libro scritto nel 2000 e pubblicato in Italia una decina d’anni dopo da Tecniche Nuove, è un libro piuttosto ponderoso, con le sue oltre cinquecento pagine discretamente fitte. Il titolo del libro, inoltre, è alquanto roboante, e insieme al sottotitolo “Diario di viaggio verso una vita piena, vissuta al presente” promette, o quantomeno ammicca, a un percorso di risveglio, che s’intende quello dell’autore ma anche, per converso, del lettore.

Tuttavia, ho constatato fin da subito che nel testo non solo non c’è un percorso in senso stretto, ma nemmeno una consapevolezza molto elevata, rimanendo a metà strada e ancora ancorato a emozioni basse o intermedie; niente di rarefatto o troppo lavorato, comunque.
Nepo, che si definisce poeta, è coerente in ciò e tende a perifrasi larghe, giri di parole e immagini mentali ed emotive, che peraltro vanno spesso a parare sulle medesime cose e difficoltà (il suo tumore, il suo matrimonio fallito, etc), ma di fatto manca nell’unica cosa che conta, e ne dà prova praticamente in ogni pagina.

Intendiamoci, il libro non è un disastro, e anzi di contenuti validi ne ha, e anche numerose espressioni belle ed efficaci, ma ciò è immerso in contenuti meno validi e in una mole di parole decisamente troppo vasta per quel che offre di sostanzioso il testo, il quale di fatto è una sorta di diario annuale, lungo 365 paragrafi e circa 520 pagine, in cui Mark Nepo parla della sua vita e di ciò che ha realizzato: c’è qualcosa, certamente, ma non molto, cosa che rende il testo adatto per l’appunto a un pubblico medio-basso nel panorama spirituale (quello a metà tra l’intelletto, i drammi emotivi e il desiderio di superare entrambi).

Ogni paragrafo è associato a un esercizio introspettivo, e quindi ce ne sono 365, ma anch’essi mi son parsi deboli e teorici più che sostanziali.
Paradossalmente, ma neanche tanto, c’è più bellezza nelle citazioni altrui proposte, anche perché, oltre a nomi piuttosto prosaici, compaiono i vari Ramana Maharshi, Kabir, Nisargadatta Maharaj… in effetti anche in tale ambito si riflette l’ambivalenza dell’opera, il suo essere a mezza via.

Insomma, Il risveglio di Mark Nepo, che ho fatto fatica a finire un po’ per la sua lunghezza e un po’ per la sua pesantezza, e che ho terminato più che altro come esercizio di volontà (questo, sì, un esercizio vero e proprio), è messo da parte e consigliato solamente a chi desidera un “diario annuale” con un linguaggio tendente all’infiorettamento poetico e con un livello di consapevolezza non troppo sostenuto (sono i più, badate, quindi il testo non è affatto inutile, visto che ogni bocca ha necessità del suo giusto cibo).

Fosco Del Nero

Share Button

La realtà dell'essere - Jeanne de Salzmann (approfondimento)Titolo: La realtà dell’essere (The reality of being).
Autore: Jeanne de Salzmann.
Argomenti: quarta via, esistenza.
Editore: Astrolabio Ubaldini Editore.
Anno: 1950 ca.
Voto: 8.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardino, Amazon.

 

L’approfondimento de La realtà dell’essere, libro di Jeanne de Salzmann, rischia di essere lunghissimo, data la mole di citazioni importanti che il testo in questione offre.
Cercherò di non risultare eccessivo, e a tal scopo limiterò i miei soliti commenti a una sorta di titolo che precederà le varie citazioni.

Coscienza 1.
“Possiamo diventare coscienti? È tutta una questione di energie e della relazione tra di esse: ogni energia è sempre controllata da un’altra più sottile e più attiva, più animata, come un magnete. L’energia di cui facciamo uso per le nostre funzioni (pensieri, emozioni, sensazioni) è passiva e inerte. Spesa in movimento verso l’esterno, questa energia è sufficiente, come qualità, per la nostra vita di animali superiori, ma non è abbastanza sottile per un atto interiore di percezione, di coscienza.
Tuttavia, abbiamo un certo potere di attenzione, almeno in superficie, una certa capacità di concentrare l’attenzione in una direzione desiderata e mantenervela. Anche se è fragile, questo seme o germoglio di attenzione è la coscienza che emerge dal profondo: perché cresca, dobbiamo imparare a concentrarci, a sviluppare questa capacità indispensabile per preparare il terreno.”

Coscienza 2.
“Il lavoro di essere presenti va nella direzione della coscienza, cioè un tipo speciale di percezione di sé indipendente dall’attività della mente intellettuale: chi siamo, dove siamo, cosa sappiamo e cosa non sappiamo.
Nel momento della coscienza c’è l’impressione immediata di una percezione diretta. È abbastanza diverso da ciò che normalmente chiamiamo “coscienza”, che opera più come una riflessione che accompagna fedelmente ciò che sperimento e gli dà una rappresentazione nella mia mente.”

Coscienza 3.
“Chi è presente? Chi guarda? E cosa guarda?
Il problema è tutto qui.
Per osservare noi stessi abbiamo bisogno di un’attenzione diversa da quella ordinaria. Ci impegniamo nello sforzo di essere vigili, per osservare: la lotta del guardiano. Cerchiamo di avere in noi un guardiano stabile. Colui che guarda è colui che è presente.
Solo il guardiano è attivo, il resto di me è passivo. Il guardiano deve registrare un’impressione dello stato interno e al tempo stesso cercare di vedere tutto contemporaneamente e avere un senso dell’insieme.
Dobbiamo imparare a distinguere tra l’io reale, che non si vede mai, e la personalità, che prende il sopravvento e crede di essere la sola a esistere.”

Sforzo 1.
“Quel che è difficile comprendere è che senza uno sforzo cosciente nulla è possibile.
Lo sforzo cosciente è collegato alla natura superiore. La mia natura inferiore, da sola, non può portarmi alla coscienza. È cieca. Ma quando mi sveglio e sento che appartengo a un mondo superiore, ciò fa parte solo di uno sforzo cosciente. Divento realmente cosciente solo quando mi apro a tutte le mie possibilità, superiori e inferiori.
Solo lo sforzo cosciente ha valore.”

Sforzo 2.
“Tutto ciò che desidero ha un prezzo da pagare.
Non otteniamo mai più di quanto abbandoniamo: quel che riceviamo è proporzionale a quel che sacrifichiamo.”

Giudizio.
“Quando e ovunque compare, il giudizio ci mostra che il nostro “io” ordinario è continuamente coinvolto.
Non c’è un solo momento nella giornata in cui smettiamo di giudicare, neanche quando siamo soli.
Questo ci tiene prigionieri in una feroce schiavitù, siamo schiavi di quello che crediamo di sapere e di quello che crediamo di essere.”

Automatismo.
“Il mio automatismo è una prigione. Finché credo di essere libero non ne uscirò. Per fare lo sforzo necessario devo comprendere che sono prigioniero. Devo vedere il mio essere macchina, conoscermi in quanto macchina, essere qui mentre funziono come una macchina.
Il mio scopo è fare esperienza del mio essere meccanico e non dimenticarlo mai.”

Lotta 1.
“Se capissi che la mia sola possibilità di essere presente è nella lotta, non cercherei di situarmi al di fuori di essa o di evitarla ritirandomi e sfuggendo all’identificazione. Vedere la mia identificazione mi metterebbe in connessione con la lotta.
In questa lotta, tutto sta nell’attenzione. Un solo momento di disattenzione e tutto è perduto.”

Lotta 2.
“Dobbiamo trovare un ordine interiore, una forma interiore.
A questo scopo bisogna avere un certo controllo sulla postura corporea.
In un corpo la cui forma sia controllata, si può stabilire una forma interiore.”

Lotta 3.
“Se riesco a vedere che il senso della vita è qui, solo qui, ho una direzione costante per il mio sforzo, lo sforzo di essere un individuo responsabile.
Tutto il resto è nel mondo dei sogni.”

Visione e vigilanza 1.
“La domanda non è cosa fare ma come vedere.
Vedere è la cosa più importante.”

Visione e vigilanza 2.
“Il nostro lavoro consiste nell’essere vigili.
La visione di ciò che avviene in noi è la cosa più importante.”

Visione e vigilanza 3.
“Più affronto la realtà, più la guardo in faccia, più l’emozione viene purificata.”

Direzioni.
“Non possiamo stare senza una relazione: obbediamo sempre a una relazione. O siamo in relazione con qualcosa di più alto o siamo attratti da ciò che è in basso.
È una lotta di forze.”

Stato di presenza.
“La più alta forma di intelligenza è la meditazione, un’intensa vigilanza che libera la mente dalle sue proprie reazioni; solo questo, senza alcun intervento della volontà, produce uno stato di tranquillità.
Ciò richiede un’energia straordinaria, che può comparire solo quando in noi c’è un conflitto, quando gli ideali, le credenze, la speranza e la paura sono del tutto scomparsi.
In questo stato di vigilanza non faccio nulla, ma sono presente.”

Abbiamo dunque terminato l’articolo di approfondimento de La realtà dell’essere di Jeanne de Salzmann.
Alla prossima occasione.

Fosco Del Nero

Share Button

Piccoli sussurri - Paramhansa Yogananda (spiritualità)Titolo: Piccoli sussurri.
Autore: Paramhansa Yogananda.
Argomenti: spiritualità, preghiere, illustrazioni, infanzia.
Editore: Ananda Edizioni.
Anno: 2008.
Voto: 7.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: Macrolibrarsi, Il giardino, Amazon.

 

Piccoli sussurri è una sorta di derivazione-espansione del libro di preghiere di Yogananda intitolato Sussurri dall’eternità.
In che senso lo è?

Sussurri dall’eternità è un testo piuttosto grosso contenente numerose preghiere scritte da Paramhansa Yogananda, mentre Piccoli sussurri, che lo riprende anche nel nome, consiste in una piccola cernita di tali preghiere, a cui vengono affiancate numerose illustrazioni, nonché un’introduzione e una conclusione.

Le preghiere sono di Yogananda, le illustrazioni sono di Amrita Cantarutti, l’introduzione e la conclusione sono dello staff di Ananda Edizioni.

Piccoli sussurri è un prodotto editoriale piuttosto snello, tanto che mi ha sorpreso per quanto fosse breve… anche se in verità quasi tutti i libri illustrati son piuttosto agili, per cui la cosa in effetti non è strana. Mi attendevo in realtà un formato più piccolo, quello tipico dei libri “minori” di Yogananda, mentre al contrario il formato è piuttosto ampio: 16×22 centimetri.
Se ho contato bene, sono riportate ventiquattro preghiere di Yogananda; poi abbiamo una decina di fotografie e una trentina di illustrazioni, alcune piccole e alcune grandi, a doppia pagina.

Le preghiere sono molto belle, le illustrazioni sono molto belle, e il prodotto si configura come adatto sia agli adulti sia ai bambini, per i quali probabilmente è stato pensato in prima istanza, come il titolo del libro pare suggerire.

Il tema centrale delle preghiere è Dio e l’amore divino.

Editorialmente Piccoli sussurri è piuttosto breve, ma la qualità e la bellezza compensano largamente la brevità, tanto che ne fanno un bell’acquisto per sé stessi o per un bambino, che respirerà così bellezza, ispirazione e profondità.

Fosco Del Nero

Share Button

 

 

BAG

tarocchi

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Energia, salute, evoluzione

Percorri il tuo sentiero

Il bambino zoppettino

Parole di Potere

Parole di Potere

Il cammino del mago

Copertina Parole di Forza

Il mondo dall'altra parte

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Ultimi Commenti

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno



Dhammapada
I quattro vangeli
I vangeli gnostici
Tao te ching
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Chi è il testimone
Chi è il testimone
Prima di Io Sono
Lo Zodiaco, chiave dell'uomo e dell'universoo
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il destino come scelta
Malattia e destino
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Guida al viaggio spirituale
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Il libro del nulla
Yogananda - Piccole, grandi storie del Maestro
Io Amo Meditare - CD
Conversazioni con Yogananda
Il processo della presenza
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Per diventare un libro vivente
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Il profeta
La realtà dell’essere
L'enneagramma

Contatore visite