================== EBOOK GRATUITO ==================

Inserisci la tua mail e ricevi l'ebook di crescita personale
"Cosa occorre al viandante"
Clicca qui per saperne di più
:

* Non cederò mai i tuoi dati a nessuno e li tratterò nel rispetto della privacy
 

Parole di Potere

I.O. Inside Out 2011 - Giorgio Nardone, Gabriel Guerrero, Max Damioli (sviluppo personale)

 

 

 

 

 

 

Titolo: I.O. Inside Out 2011.
Autore: Giorgio Nardone, Gabriel Guerrero, Max Damioli.
Argomenti: miglioramento personale, motivazione, felicità.
Organizzatore: Performance Strategies.
Luogo: San Marino.
Anno: 2011.
Voto: 7.
Dove lo trovi: Performance Strategies.

 

Come promesso, ecco la recensione dell’evento I.O Inside Out, il corso di miglioramento personale tenutosi a San Marino gli scorsi 16 e 17 luglio.
Sottotitolo e sottofondo del corso: “accendi la tua felicità”, con i relatori che rispondevano ai nomi di Giorgio Nardone e Gabriel Guerrero, affiancati dal “presentatore” Max Damioli e dall’ospite Barbara Alberti.
L’organizzazione, viceversa, era di Performance Strategies di Marcello Mancini.

Sarò come sempre sincero nel riferire le mie sensazioni sul corso, in modo che voi lettori abbiate sempre informazioni oneste e di qualità.
Premetto che globalmente parlando I.O. Inside Out mi è piaciuto, pur se con importanti specificazioni da fare, su diversi versanti.

Partiamo dalla location: un elegante albergo di San Marino (San Marino repubblica, ma non paese), tanto bello ed efficiente da un lato, quanto complicato dall’altro, specie per chi non fosse arrivato con la macchina, ma con aereo o treno (come il sottoscritto).

Proseguiamo con l’organizzazione generale del corso: è stata ottima, e nessun intoppo ne ha ostacolato lo svolgimento. Si vede peraltro che Performance Strategies punta alla qualità e a offrire nomi ed eventi di rilievo.

Il numero dei partecipanti (tra cui alcuni professionisti del settore come Roberto Re o Mario Furlan) sfiorava le 300 unità: assai meno rispetto alle cifre di nomi come Robbins o Eker, con i pro e contro del caso: tra i pro, il fatto di aver potuto sistemare le sedie dei partecipanti in modo meno accademico e più teatrale.

E proposito di teatralità, ottima l’idea delle immagini di sottofondo, che circondavano letteralmente l’auditorio, proponendo elementi della natura e concetti-emozioni positivi. In tal modo, siamo stati costantemente circondati dal mare, dai boschi, dal cielo, nonché da amore, amicizia, generosità, etc.

Ma veniamo al core del corso, ossia i due moduli di Giorgio Nardone e di Gabriel Guerrero, come detto intervallati da Max Damioli in ambo i giorni e da Barbara Alberti sul finire del primo.

Non mi dilungo sul curriculum dei due relatori principali: chi volesse approfondire cerchi pure su internet. Sottolineo solo come si tratti di due pezzi grossi, rispettivamente un big del settore psicologia-psicoterapia e un big del settore pnl-comunicazione-ipnosi.

La differenza tra i due è stata notevole, con Nardone assai serioso, posato e concettoso.
Egli è partito dall’idea di felicità, spostandosi poi sulla responsabilità personale, sull’equilibrio emotivo tra gli estremi, sull’autoinganno, sugli obiettivi personali, sulle aspettative, sull’autostima, sulle strategie di cambiamento a seconda della disfunzionalità dominante nel singolo individuo (piacere, rabbia, dolore, paura).
Non entro nei dettagli un po’ perché sarebbe impossibile in poche righe, un po’ perché le cose vanno sentite direttamente dall’autore.

Riporto solo la conclusione di Giorgio Nardone, che è la seguente: le emozioni in se stesse non sono né benevole né malevole, così come le esperienze in sé non sono costruttive o distruttive, ma tutto dipende da come le percepiamo noi.
Siamo dunque noi gli unici e soli artefici del nostro destino.

Passiamo ora a Gabriel Guerrero, e notiamo immediatamente che è cambiata l’impronta espositiva.
D’altronde, mentre Nardone è un accademico, decisamente più un teorico che un formatore, Guerrero è un formatore vero e proprio, non a caso proveniente dalla più ricca scuola di pnl, quella di Richard Bandler, John La Valle, Roberts Dilts, etc, anche se poi integrata con esperienze e discipline diverse: lo sciamanesimo, l’ipnosi, l’enneagramma(chi non sapesse cosa sia, sul sito trova un paio di articoli-recensioni a riguardo).

Tale dualità si è evidenziata anche nelle rispettive citazioni: da un lato Epiteto, Popper, Proust, Protagora, Leonardo Da Vinci; dall’altro Bandler, Grinder, Dilts, La Valle, Fitzpatrick, Robbins.

Anche Guerrero concorda con l’idea per cui la felicità non è un assoluto, ma qualcosa di relativo a chi la vive. La felicità, difatti, non è qualcosa che si fa, ma qualcosa che si vive, ci dice.
La differenza con Nardone si evince da subito: tanto serio e concettuale l’italiano, quanto vivace e comunicativo (anche se non divertente) il messicano, che mi è piaciuto molto come approccio, olistico e flessibile.

Guerrero infatti ha sgombrato il campo da ogni dubbio: anche gli esperti di sviluppo personale sono persone comuni, con problemi comuni (matrimoni, figli, lavoro, salute, etc) e magari dei limiti assai diffusi che li hanno per l’appunto spinti a cercare un cambiamento. Il limite di Guerrero era la paura di essere respinto e di fallire, fatto che lui, col senno di poi, commenta dicendo che gli unici che falliscono sicuramente sono coloro che non tentano di ottenere ciò che desiderano.

Il trainer di pnldhe (design human engineering, sorta di evoluzione della programmazione neurolinguistica) mette subito sul tavolo l’argomento centrale, i propri sogni, e fornisce una scaletta sintetica in quattro punti su come procedere sulla strada del proprio sogno personale.

In parallelo a ciò si avvale anche di alcuni altri punti importanti (i fattori decisivi nel miglioramento personale, i fattori decisivi nel processo decisionale) nonché di alcuni esercizi in rilassamento (esercizio per prendere le decisioni, esercizio del pannello di controllo).
A questo riguardo devo essere sincero su un punto: i traduttori spesso non sono stati all’altezza, specialmente nei rilassamenti, fatto comunque comprensibile dal momento che la modulazione della voce in senso ipnotico-induttivo non si improvvisa ma è frutto del lavoro di anni.

La conclusione di Guerrero è stata relativistica quanto quella di Nardone: la perfezione non esiste, quindi è ok non essere perfetti. Ciò che non dovrebbe mai mancare in noi, invece, è un sogno personale.

Detto di Nardone e Guerrero, parliamo ora di Barbara Alberti e poi di Max Damioli.
La prima è stata protagonista di un intermezzo alla fine della prima giornata, in cui ha spaziato dalla vecchiaia al linguaggio, dal pensare con la propria testa ad alcune poesie.
Non si è trattato di sviluppo personale in senso stretto, ma comunque personalmente ho gradito sia la verve ironica dell’autrice, sia alcune idee.

Il secondo invece ha fatto un po’ da presentatore dell’evento, introducendo i vari ospiti e intervallandoli in svariati modi (a fine seconda giornata ha anche “coperto” Guerrero che ha dovuto andar via prima per esigenze di volo… e qua torniamo alle difficoltà logistiche di cui dicevo in apertura).

Dirò la verità come sempre: sulle prime Damioli (che come nel caso degli altri conoscevo solo di nome, senza averli mai visti dal vivo) non mi ha convinto per nulla, risultandomi affatto divertente e anche dalla comicità un po’ banalotta-terra terra.
Poi mi sono ricreduto alla grande, sia per l’atteggiamento in sé, sia per ciò che ha dimostrato di apprezzare e di condividere. Mi riferisco in particolare a meditazione e sciamanesimo kahuna, di cui sono stati dati un esempio nel primo caso (breve meditazione collettiva sotto le stelle) e qualche spunto del secondo (gli impareggiabili principi kahuna).
Tra l’altro Damioli ha un master, oltre che in pnl e ipnosi ericksoniana (e anche in questo caso, la cosa si nota dalla padronanza della modulazione verbale), anche in tecniche di respiro.
E che proprio il fautore di respiro e meditazione alla fine della fiera abbia regalato i momenti più divertenti, ispirati ed emotivamente positivi del corso, pur avendo a disposizione meno tempo degli altri, conferma quanto già pensavo su quali siano i settori di intervento più potenti e trasformanti.
Lo stesso Max Damioli, peraltro, caricaturando chi tra il pubblico aveva in precedenza chiesto una tecnica da applicare, ha sottolineato (in modo più emotivo che non verbale) come le tecniche vadano bene e magari possano agire in modo mirato su una qualità o un obiettivo, ma che alla fine, parlando di benessere e felicità, fanno la differenza proprio le cose semplici, come l’energia del respiro o la serenità della meditazione.
Rimarchevoli anche le citazioni, tra cui Serge Kahili King e Neale Donald Walsch.

Ciò vale a maggior ragione per un corso dal vivo, in cui un relatore, per quanto bravo e dotato (e non c’è dubbio che i due presenti lo fossero), in appena un giorno non ha fisicamente il tempo di esporre tanto la teoria quanto le tecniche pratiche del suo lavoro (magari di 20 anni!).Chiudo la recensione in modo ugualmente semplice e naif: ci è stato sempre detto che “se fai quello che hai sempre fatto otterrai quello che hai sempre ottenuto”, e che “il mondo è come pensi che sia”… ecco perché dedicarsi al miglioramento personale è importante: perché, tra un libro e un corso, il nostro cambiamento di prospettiva pian piano renderà migliore la nostra vita e quella di coloro che abbiamo intorno.

Complessivamente, pur tra qualche criticità (sede del corso, poco tempo a relatore, a tratti eccesso di teoria), I.O. Inside Out di Performance Strategies è stato un buon corso di formazione, facilmente migliorabile con pochi accorgimenti nelle edizioni future (che si annunciano ancora più ambiziose).

 

 

 

 

 

 

 

 

Fosco Del Nero

Share Button

Come vincere le sfide della vita - Paramhansa Yogananda (spiritualità)Titolo: Come vincere le sfide della vita.
Autore: Paramhansa Yogananda.
Argomenti: spiritualità, successo.
Editore: Ananda Edizioni.
Anno: 1930-50.
Voto: 7.5.
Approfondimento: qui.
Dove lo trovi: Macrolibrarsi, Il giardinoAmazon.

 

Sono un grande fan di Yogananda, se mi si permette un’espressione quasi sportiva, sin da quando ho letto la sua bellissima e ispirante Autobiografia di uno yogi, non a caso considerata uno dei testi di tenore spirituale di maggior spessore (oltre che di maggior successo).

Non è dunque un caso che, nel corso del tempo, mi sono procurato libri suoi nonché del suo allievo più famoso Swami Kriyananda (di cui ho recensito L’intelligenza intuitiva, Perché non adesso?, nonché il bellissimo cd di meditazioniIo amo meditare).

La recensione odierna verte su Come vincere le sfide della vita, testo che non corrisponde a un suo libro unitario, bensì a una raccolta di saggi inediti.

Gli argomenti trattati sono i seguenti: il coraggio, la calma, la sicurezza, le emozioni negative, la meditazione, le affermazioni di autoguarigione, gli esercizi di ricarica energetica.

Se Autobiografia di uno yogi è quasi inarrivabile per il coinvolgimento e la carica umano-spirituale che porta con sé ma soprattutto a chi legge, Come vincere le sfide della vita si difende comunque molto bene, proponendo spunti di grande rilevanza su svariati argomenti.
La sensazione, anzi, è che Yogananda fosse praticamente incapace di non dire qualcosa di bello, importante e profondo, e a sentire le testimonianze di chi lo ha conosciuto pare fosse così anche di persona.

Ma, d’altronde, non credo che si diventi uno dei maestri spirituali più apprezzati di un particolare secolo per pura fortuna…

Trovo in particolare di grande bellezza l’appoggiarsi a grandi del passato al di là delle frontiere religiose, culturali e razziali, barriere che non posso non pensare essere frutto di menti e cuori limitati. Così, capita spesso che Yogananda citi Babaji, Sri Yukteswar e Ananda Moyi Ma, ma anche Gesù, San Francesco, Santa Teresa Neumann, per dirne solo alcuni.

Di recente, peraltro, ho letto che il suo corpo, dopo la sua morte, è rimasto incorrotto alla vista e all’olfatto per un mese intero, risultando un caso unico in tale documentazione (bizzarra e inusuale, se vogliamo, ma comunque interessante).

Ad ogni modo, tornando a Come vincere le sfide della vita, si tratta di un libriccino di modesta grossezza, ma di grande spessore, che certamente rileggerò in futuro e che altrettanto certamente consiglio anche a voi.

Gli appassionati di medicina energetica, yoga e benessere fisico potranno inoltre trovare interessante l’ultimo capitolo, quello dedicato agli esercizi di ricarica energetica elaborati da Yogananda, che però, ad essere onesto come sempre, a me non hanno dato sensazioni troppo positive (magari riproverò in futuro).
Buona lettura a tutti.

Fosco Del Nero

Share Button

Le leggi dell'abbondanza - Stuart Wilde (legge di attrazione)Titolo: Le leggi dell’abbondanza (The little money Bible: the ten laws of abundance).
Autore: Stuart Wilde.
Argomenti: ricchezza, legge dell’attrazione.
Editore: Macro Edizioni.
Anno: 1998.
Dove lo trovi: MacrolibrarsiIl giardinoAmazon.

 

Stuart Wilde è uno degli scrittori new age più famosi e letti nel mondo, autore di numerosi best seller come La forza,Gaia e la fine dei giorni, Il sesto senso, I segreti della vita, Il tuo potere invisibile e silenzioso (quest’ultimo recensito su questo sito).

Tra l’altro, Stuart Wilde (padre inglese, madre italiana) è anche un personaggio molto controverso, per gli originali corsi di sviluppo personale che conduceva, per le sue affermazioni su entità non umane, per le sue bizzarre case con pareti semoventi e così via.

In Le leggi dell’abbondanza (sottotitolo Guida pratica alla ricchezza) Wilde ci parla dell’abbondanza e di come attrarre la ricchezza nella nostra vita applicando quelle che sono dunque definite “leggi dell’abbondanza”, nonché sostenendo che arrivare a capire i meccanismi del flusso del denaro è una vera e propria lezione spirituale al pari della comprensione dei meccanismi delle relazioni, della salute, della serenità.

Dunque, spiritualità e abbondanza materiale non sono cose distanti come ci hanno portato a credere, ma anzi possono andare di pari passo (di questi argomenti hanno parlato tanti altri autori, ad esempio Esther Hicks).

Stuart Wilde va anzi oltre, affermando che non sono non vi è contrapposizione tra ricchezza e spiritualità, ma che la ricchezza è un nostro diritto di nascita, e che la stessa natura-esistenza è abbondante e ricca per definizione (e in questo è difficile dargli torto).

In conclusione, Le leggi dell’abbondanza di Stuart Wilde è un libro non troppo lungo (usualmente i libri di Wilde sono brevi) e interessante, soprattutto per coloro che stanno cercando un equilibrio nella direzione dell’abbondanza e della serenità personale.
Buona lettura.

Lara Laguna

Share Button

BAG

tarocchi

 Evolution Personality Test

Non occorre cambiare il mondo.

Cambia semplicemente te stesso e avrai cambiato il mondo intero, perché tu ne fai parte. Se anche un solo essere umano cambia, il suo mutamento si irradierà in migliaia e migliaia di altre persone. Diventerà la scintilla di una rivoluzione che potrà generare un nuovo tipo di essere umano.

[Osho – La via del cuore]

Parole di Potere

Il cammino del mago

Il mondo dall'altra parte

Copertina Parole di Forza

Copertina Il significato esoterico dei Vangeli

Copertina Corso di esistenza

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Accademia della Guerra

Copertina Il Mondo Arcobaleno

Ultimi Commenti

Libri consigliati

Dhammapada
I quattro vangeli
Il giardino cintato della verità
La ricerca
Autobiografia di uno yogi
Il libro della magia divina
Il potere di adesso
Il libro di Mirdad
Prima di Io Sono
I segreti del viaggio interiore
Vedute sul mondo reale
Il Libro di Draco Daatson - Libro
La danza del vuoto
Il vangelo acquariano
Il dito e la Luna
Con te e senza di te
Messaggio per un’aquila che si crede un pollo
Frammenti di un insegnamento sconosciuto
Dio in te - The white book
La via del risveglio planetario
Il Vangelo di Maria Maddalena
La forza sessuale o il drago alato
Officina alkemica
La via del cuore
La via del guerriero di pace
Conversazioni con Yogananda
Uno
Life - I segreti della ghiandola pineale
Superanima Sette - La scuola celeste
Maestri nella nuova energia
Chiedi e ti sarà dato
Il profeta
Il codice del cuore
L'enneagramma
Il vangelo esseno della pace
L'altro volto di gesù
Il segno zodiacale come guida spirituale
Il libro perduto del Dio Enki
Sintesi dell’insegnamento
Il gusto della gioia
Una storia d’amore con l’esistenza
Io Amo Meditare - CD

Contatore visite