============= ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER =============

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter gratuita
Riceverai l'esclusivo ebook "Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Energia, salute, evoluzione

Istruzioni per gli angeli - Igor Sibaldi (spiritualità)Titolo: Istruzioni per gli angeli.
Autore: Igor Sibaldi.
Argomenti: spiritualità, religione, angelologia.
Editore: Tecniche Nuove.
Anno: 2009.
Voto: 6.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiAmazon.

 

Ormai ho recensito parecchie cose di Igor Sibaldi, soprattutto video (da Maestri invisibili fino alla collana Esegesi). Anche qualche libro, come Eros e agape, Il tuo aldilà personale, o I confini del mondo.
Oggi è la volta di Istruzioni per gli angeli, dvd edito nel 2009 da Tecniche Nuove e basato, da quel che ho compreso, su una rubrica che l’autore ha tenuto per circa un anno online: la parte video si basa su quel lavoro pregresso, mentre il libretto di accompagnamento, piuttosto corposo con le sue quasi 100 pagine, pur se di formato piccolo, riporta per iscritti gli articoli di quella rubrica.

Argomenti: angeli, nomi degli angeli, energia degli angeli, e come al solito con Sibaldi citazioni della Bibbia e dintorni.

Dico la verità: l’angelologia non mi ha mai attratto, e difatti ci ho messo svariati anni a vedere questo dvd, che nel mentre è andato fuori commercio, forse per lo scarso successo (vedo poche recensioni in rete, per cui probabilmente ha venduto poco).

La parte del video che potrebbe forse attrarre maggiormente il pubblico spirituale mediano (il che è una mezza contraddizione in termini, ma giusto per capirci) è lo spezzone video finale dedicato alla tecnica del “101 desideri”, che peraltro Sibaldi ha presentato anche in altri lavori.
Peraltro, il desiderio di applicare una tecnica sui desideri è eloquente in sé, ma su questo non mi dilungherò.

Il video, ma anche lo scritto, propone il solito Sibaldi: oratore eccellente, di grande erudizione, sovente interessante… anche se con lui si va più sulla filosofia che sull’evoluzione spirituale, e infatti a volte si finisce su concetti anti-evolutivi (o comunque evolutivi per livelli medio-bassi, giacché tutto è evolutivo per qualcuno e per qualcosa).

Nel caso del video Istruzioni per gli angeli, inoltre, c’è anche l’argomento degli angeli a rendermelo meno interessante, nonostante il tentativo di presentare i 72 angeli come una sorta di zodiaco secondo gruppi di giorni (che, per la cronaca, nei casi da me ben conosciuti ci prendevano assai parecchio).
Pazienza, rimangono sul mercato prodotti di Igor Sibaldi di maggior spessore e interesse.

Fosco Del Nero

Share Button

Il libro del nulla - Osho (zen)Titolo: Il libro del nulla (Hsin hsin ming – Il libro del nulla).
Autore: Osho.
Argomenti: zen, taoismo, spiritualità, esistenza.
Editore: Edizioni Mediterranee.
Anno: 1883.
Voto: 8.5.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Bentrovati.
Oggi siamo in compagnia del libro di Osho che porta il nome de Il libro del nulla; un titolo davvero adatto e una consapevolezza davvero enorme, come è sempre con Osho.
Come di consueto, leggiamo alcuni brani estrapolati dal testo in questione.

La prima citazione afferisce alla mente… considerata in tale brano una vera e propria malattia.
“La mente è una malattia. Questa è una verità fondamentale che l’Oriente ha scoperto.
L’Occidente sostiene che la mente può ammalarsi, ma che può anche essere sana. La psicologia occidentale si basa totalmente su questo assunto: la mente può essere sana oppure malata.
La mente non può essere sana, perché non potrà mai essere integra. La mente è sempre divisa; la divisione è la sua condizione di fondo. Se non potrà mai essere integra, come può essere sana?
E se non può essere sana, come può essere santa?
Tutte le menti sono profane. Non esiste una mente che sia beata.
Un uomo santo vive senza la mente, perché vive senza divisioni.”

Il secondo brano tratto da Il libro del nulla invita a camminare liberi, puliti, senza attaccamenti concettuali e persino senza aspettative personali.
“Muoviti senza opinioni, muoviti nudo, senza vestiti, senza opinioni sulla verità, perché la verità aborrisce tutte le opinioni. Lascia perdere tutte le tue filosofie, le teorie, le dottrine, i testi sacri! Lascia perdere tutto questo pattume!
Sii silenzioso, immerso nell’assenza di scelta, con gli occhi disposti a vedere ciò che è, senza sperare in nessun modo di vedere la realizzazione di un qualsiasi tuo desiderio. Non portare desideri con te.
Si dice che la strada che porta all’inferno sia lastricata di desideri: ottimi desideri, buone speranze, sogni, arcobaleni, ideali… la strada che porta al cielo è completamente vuota.”

Andiamo avanti: se la mente porta al sonno, ne consegue che l’illuminazione è possibile quando la mente, ossia l’io, non c’è.
“L’evento più grande ti accadrà solo quando tu sarai assente. E se agisci, sarai necessariamente presente.
Il sonno sopraggiunge quando non ci sei. L’illuminazione segue lo stesso principio: arriva quando tu sei assente. Ma se agisci, come puoi al tempo stesso essere assente? Se fai qualcosa, qualunque essa sia, devi necessariamente essere presente. E le azioni nutrono l’ego. Quando non fai nulla, l’ego non viene più nutrito. Sparisce semplicemente, muore, non c’è più.
E quando l’ego non c’è più, discende la luce.”

Seguono due parole sulla natura dell’esistenza e sulla partecipazione umana al creato.
“Tutto è come dovrebbe essere; devi solo diventare stabile: tu solo sei a disagio.
Tutto è come dovrebbe essere… non manca nulla, e nulla è superfluo.
Riesci a immaginare un universo migliore di questo? Se sei saggio, non ci riesci; se sei sciocco, ci riuscirai.
Nulla può essere meglio di questo universo, così com’è.
L’unico problema è che tu non sei stabile in esso.
Tutto è in equilibrio. Solo tu sei il problema; il mondo non lo è affatto.
Questa è la differenza tra una mente politica e una mente religiosa, e voi siete tutti delle menti politiche.”

Il brano successivo afferma l’unità di esterno e interno, e che vanno vissuti e padroneggiati entrambi.
“Il Tutto deve includere il mondo esterno.
Il Tutto deve includere il mondo interno.
La mente è molto astuta: le persone vengono a dirmi: “Vorremmo prendere il sannyas, però vogliamo il sannyas interiore, non quello esteriore. Non vogliamo cambiare vestiti”. E insistono: “Perché dev’essere esteriore? Lascia che sia solo interiore!”.
Non sanno quel che dicono… dove ha inizio il mondo interiore?
Quando mangi non dici mai: “Lasciamo che il cibo sia solo interiore”. Quando hai sete e bevi, non dici mai: “Lasciamo che sia solo interiore”. La sete è interiore, perché allora bere acqua presa dal mondo esterno? Dove finisce l’acqua e dove inizia la tua sete? Come mai se bevi dell’acqua la sete sparisce… significa che esiste un incontro: da qualche parte, l’acqua esteriore ha incontrato la sete interiore. Altrimenti, come potrebbe sparire?
Senti fame e mangi qualcosa. Il cibo è esteriore, la fame è interiore; perché prendere cibo esteriore per una fame interiore? Perché essere così sciocchi? Prendi qualcosa di interiore!
Ma non esiste cibo interiore. La fame è interiore, il cibo è esteriore; ma da qualche parte, il cibo diventa interiore, cambia territorio. Diventa il tuo sangue, diventa le tue ossa. Diventa la sostanza di cui è formata la tua mente, diventa il tuo stesso pensiero.”

Andiamo avanti; segue ora una citazione sulla realtà… materiale e non materiale.
“Tutto è vivo, nulla è vuoto.
Tutto è colmo di consapevolezza, tipi di consapevolezza; per questo non vi è possibile percepirla.
La difficoltà è data dai diversi linguaggi della consapevolezza: un albero ha un tipo di consapevolezza completamente diversa; una roccia ne ha un altro, radicalmente diverso. È difficile comunicare con queste realtà, perché il linguaggio è diverso; ma se diventi più consapevole, più attento, e se la tua mente non è stracolma di pensieri, potrai perfino dialogare con una pietra.
Nulla è vuoto, tutto ha un proprio sé.”

Parliamo ora di amore e proiezioni esteriori: la conclusione è ovvia.
“Se non hai amore alcuno, dirai che nel mondo non esiste affatto l’amore.
Se hai un cuore che pulsa in amore, sentirai quel battito ovunque, tutt’intorno. Sentirai amore ovunque, sarai in grado di percepirlo.
Puoi sentire solo ciò che hai. Non potrai sentire altro che questo.”

Nel brano successivo Osho ci parla della natura del pensiero e del pensare.
“Pensare è un vagare senza meta, un perdersi.
Ogni volta che pensi a qualcosa, qualsiasi essa sia, immediatamente ti stai perdendo.
Pensare è un modo per sfuggire la realtà: ti fornisce una direzione interiore, crea un sentiero nella tua mente, lungo il quale tu ti incammini.
Un pensatore non è mai qui e ora, non è mai nel presente, è sempre da qualche altra parte.
Chi medita è sempre qui e ora, non è mai altrove; per questo, pensare è il solo ostacolo alla meditazione.”

Ancora qualche concetto sulla mente e sulla consapevolezza, nemici giurati.
“La mente non è mai dove tu sei; la consapevolezza è sempre là dove tu sei.
Abbandona sempre di più la mente e il processo mentale, e diventa sempre più consapevole e sveglio: unisci te stesso al momento presente, raccogliti in esso.
All’inizio sarà difficile. La mente, a causa della vecchia abitudine, continuerà a distogliersi e a fuggire lontano. Riportala indietro. Non è necessario lottare; limitati a richiamarla indietro: “Vieni qui”.
Di nuovo se ne andrà; nel giro di pochi secondi, non sarà più presente. Torna a richiamarla, e col tempo, allorché inizierai a godere di questi istanti – l’eterno presente, il solo tempo che esiste, la sola esistenza che ci sia – la mente si avvicinerà sempre di più. Se ne andrà via sempre meno.
Allora accade una sintonia. All’improvviso tu sei qui, a casa, e la realtà si rivela.
La realtà era sempre presente; tu non lo eri. Non è la verità che deve essere cercata… sei tu che devi essere ricondotto a casa.”

Stiamo per concludere con Il libro del nulla di Osho. Vediamo ora un brano su mente e consapevolezza.
“Prima di tutto, devi diventare uno specchio. Ora come ora, sei agitato e scosso al punto tale che non sei in grado di riflettere nulla: distorci ogni cosa.
La mente distorce la realtà.
La consapevolezza la rivela.”

Ne vediamo ora uno sulla ricerca del vero… che, paradossalmente, a un certo punto si deve arrestare.
“La verità non può essere ricercata.
Al contrario, quando ogni ricerca si arresta, la verità bussa alla tua porta; allorché il ricercatore non esiste più, la verità viene a te.
Quando tu dimetti ogni desiderio, quando non hai più alcuna motivazione per andare da qualche parte, all’improvviso scopri di essere illuminato; all’improvviso scopri di essere il tempio stesso che stavi ricercando; all’improvviso riconosci di esser Krishna, di essere Gesù.
Non ti viene alcuna visione… tu sei la fonte di ogni cosa, tu sei la realtà.”

La penultima citazione è un consiglio su dove andare e dove dirigersi…
“Non andare da nessuna parte!
Sii semplicemente qui, e immediatamente sarai arrivato.”

L’ultima citazione è una frase lampo sul sognare della mente.
“Tutti i sogni devono cessare.”

Il lungo approfondimento dedicato a Il libro del nulla di Osho è così terminato.
Alla prossima occasione.

Fosco Del Nero

Share Button

Non a sua immagine - John Lamb Lash (religione)Titolo: Non a sua immagine (Notint his image).
Autore: John Lamb Lash.
Argomenti: religione, storia.
Editore: Uno Editori.
Anno: 2006.
Voto: 4.5.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardino, Amazon.

 

Avevo a casa Non a sua immagine da parecchio tempo, e ne ho approfittato per leggerlo ora che volevo una lettura leggera tra un libro impegnativo e un altro libro impegnativo.

L’autore è John Lamb Lash e il sottotitolo del testo è “Visione gnostica, ecologia sacra e il futuro della fede”.
L’editore è Uno Editori e si tratta di un’opera piuttosto ponderosa con le sue 500 pagine di testo che arrivano a 600 con note, glossario e letture consigliate.

Essenza del libro: la storia dello gnosticismo con il suo (presunto) antenato del paganesimo e il suo (presunto) nemico del cristianesimo-cattolicesimo.

Già qui partiamo in modo traballante, dal momento che l’autore dà come scontato, e ci costruisce sopra tutto il suo discorso, che lo gnosticismo fosse un avversario del cristianesimo, mentre l’opinione maggioritaria è di verso opposto: qualcuno inserisce lo gnosticismo nell’alveo del cristianesimo (addirittura considerandolo il cristianesimo delle origini, quello più puro), qualcuno lo fa nascere prima, mentre qualcun altro lo fa nascere in seguito (un po’ come il sufismo e l’islam: non si capisce bene cosa sia nato prima e cosa si sia inserito nell’ambiente dell’altro).

Il secondo punto su cui l’autore s’incaglia subito è la comprensione del cristianesimo, o addirittura il confonderlo col cattolicesmo-papismo (che è una setta-gruppo all’interno del cristianesimo, e che anzi è assai lontano dal cristianesimo inteso come insegnamenti di Cristo): John Lamb Lash è evidentemente uno storico, ma non è un teologo, né un esoterista e difetta grandemente a livello di consapevolezza.
Questa peraltro non è la prima volta che lo noto: quando uno storico devia verso la spiritualità, senza avere effettuato un solido percorso interiore, commette una serie di strafalcioni epici… lo stesso, d’altronde, vale per chiunque si improvvisa esperto di qualunque professione che non sia la sua, ma quando di mezzo c’è la consapevolezza l’effetto è ancora più rimarchevole.

Questa contaminazione storia/archeologia/spiritualità/esistenzialismo l’ho notata in altri autori del primo settore, e quasi sempre con esiti pacchiani; probabilmente è una moda, o forse gli autori del settore a un certo punto si sentono in dovere di unire tutti i puntini, pur senza avere le competenze per farlo.

In questo caso non solo abbiamo l’esito di cui sopra (una persona che parla di una tradizione spiritual-evolutiva senza aver compreso nulla di essa), ma abbiamo anche un qualche conto in sospeso che l’autore deve aver avuto nella sua vita, giacché altrimenti non si spiegherebbe l’acrimonia con cui si è impegnato a insultare e sminuire… ciò che evidentemente non ha compreso.

Peccato, perché la mole del lavoro è notevole, l’impegno anche, e peraltro sono molto interessanti le parti storiche e storiografiche sul paganesimo, sullo gnosticismo stesso, ma anche sull’antica Roma e la Gallia. Qui ho trovato molte cose che non sapevo.
Molto interessante è l’applicazione su larga scala del legame persecutore-vittima, con la vittima che diventa essa stessa persecutore quando ne ha la possibilità (legame ben noto in psicologia e qua applicato a Romani-Europei prima e a Europei-Indigeni americani dopo).

Per il resto però Non a sua immagine di John Lamb Lash si rivela opera di scarso valore nel suo impianto globale, valida sono a pezzetti per così dire. Tuttavia, per quei pezzetti (genocidio delle popolazioni pagane europee, violenza delle religioni monoteiste, inganno degli arconti) a mio avviso non vale la pena leggersi un librone così sostanzioso.

Appunto finale: ho visto che attualmente il libro è disponibile in una nuova edizione, più economica, con copertina e sottotitolo differente. Il nuovo sottotitolo, o titolo per quanto è grosso, è: “Il libro che il Vaticano non ti farebbe mai leggere”. Probabilmente la prima edizione non è andata molto bene e si è riprovato con un sottotitolo-titolo più provocatorio; ma se il contenuto è lo stesso, il libro ha sempre uno scarso valore.

Fosco Del Nero

Share Button

 

 

BAG

tarocchi

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Percorri il tuo sentiero

Percorri il tuo sentiero

Il bambino zoppettino

Parole di Potere

Parole di Potere

Il cammino del mago

Copertina Parole di Forza

Il mondo dall'altra parte

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Ultimi Commenti

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Dhammapada
I quattro vangeli
I vangeli gnostici
Tao te ching
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Chi è il testimone
Chi è il testimone
Prima di Io Sono
Lo Zodiaco, chiave dell'uomo e dell'universoo
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il destino come scelta
Malattia e destino
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Guida al viaggio spirituale
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Il libro del nulla
Yogananda - Piccole, grandi storie del Maestro
Io Amo Meditare - CD
Conversazioni con Yogananda
Il processo della presenza
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma

Contatore visite