Product by:
Fosco Del Nero

Reviewed by:
Rating:
5
On 6 Giugno 2013
Last modified:6 Settembre 2017

Summary:

L’articolo di oggi è un poco particolare, ma visto che da qualche tempo ho deciso di condividere il mio percorso di crescita personale integralmente, e non solo tramite le canoniche recensioni di prodotti vari, ve ne faccio partecipi. Si tratta di una riflessione-comprensione scaturita dalla lettura di un libro sui tarocchi...

I tarocchi e e le diverse vie di crescita personale

L’articolo di oggi è un poco particolare, ma visto che da qualche tempo ho deciso di condividere il mio percorso di crescita personale integralmente, e non solo tramite le canoniche recensioni di prodotti vari, ve ne faccio partecipi.

Si tratta di una riflessione-comprensione scaturita dalla lettura di un libro sui tarocchi, argomento che, come sa chi legge il sito abitualmente, da ormai un paio d’anni mi ha coinvolto molto, tanto che mi sono letto svariati libri sui tarocchi, mi sono procurato una quindicina di mazzi di tarocchi (sia per esaminarli, sia perché mi piacciono esteticamente, sia per trovare i mazzi più adatti a me, visto che ogni tarocco ha la sua energia e il suo stile), li ho utilizzati ogni giorno per molti mesi per far pratica e migliorare l’intuizione, e infine, una volta arresomi all’evidenza (a dir poco inattesa, devo dire), ho avviato il servizio di lettura tarocchi e poi il blog Lettura tarocchi e altre carte.

Ma torniamo a noi: come prima cosa la riflessione è nata dal libro Simbologia dei tarocchi di Colette Silvestre, un classico sull’argomento (benché difficilmente reperibile).
Come seconda cosa, l’autrice, stava effettuando una disamina degli arcani maggiori dal 2 al 5, con un riferimento anche all’1 e al 7.
Per chi non lo sapesse, sono questi:
1: Battiloro (o Bagatto o Mago a seconda della tradizione tarotica).
2: Papessa (o Sacerdotessa).
3: Imperatrice.
4: Imperatore.
5: Papa (o Ierofante).
7: Carro.

L’autrice, nello specifico, si riferiva all’aspetto numerico, sottolineando come 7 fosse la somma o di 2 e 5, o di 3 e 4… e fin qui tutto ok. :)
Laddove 2 e 5 sarebbero Papessa e Papa, e 3 e 4 Imperatrice e Imperatore, e laddove tali quattro arcani rappresenterebbero i quattro elementi (rispettivamente acqua, aria, fuoco e terra… ossia coppe, spade, bastoni e denari) in possesso del Battiloro, che in quanto prima carta si avvia sulla strada dell’evoluzione personale.

L’autrice ne faceva una questione prettamente numerica di somma, ma, come sempre, numeri e simboli (gli arcani maggiori sono dei simboli, archetipi dell’essere umano e delle sua fasi evolutiva) significano qualcosa al di là dell’essere meri numeri e simboli.

Per farla breve, l’essere umano arriva al 7, che sia come simbolo tarotico che come numero rappresenta la vittoria (tra l’altro, la sephira numero sette dell’albero della vita della Kabbalah, chiamata Netzach, rappresenta proprio la vittoria), solo se somma 2 e 5, oppure 3 e 4.
L’autrice del libro non ne parlava chiaramente, forse lasciando questa riflessione al lettore, ma va da sé che se si effettua la somma numerica, si effettua anche quella simbolica.

Ossia, per essere il più possibile chiari, l’esser umano ha due vie per raggiungere la vittoria, per diventare completo: se parte dal 2, la conoscenza, l’accumulo di sapere, deve aggiungerci il 5, la saggezza, la condivisione e l’insegnamento.
Mentre, se per indole parte più dal 3, l’esplosione giovanile, l’energia adolescenziale, deve aggiungerci il 4, la realizzazione materiale.

Tral’altro, anche graficamente il Carro, così come disegnato nei tarocchi di Wirth su cui si basa lo studio di Colette Silvestre, visualizza la somma sia di 2-5 che di 3-4, contenendo in sé gli elementi distintivi caratteristici dei quattro arcani precedenti.
2-5: quattro colonne, due colonne della Papessa e due colonne del Papa.
3-4: le ali dell’Imperatrice, ora sotto forma di tende stellate, e il cubo dell’Imperatore, ora sotto forma di baldacchino del carro.

Insomma, il messaggio è chiaro: quale che sia l’indole originale di ciascuno di noi, il mondo delle idee o il mondo dell’azione fisica, dobbiamo darle completamento, se no rimaniamo degli esseri umani monchi.

E, ovviamente, non c’è una via migliore dell’altra… basta che la percorriamo, qualche che sia la nostra. L’importante è arrivare al 7, numero che rappresenta tra le altre cose anche la divinità nell’essere umano.

Quindi, se tendete alla conoscenza e al sapere… condividetela con tutti.

Invece, se avete molta energia… concretizzatela positivamente nel mondo fisico. Magari unendo materia e spirito, come indica il globo crociato che l’Imperatore tiene in mano.

Bene, finiti i deliri da troppo studio (vedete, io sono della prima categoria e quindi devo condividere!), vi saluto e vi auguro tante belle cose.

Fosco Del Nero

Share Button
(Visited 1 times, 1 visits today)