================== EBOOK GRATUITO ==================

Inserisci la tua mail e ricevi l'ebook di crescita personale
"Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Parole di Potere

La quarta via - Piotr Demianovich Ouspensky (evoluzione personale)Titolo: La quarta via (The fourth way).
Autore: Piotr Demianovich Ouspensky.
Argomenti: crescita personale, esistenza.
Editore: Astrolabio.
Anno: 1957.
Voto: 7.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

La quarta via di P.D. Ouspensky è considerato uno dei libri di riferimento per il lavoro su di sé, come peraltro anche l’altro suo grande libro, Frammenti di un insegnamento sconosciuto.

Ho letto prima il secondo, uscito in realtà per primo, e poi il primo, uscito postumo, nel 1957, a dieci anni dalla morte di Ouspensky.

Ecco le mie impressioni, precedute da alcuni dati oggettivi: si tratta di un librone di 510 pagine… e son 510 pagine belle fitte, con 42 righe per pagina (la media sarà sulle 32-33) e una discreta larghezza della pagine, secondo il formato tipico e discretamente generoso dell’editore Astrolabio.

La versione che ho letto io, peraltro, aveva ancora il prezzo in lire, ed erano 42.000 lire, un prezzo esagerato per quei tempi, ma che oggi con la svalutazione del potere d’acquisto dell’euro si ridurrebbe a un più normale 21 euro.
Peraltro, mi è capitato tra le mani un libro non nuovo, ma usato, e persino sottolineato a matita… per le prime cinquanta pagine; dopo di che evidentemente l’utilizzatore originario non ce l’ha fatta procedere oltre e lo ha mollato, in ottime condizioni difatti.

Il primo elemento è dunque questo: La quarta via non solo è molto lungo, ma è anche difficile da leggere, un po’ perché tradizione di un linguaggio ormai antico, ma anche perché scritto in modo piuttosto cerebrale e mentale… e questo da solo ci dice che l’allievo è rimasto ben indietro rispetto al suo maestro.

Difatti Frammenti di un insegnamento sconosciuto, contenente le citazioni di G.I. Gurdjieff, aveva ben altra energia, pur se filtrato dallo stesso Ouspenky.
La conclusione è ovvia: tenere Frammenti di un insegnamento sconosciuto come opera di riferimento teorica, e poi addentrarsi direttamente in Gurdjieff, che invece non ho mai letto direttamente… ma di cui mi son già procurato le tre opere del suo testamento trilogia: I racconti di Belzebù a suo nipote (un mattone mica da ridere), Incontri con uomini straordinari (di cui ho già visto la conversione cinematografica) e La vita è reale solo quando io sono (e poi ci sarebbero anche Vedute sul mondo reale e Il nunzio del bene venturo, ma un passo per volta).

E badate che in ciò non sto svalutando del tutto La quarta via, giacché il libro di Ouspensky ha un suo valore oggettivo ed è ricco di concetti utili.
Tuttavia quasi tutti si trovano anche in Frammenti di un insegnamento sconosciuto, tanto che mi è sembrato per buona parte di leggere un doppione, e peraltro un doppione dalla minora forza vitale, e senza dubbio chi può capire ha capito.

Ad ogni modo, son felice di aver letto anche questo libro di P.D. Ouspensky, anche perché fornirà molto materiale per la pagina facebook, e materiale utile, per quanto un po’ concettoso nella terminologia, ciò che globalmente rende il libro in questione poco adatto ai giorni nostri, pur se valido nei contenuti.

Fosco Del Nero

Share Button

Titolo: Il cammino del mago.
Autore: Fosco Del Nero.
Argomenti: narrativa, esistenza, spiritualità, magia.
Editore: Youcanprint Edizioni.
Anno: 2018.
Recensione: qui.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Bentrovati a questo ennesimo articolo di approfondimento, stavolta dedicato al libro Il cammino del mago, l’ultimo libro che ho pubblicato.
Come al solito, andiamo a leggere qualche citazione estratta dal testo, ma con una differenza rispetto al solito; solitamente commento le citazioni proposte, mentre stavolta ve le lascerò nude e crude… e se vorrete ve le commenterete da soli.

“Si sussurra tra i circoli dei maghi che il potere più grande di un mago è la sua centratura e forza interiore.”

“E così sei qui – pontificò l’uomo – Ma d’altronde, in quale altro posto avresti potuto essere?”

“Il mago è più potente ed efficace nella sua opera quanto meno è rimasto dell’uomo che egli era prima.
Se non lo capisci ora, lo capirai quando sarai pronto per capirlo.”

“La via del mago si percorre su due sentieri: quello della conoscenza, nel quale si apprendono le leggi della magia e dell’esistenza, e quello della pratica, nel quale si incarna tutto ciò che si è appreso.
Seguire un sentiero trascurando l’altro significa essere monchi, e ciò non portai mai nulla di buono.
Chi studia ma non pratica accumula sapere ma non ha potere a sufficienza.
Chi si preoccupa di potere, mana ed energia senza sapere quale è la via migliore, perché non ha prodotto sapienza con lo studio, rischia di bruciarsi, o quantomeno di rallentare il suo cammino.”

“Nelle scuole di oggi s’insegna tutto, tranne le cose essenziali.”

“Sii sempre attento: l’attenzione è la chiave di tutto, ricorda.”

“Il torturatore tornerà ad essere vittima, come è sempre fino a che il filo che unisce i due non viene spezzato.
Alcuni chiamano tale fenomeno di cose “fato” o “destino”, e quando lo fanno alzano gli occhi al cielo, come a indicare qualcosa di ineluttabile, ma non è così: il destino, che pur esiste, è in mano all’uomo, perché egli lo può modificare o persino invertire.
Ma gli è richiesta un’azione affinché la ruota dell’esistenza smetta di girare.
Quest’azione è stata chiamata in molti modi: amore, perdono, distacco, leggerezza… ma l’essenza è sempre la medesima. Fino a che non si rinuncia all’emozione distruttiva che ha generato il problema, quel problema continuerà ad autoperpetuarsi.”

“Non avere timore di niente se non di quello che provi e pensi dentro di te.”

“Ho smesso da tempo di credere alle cose: saperle è molto più semplice e sicuro.”

“Non aver paura di qualunque forma ti appaia innanzi, giacché la forma visibile é illusoria, e quel che conta sono solo ed esclusivamente le proprie energie interiori.”

“Come può un mago sperare di dominare se stesso e i suoi demoni interiori se non ha nemmeno il controllo sulla sua fisiologia?
Come può il mago tenere a bada i suoi desideri più grandi se non riesce nemmeno a tenere a bada i suoi istinti più piccoli?”

“Ciò che accade quando si guarda negli occhi un’energia bassa è che essa viene come sgretolata: ogni volta che la osservi, ogni volta che sei presente di fronte a lei, essa diminuisce di un poco, fino a scomparire del tutto.
Così acquisirai dominio sulle energie basse, e così esse non potranno più turbarti.
E non è ancora tutto, giacché l’emozione sgretolata non scompare propriamente, ma diviene il suo corrispondente superiore: la paura diviene serenità e fiducia, la rabbia diviene forza e centratura interiore, il desiderio e il possesso divengono amore incondizionato. Ogni emozione bassa si trasmuta nel suo corrispondente di sopra.”

“Si tratta di una battaglia per la libertà: da un lato c’è la schiavitù nei confronti dei pensieri incontrollati, che hanno il potere di andare e venire come vogliono, pur se non richiesti, e dall’altra c’è la libertà di avere il dominio sulla propria mente.
Nel primo caso la mente stessa sarebbe divenuta elemento di danno e di prosciugamento dell’energia interiore; nel secondo caso sarebbe divenuta un alleato del mago, sempre lucida, aperta all’esistenza e a ogni cosa che succede in quel momento… davanti a lui, davanti ai suoi sensi fisici, ma anche sul piano della forza, quando avesse sviluppato la capacità di percepirlo.”

“Si trattava di lavorare su una materia grezza, per elevarla di rango, per renderla nobile.
La materia grezza era lui stesso, ed erano i suoi tre corpi.
Il corpo fisico, una volta reso nobile ed elevato, sarebbe divenuto volontà e determinazione incrollabile.
Il corpo emotivo sarebbe divenuto amore e percezione della bellezza dell’esistenza.
Il corpo mentale sarebbe divenuto intelligenza superiore, visione chiara e saggezza.”

“Tratta ogni cosa, ogni cosa, come il riflesso di qualcosa che ti appartiene, come il riverbero delle tue energie interiori, poiché è esattamente così.”

“Non crucciarti per quanti passi sono da fare lungo tutto il percorso.
Che importa se sono cento o mille?
Li devi comunque compiere tutti, quanti che siano.
E quanti sono non lo puoi sapere in anticipo: quel che puoi fare è solamente camminare.”

“L’energia è la materia prima della creazione… ed è anche la nostra materia di lavoro, giacché noi maghi lavoriamo su di essa.”

“La ripetizione è la legge dell’esistenza.
L’esistenza si ripete per inerzia, in questa e in altre vite, perché questo è il solo modo che essa ha affinché le persone imparino quello che devono imparare. Le persone e i popoli interi.”

“Bellezza, verità e semplicità camminano sempre insieme.”

“La parola d’ordine del mago è “padronanza”.
Padronanza del livello fisico, del livello emotivo e padronanza del livello mentale.
O si è padroni, o si è schiavi. O si è signori di se stessi, o si serve qualcos’altro.”

“Il mago disse al ragazzo che, come piante e animali fungevano da cibo per gli esseri umani, anche l’essere umano faceva da cibo per altre creature… e non si riferiva a quei rari casi di animali feroci che divoravano carne umana, bensì a creature del mondo invisibile.
Stando alle parole del mago, ciò era una cosa che non si poteva evitare: vi era sempre una qualche creatura pronta ad “abbeverarsi” dell’energia dell’uomo: si trattava solo di scegliere per quale tipo di entità si voleva essere cibo.
Vi erano così entità invisibili elevate che si nutrivano delle energie più elevate che l’uomo era capace di produrre, e in cambio influenzano l’uomo che si apriva ad esse ispirandolo ulteriormente verso l’alto. E vi erano d’altro canto entità invisibili ben più infere, che al contrario si nutrivano delle energie più basse, succhiandole letteralmente, e cercavano di mantenere l’uomo a quel livello di grettezza per non perdere la loro fonte di nutrimento.”

“Il mio invito è quello di rimanere tranquillo: tutto in realtà si dispiegherà di fronte a te senza che tu debba angosciarti.”

“Non si può scappare da ciò che la vita ci porta innanzi.
Come non si può scappare dalle proprie paure interiori.
Tutto ciò che si può fare è affrontarle, e ricavare così forza da tale lotta, oppure ignorarle, e rimanere così tanto deboli quanto si era prima.”

“Tutto quello che vi serve sapere è dentro di voi: guardate e vedete.
Più guardate dentro, più aumenta la vostra chiarezza, e sarete perciò abili nel vedere anche fuori.
Scrutare il mondo di fuori non sarà più necessario, perché quanto dovrete sapere lo saprete all’istante, lo vedrete all’istante dentro di voi.
Più i vostri occhi si fanno acuti più la vostra visione diviene ampia e precisa, e quando la vostra vista diverrà perfetta, diverrà perfetta anche la vostra visione.”

“Se ci si portano appresso bagagli pesanti, si procederà più lentamente.”

“Il paradosso, il grande paradosso della vita, è che l’individuo più sa più serve, in tutti i sensi del termine: serve perché è utile al gioco della vita, e serve perché è diventato un servitore… anche se in apparenza sembra piuttosto un grande re, o un grande mago.
E difatti lo è, re, perché un individuo di tal fatta, che ha sconfitto tutti i suoi demoni interiori, è divenuto un vero e proprio imperatore, e questo al di là del ruolo sociale che recita nel gioco della vita, o di quanti possedimenti materiali abbia: re o calzolaio, non fa alcuna differenza.”

Bene, con Il cammino del mago abbiamo concluso.
Buona lettura a chi vorrà.

Fosco Del Nero

Share Button

Film o video di miglioramento personale? - 2Eccoci qui con un nuovo capitolo della saga dedicata ai film consigliati per i loro contenuti.
Siamo ormai all’episodio numero 33, ognuno di essi contenente cinque consigli.
E con la lista generale che figura in questo articolo: Film che aprono la mente… o il cuore.

Detto dell’elenco generale, veniamo al più breve elenco di oggi.
Ecco i cinque protagonisti dell’articolo odierno, di cui tre son film d’animazione, mentre gli altri due son di genere fantastico (io l’ho sempre detto che animazione e genere fantastico e hanno una marcia in più rispetto ai film “normali”).
Di questi cinque film, due hanno contenuti smaccatamente esistenziali, mentre gli altri tre sono più flebili a riguardo; ma tutti e cinque sono degli ottimi film, per cui la qualità media è molto alta.
Rango,
Zootropolis,
Il luogo delle ombre,
The boy and the beast,
Mr. Nobody.

Rango
Cominciamo questa serie di cinque film con uno di quei film che mi piacciono davvero tanto… e che mi piacciono così tanto soprattutto quando sono sorprese inaspettate, come è stato Rango.
Si tratta di un film d’animazione di recente fattura, tanto godibile come film d’intrattenimento, tanto meritevole in quanto a contenuti, giacché dietro l’avventura del protagonista si cela il viaggio dell’esistenza, fatto che viene reso chiaro ogni tanto da qualche frase o qualche scena veramente evidente in tale direzione.
Beh, vedetevelo e basta.

Zootropolis
Anche con Zootropolis siamo nel genere “animazione”, e anche in questo film abbiamo qualche contenuto interessante, benché in senso meno esistenziale (Rango ha proprio l’aria di opera metaforica, e fin dal suo avvio) e in senso più psico-sociologico (apertura, flessibilità, accoglienza, sogno di società ideale).
Tuttavia, c’è molto di bello e molto di utile anche qui, per cui vi consiglio la visione anche di questo film… che peraltro mi era stato consigliato a mia volta da una lettrice del sito, per cui ringrazio e restituisco il favore all’esistenza.

Il luogo delle ombre
Questo film originariamente non avevo pensato di metterlo in elenco, ma una seconda e recente visione, dovuta al fatto che, semplicemente, avevo amato il film durante la prima visione, mi ha suggerito il suo inserimento.
Dietro un film di genere fantastico, infatti, vi sono almeno due insegnamenti utili: il primo, in negativo, è legato alla figura orrorifica dei bodach, che ricordano molto sia i voladore di Castaneda sia i dissennatori di Harry Potter… e infatti son tutti parenti stretti.
Il secondo elemento educativo oscilla tra l’affettuosità-amore e il lasciare andare, e riguarda la relazione tra i due protagonisti della storia, un ragazzo e una ragazza, una delle storie più tenere che abbia mai visto in un film.

The boy and the beast
Torniamo ora ai film d’animazione, e segnatamente a uno dei film degli ultimi anni di cui mi sono proprio innamorato: The boy and the beast. Non solo perché assai bello visivamente, ma perché vera e propria storia di formazione.
Che parla, tra le altre cose, di forza, potere, allenamento, sforzo, demoni interiori da affrontare.
Non poco certamente, specie se abbinato ad una realizzazione tecnica davvero eccellente, tanto che, per quanto non stiamo parlando di un film come Matrix o Fight Club, non ho comunque avuto dubbi nell’aggiungerlo alla lista di film suggeriti.

Mr. Nobody
Chiudiamo con Mr. Nobody, un recente film di fantascienza che accenna ai percorsi destinici, e pure in modo impegnativo per l’attenzione dello spettatore, e che in mezzo ci mette dell’altro, per quanto en passant: morte dell’ego, resa, addormentamento, esistenza.
Film lungo, come detto abbastanza impegnativo da vedere, molto bello esteticamente e appassionante come vicenda: valido più come opera cinematografica che come film di genere esistenziale, ma utile anche da questo secondo punto di vista.

E con questo anche stavolta abbiamo terminato con i film con contenuti esistenziali consigliati.
Al prossimo articolo e buone visioni (esteriori e interiori).

Fosco Del Nero

Share Button

BAG

tarocchi

 Evolution Personality Test

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Parole di Potere

Il cammino del mago

Il mondo dall'altra parte

Copertina Parole di Forza

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Ultimi Commenti

Libri consigliati

Dhammapada
I quattro vangeli
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Prima di Io Sono
I segreti del viaggio interiore
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
La via del risveglio planetario
Dio in te - The white book
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Chiedi e ti sarà dato
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite