============= ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER =============

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter gratuita
Riceverai l'esclusivo ebook "Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Il canto del mago - Fosco Del Nero (esistenza)Titolo: Il canto del mago.
Autore: Fosco Del Nero.
Argomenti: narrativa, versetti, illustrazioni, esistenza, spiritualità.
Editore: Youcanprint Edizioni.
Anno: 2018.
Dove lo trovi: Il giardino dei libri, Amazon.

 

Il libro che vi presento con questo articolo, Il canto del mago, è alquanto particolare: intanto, nasce come ampliamento de Il cammino del mago, un romanzo fantasy esistenziale che ho scritto anni fa.

In secondo luogo, è composto da un trittico di versetti, illustrazioni e commento saggistico, il che lo rende ulteriormente originale.

Essenzialmente, Il canto del mago riprende e commenta tutto Il cammino del mago
… ma è scritto in modo tale da poter essere usufruito indipendentemente, dal momento che riassume il romanzo cui si riferisce e ne illustra tutti i contenuti.
Anzi, per le sue componenti “estetiche” (i versetti e le illustrazioni) possiede una sua bellezza a prescindere dal libro cui è collegato.

L’ideale sarebbe leggerli entrambi (anche perché sono entrambi sia belli da leggere che estremamente didattici nei contenuti): prima Il cammino e poi Il canto, oppure i due libri contemporaneamente.

Sono sicuro che chi ha già letto Il cammino del mago avrà il piacere di leggere anche Il canto del mago, cosa che consiglio vivamente, giacché tra l’uno e l’altro gli insegnamenti e la bellezza proposti sono molti.
Per chi non lo avesse mai letto, è un’ottima occasione per prendere ambo i libri (o il solo Il canto del mago per coloro che fossero più interessati agli insegnamenti che all’apparato narrativo).

L’indice del testo è piuttosto semplice, essendo i capitoli semplicemente numerati, senza titoli, ma lo riporto comunque.

Introduzione
Preambolo
Canto primo
Canto secondo
Canto terzo
Canto quarto
Canto quinto
Canto sesto
Canto settimo
Canto ottavo
Canto nono
Canto decimo
Canto undicesimo
Canto dodicesimo
Canto tredicesimo
Canto quattordicesimo
Canto quindicesimo
Canto sedicesimo
Canto diciassettesimo
Canto diciottesimo
Canto diciannovesimo
Canto ventesimo
Canto ventunesimo
Canto ventiduesimo
Postambolo

Fosco Del Nero

Share Button

Il risveglio - Mark Nepo (spiritualità)Il risveglio – Mark Nepo (approfondimento)
Titolo: Il risveglio (The book of awakening).
Autore: Mark Nepo.
Argomenti: spiritualità.
Editore: Tecniche Nuove.
Anno: 2000.
Voto: 4.5.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardino, Amazon.

 

Eccoci qui con l’approfondimento dedicato al testo di Mark Nepo intitolato Il risveglio.
Come sempre, per la valutazione dell’opera rimando alla recensione, mentre in tale sede leggeremo alcuni brani tratti dal libro in questione… che, su oltre 500 pagine, ogni tanto propone qualcosa di bello.

Cominciamo da un brano sulla paura e il coraggio di guardare qualcosa.
“La paura attinge la sua forza dal nostro non guardare la paura stessa o quello che ci spaventa-
Vi ricordate quella soffitta, o la porta di quello sgabuzzino, dentro il quale si rintanava qualcosa di terrificante e più a lungo evitavamo di guardarlo più diventava difficile aprirne la porta?
Di qualsiasi porta si tratti, o di qualsiasi paura (dell’amore, della verità o della morte imminente), tutti noi, ripetutamente, ci troviamo davanti a una scelta: evitare quella parte della casa, oppure aprire la porta e scoprire qualcosa di più su noi stessi, aspettando finché ciò che è buio diventi visibile.”

La seconda citazione riferisce un sogno di Jung e il suo interessante simbolismo: stavolta parliamo di introspezione.
“Carl Jung, una notte, sognò di aprirsi un sentiero nel bosco, senza sapere con certezza dove fosse diretto, facendosi strada a fatica nonostante la sua incertezza. Stanco e sudato, giunse a una capanna, in una radura. Lasciò cadere gli attrezzi che aveva usato per aprirsi la strada nella vegetazione, e si avvicinò alla capanna. Dietro alla finestra, scorse qualcuno che pregava davanti a un altare disadorno. La porta era aperta ed egli entrò. Mentre si avvicinava, si rese conto che la vita trascorsa ad aprirsi un sentiero era il sogno di questa persona, e che questa persona in preghiera era lui stesso.
Con questo sogno, Jung allude al perenne compito di decidere a chi affideremo la nostra vita: al nostro vero Sé o al falso sé. Per quanta serietà possiamo mettere nell’affaccendarci in questo mondo, rifiutando questo o quello, facendo correzioni, progetti e sacrifici, e per quante metodologie, strategie e alleanze possiamo mettere in gioco per ottenere qualche ricompensa, tutto questo è solo un sogno irreale agli occhi del nucleo del nostro essere, che aspetta pazientemente che ci inoltriamo nei suoi recessi più profondi, mentre intanto, fuori, ci ricaviamo un sentiero a colpi d’ascia.
Non appena il sentiero sarà aperto, e sgombro, e non appena riscopriremo l’essere al centro di noi stessi, potremo tornare nel mondo, ma questa volta con un filo che ci lega alla nostra anima.”

Passiamo oltre: leggiamo alcune righe sul momento presente.
“Quando ci smarriamo, distraendoci dal punto dove siamo adesso, dal momento presente, si viene a creare una tensione tra due luoghi diversi: quello in cui siamo davvero e quello in cui siamo solo nella testa.
Ed è questa tensione a impedirci di sentire la pienezza della vita, perché se la nostra attenzione è spaccata in due, è rivolta a due cose contemporaneamente, non possiamo essere autentici.”

Il quarto brano estratto da Il risveglio di Mark Nepo afferisce l’educazione dello sguardo, ch’è in verità da sola la metà del lavoro interiore.
“Sviluppare la vita interiore equivale ad approfondire lo sguardo.
Ha molto a che fare con l’abbattimento dei muri tra noi e gli altri, col vivere partendo dai propri recessi più profondi per poter sperimentare la profondità che ci circonda.
Troppo spesso ci capita di lamentarci delle cose intorno a noi, dicendo che sono superficiali e noiose, che non meritano attenzione da parte nostra, quando invece, il più delle volte, siamo noi a esser tagliati fuori dalla nostra interiorità, siamo noi a non essere raggiungibili.
Per vedere in profondità, occorre aprirsi alla profondità.”

Proseguiamo parlando ancora di presenza e sofferenza.
“Mi ci sono voluti anni per capire che la vita è sempre lì dove siamo, per quanto intensa sia la nostra sofferenza.
Non c’è niente da reprimere o da negare. Tutta quella fatica era solo energia mal diretta, fondata su un’errata visione.
Intanto, nel profondo, la vita autentica, libera da distorsioni, ci sta teneramente aspettando.”

Terz’ultima proposta tratta da Il risveglio: si parla di fiducia.
“La quintessenza della fiducia è credere che il sostegno arriverà proprio quando si molla la presa.
Ci si può anche allenare ad allentare la paura, ad accogliere la profondità, ma non c’è nessun altro modo di prepararsi a lasciarsi andare, se non lasciandosi andare.
Aver fiducia non è altro che accettare di andare oltre la paura di affondare e scoprire finalmente che l’Universo intero ci sostiene e ci culla dall’inizio dei tempi.”

Stiamo per concludere; il penultimo brano evidenzia la follia di fare paragoni tra i vari punti del percorso evolutivo, ciò che porta sempre disagio, se non proprio sofferenza.
“Ci rendiamo un pessimo servizio nel fare paragoni tra il punto dove ci troviamo e un punto d’arrivo immaginario. È proprio questa una delle sofferenze insite nell’aspirare a diventare qualcosa in particolare: lo stadio di sviluppo al quale siamo giunti è sempre visto in funzione di un paesaggio immaginario che stiamo perseguendo.
Di conseguenza, lì dove siamo, anche se siamo sempre più vicini al traguardo, non è mai abbastanza.”

Siamo arrivati all’ultimo brano proposto, che riprende un mito polinesiano e riguarda la crescita interiore, che implica sempre una rottura, un avanzamento.
“I polinesiani raccontano che il mondo ebbe inizio quando Taaora, il Creatore, si svegliò e si accorse che stava crescendo dentro un guscio. Si stiracchiò e ruppe il guscio, e così fu creata la Terra. Taaora continuò a crescere, e dopo un po’ di tempo si ritrovò di nuovo all’interno di un altro guscio. Protese nuovamente le sue membra e ruppe il guscio, dando origine alla Luna. Taaora continuò a crescere ancora, e si ritrovò avvolto in un nuovo guscio. Questa volta, dai suoi frammenti nacquero le stelle-
Attraverso questo antico mito, i polinesiano ci hanno trasmesso un insegnamento prezioso: noi tutti, nel corso della vita, cresciamo rompendo una serie di gusci, e il frammento divino dentro di noi si protende in ogni direzione, finché non c’è più spazio, e allora il mondo a noi noto dev’essere distrutto, affinché noi possiamo rinascere.
In questo modo, la vita consiste nell’abitare ciò che siamo finché la forma del nostro sé non è più in grado di contenerci e, come Taaora nel suo guscio, dobbiamo distruggere questo contenitore per poter rinascere in un nuovo sé e proseguire il cammino.”

L’approfondimento dedicato a Il risveglio, libro di Mark Nepo, è concluso.
Alla prossima occasione.

Fosco Del Nero

Share Button

Awakening Menu - Fosco Del Nero (narrativa esistenziale)Titolo: Awakening Menu.
Autore: Fosco Del Nero.
Argomenti: spiritualità, esistenza, narrativa.
Editore: Youcanprint Edizioni.
Anno: 2019.
Dove lo trovi: Il giardino dei libriAmazon.

 

Col presente articolo vi propongo l’ultimo mio libro pubblico: Awakening Menu.

Si tratta di un romanzo dai forti contenuti esistenziali… talmente tanto che potrebbe costituire un vero e proprio corso di risveglio, che nella storia viene proposto alla protagonista, e che il lettore potrebbe applicare alla sua vita.

Ecco in breve la trama di Awakening Menu: Vittoria è una giovane donna la quale in teoria avrebbe tutto per essere felice: la salute, un buon lavoro, familiari e amici che le vogliono bene. Eppure sente dentro di sé un forte vuoto, talmente tanto forte da farle prendere in considerazione l’idea di farla finita.
Questo fino a che non entra nel fast food che ha appena aperto vicino al luogo in cui lavora, che si rivela molto più che un fast food.

Se il libro non è particolarmente lungo, con le sue 120 pagine circa, la sostanza è molta, sia per la mole di contenuti sia per la durata temporale del percorso: come detto, il testo potrebbe essere un vero e proprio corso di lunga durata, per il lettore come per la protagonista della storia.

Chi mi legge da tempo sa già che sono un grande sostenitore della narrativa spirituale: un eccellente mezzo per proporre certi insegnamenti a coloro che non leggono libri di saggistica spirituale, ma anche un ottimo modo per rendere più d’impatto quegli stessi apprendimenti che il lettore abituato a certe tematiche troverebbe su un testo di saggistica, privo dunque di personaggi, eventi, emozioni e coinvolgimento.

Vi propongo anche l’indice di Awakening Menu, in modo da fornirvi maggiori informazioni… nonché, in calce all’articolo, il video di presentazione del libro.

Prologo
Capitolo 1 – Il vuoto aumenta
Capitolo 2 – Non c’è più futuro
Capitolo 3 – Il fast food all’angolo
Capitolo 4 – Awakening Menu
Capitolo 5 – Ti fidi?
Capitolo 6 – Rimettiti al lavoro
Capitolo 7 – La cura del corpo fisico
Capitolo 8 – Inizia il cambiamento
Capitolo 9 – La cura del corpo emotivo
Capitolo 10 – Detossinazione fuori e dentro
Capitolo 11 – La cura del corpo mentale
Capitolo 12 – Parole, parole, parole…
Capitolo 13 – Amore e compassione
Capitolo 14 – C’è una novità in città
Capitolo 15 – Creazione di bellezza
Capitolo 16 – Bellezza in pratica
Capitolo 17 – Conoscenza e saggezza
Capitolo 18 – Essere, sapere, fare e dare
Capitolo 19 – Unione con l’esistenza
Capitolo 20 – Resa e risveglio
Capitolo 21 – La nuova filiale
Epilogo

Fosco Del Nero

Share Button

 

 

BAG

tarocchi

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Energia, salute, evoluzione

Percorri il tuo sentiero

Il bambino zoppettino

Parole di Potere

Parole di Potere

Il cammino del mago

Copertina Parole di Forza

Il mondo dall'altra parte

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Ultimi Commenti

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno



Dhammapada
I quattro vangeli
I vangeli gnostici
Tao te ching
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Chi è il testimone
Chi è il testimone
Prima di Io Sono
Lo Zodiaco, chiave dell'uomo e dell'universoo
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il destino come scelta
Malattia e destino
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Guida al viaggio spirituale
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Il libro del nulla
Yogananda - Piccole, grandi storie del Maestro
Io Amo Meditare - CD
Conversazioni con Yogananda
Il processo della presenza
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Per diventare un libro vivente
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Il profeta
La realtà dell’essere
L'enneagramma

Contatore visite